Pubblicità

Schizofasia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6138 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato.

schizofasia Questo disturbo linguistico è riscontrabile nelle forme di stereotipia e di catatonia, dove la ripetizione reiterata di espressioni non contestualizzate è interpretata come un rituale di difesa contro impulsi e allucinazioni che non si saprebbe controllare in altro modo.

La schizofasia si manifesta come un linguaggio dissociato che viene articolato con parole incomprensibili oppure si compone di vocali note e neologismi disarticolati, tanto da risultare incomprensibili.

Nella sua forma più tipica, il linguaggio asintattico risulta costituito da un miscuglio di vocaboli noti, neologismi, paralogismi e distorsioni semantiche, espresso di solito molto rapidamente.  

Alla fine dell’Ottocento, osservando le produzioni linguistiche dei malati, Emil Kraepelin (1909) introdusse il concetto di schizofasia, detta anche schizolalia, per delineare e spiegare i disturbi cognitivi della dementia praecox.

Diventata ormai abbastanza rara, la schizofasia si presentava con parole o frasi proferite in un linguaggio incomprensibile. Insomma, soprattutto gli enunciati dei pazienti ricoverati negli ospedali psichiatrici sembravano riflettere nella dissoluzione del linguaggio le manifestazioni di scissione della personalità schizofrenica.

A prima vista le produzioni schizofasiche hanno fatto pensare a giochi linguistici senza nessun significato, oppure a insalate di parole (verbigerazione) prive di referenze esplicite o implicite. Ma non è stato sempre così.

Pubblicità

Alcuni studiosi, infatti, hanno trovato nei fenomeni schizofasici o verbigeranti dei soggetti schizofrenici i segni di vere e proprie “lingue inventate”, cioè delle forme di glossolalia.

Secondo le definizioni più comuni, tuttavia, anche la glossolalia consisterebbe semplicemente in giochi di parole espresse in catene fluenti e ritmiche (come nel caso di alcune filastrocche infantili) in cui è  però difficile, se non addirittura inutile, reperire un senso.

In termini pratici e diagnostici, le indagini sugli usi linguistici schizofrenici e paranoici potrebbe riflettere le diverse esperienze cognitive deliranti e, dunque, le diverse forme dei disturbi mentali, assieme ai vincoli biologici - oggi sempre più evidenti - della schizofrenia.

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia  Treccani
  • Dizionario di Scienze Psicologiche, Ed. Simone
  • www.corriere.it
  • www.academia.edu

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: allucinazioni linguaggio personalità significato schizofasia disgregazione insalata di parole disturbo linguistico stereotipia catatonia difesa impulsi neologismi paralogismi distorsioni semantiche schizolalia dementia praecox giochi linguistici glossolalia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Difficoltà nello studio per un…

Annesin, 75 Gentili Signori,ho bisogno di un consiglio, perché vorrei dare una mano a una persona a me cara per un problema piccolo, ma che la inquieta per g...

Depressione (1557401609185)

Victoria, 22 Mi sveglio già stanca, da troppo tempo ormai, quasi da sempre. Mio padre è tornato a casa ieri sera, ha iniziato a sistemare la spesa in cucina ...

Ipocondria (1556980274713)

 Kiki, 30 Salve,Avrei bisogno di un consulto riguardo una persona a me molto vicina e molto cara, la quale soffre di ipocondria. Fortunatamente non ha...

Area Professionale

Articolo 18 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.18 (libertà di scelta), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo sett...

Articolo 17 - il Codice Deonto…

Anche questa settimana proseguiamo su Psiconline.it, con l'art.17 (segreto professionale e tutela della Privacy), il lavoro di analisi e commento, a cura d...

Articolo 16 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it proseguiamo, con il commento all'art.16 (comunicazioni scientifiche e anonimato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini ch...

Le parole della Psicologia

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

News Letters

0
condivisioni