Pubblicità

Schizofasia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 8100 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato.

schizofasia Questo disturbo linguistico è riscontrabile nelle forme di stereotipia e di catatonia, dove la ripetizione reiterata di espressioni non contestualizzate è interpretata come un rituale di difesa contro impulsi e allucinazioni che non si saprebbe controllare in altro modo.

La schizofasia si manifesta come un linguaggio dissociato che viene articolato con parole incomprensibili oppure si compone di vocali note e neologismi disarticolati, tanto da risultare incomprensibili.

Nella sua forma più tipica, il linguaggio asintattico risulta costituito da un miscuglio di vocaboli noti, neologismi, paralogismi e distorsioni semantiche, espresso di solito molto rapidamente.  

Alla fine dell’Ottocento, osservando le produzioni linguistiche dei malati, Emil Kraepelin (1909) introdusse il concetto di schizofasia, detta anche schizolalia, per delineare e spiegare i disturbi cognitivi della dementia praecox.

Diventata ormai abbastanza rara, la schizofasia si presentava con parole o frasi proferite in un linguaggio incomprensibile. Insomma, soprattutto gli enunciati dei pazienti ricoverati negli ospedali psichiatrici sembravano riflettere nella dissoluzione del linguaggio le manifestazioni di scissione della personalità schizofrenica.

A prima vista le produzioni schizofasiche hanno fatto pensare a giochi linguistici senza nessun significato, oppure a insalate di parole (verbigerazione) prive di referenze esplicite o implicite. Ma non è stato sempre così.

Pubblicità

Alcuni studiosi, infatti, hanno trovato nei fenomeni schizofasici o verbigeranti dei soggetti schizofrenici i segni di vere e proprie “lingue inventate”, cioè delle forme di glossolalia.

Secondo le definizioni più comuni, tuttavia, anche la glossolalia consisterebbe semplicemente in giochi di parole espresse in catene fluenti e ritmiche (come nel caso di alcune filastrocche infantili) in cui è  però difficile, se non addirittura inutile, reperire un senso.

In termini pratici e diagnostici, le indagini sugli usi linguistici schizofrenici e paranoici potrebbe riflettere le diverse esperienze cognitive deliranti e, dunque, le diverse forme dei disturbi mentali, assieme ai vincoli biologici - oggi sempre più evidenti - della schizofrenia.

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia  Treccani
  • Dizionario di Scienze Psicologiche, Ed. Simone
  • www.corriere.it
  • www.academia.edu

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: allucinazioni linguaggio personalità significato schizofasia disgregazione insalata di parole disturbo linguistico stereotipia catatonia difesa impulsi neologismi paralogismi distorsioni semantiche schizolalia dementia praecox giochi linguistici glossolalia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Narcoanalisi (o narcoterapia)

Detta anche narcoterapia, è una tecnica diagnostica e terapeutica, utilizzata in psichiatria, che consiste nella somministrazione lenta e continua, per via endo...

Disturbo Esplosivo Intermitten…

Disturbo del comportamento caratterizzato da espressioni estreme di rabbia, spesso incontrollabili e sproporzionate rispetto alla situazione L’IED (Intermitten...

News Letters

0
condivisioni