Pubblicità

Bulimia (1312281)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 127 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Elisa 18

E' da più di un anno che soffro di dirutrbi bulimici, ovviamente non si ripetevano spesso, al massimo una o due volte al mese. Da tre settimane a questa parte però i vomiti autoindotti si sono intensificati. Non so come fare, non so a chi rivolgermi e mi trovo qui a scrivere cercando disperatamente aiuto. Ho paura di non riuscire a tornare indietro. Non posso parlarne con nessuno, faccio il 5 Liceo scientifico e sono sempre sotto pressione non ho mai il tempo per fare niente, tanto meno per informarmi e per andare da uno psicoterapeuta da sola. Per favore, aiutatemi,grazie.

Elisa, capisco che non hai il tempo o non riesci a trovare il tempo per darti ciò di cui hai bisogno la bulimia ha sempre a che fare con un rapporto sbagliato con se stessi e con la tendenza a screditarsi……ma dovresti veramente cercare di farti aiutare da qualcuno, perché ora la strada che hai intrapreso è modificabile, tra qualche anno diventerà più difficile. Fai qualcosa per te stessa, e se la terapia ti è impossibile da sola, cerca intanto di far venire fuori il problema in famiglia, parlane, chiedi aiuto alle persone di cui ti fidi. Dietro al disturbo c’è, lo ripeto, un cattivo rapporto con se stessi, la tendenza a “farsi del male”, una mancata conoscenza o accettazione di quello che si è, a volte addirittura vergogna. Inizia a interrogarti su quanto ti piaci e quanto ti ami, e cerca di non essere così giudicante nei tuoi stessi confronti. Trova il modo, comunque, di far emergere il tuo malessere e di farti aiutare.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicato in data 07/03/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Demenza Semantica

Con la locuzione demenza semantica o SD (dall'inglese semantic dementia) si fa riferimento ad un particolare tipo di demenza frontotemporale il cui esordio è ca...

News Letters

0
condivisioni