Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il mio ragazzo non raggiunge l'erezione con me (158094)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 33 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marcy8, 23

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 23 anni e da 3 anni e mezzo sto con un ragazzo della mia stessa età. Siamo entrambi alla prima esperienza. Non viviamo assieme. Io studio all'università e lui ha un lavoro stabile e siamo soddisfatti della nostra carriera. La situazione famigliare è buona.
Il nostro rapporto affettivo va a meraviglia, ci vogliamo molto bene e siamo in sintonia su molte delle cose della vita quotidiana. Il problema sta nell'intimità: siamo contenti e ci desideriamo tanto... il problema è che in seguito a qualsiasi tipo di stimolazione da parte mia nei suoi confronti, anche durante rapporti completi, il mio ragazzo sente solo "qualcosina"; mi dice addirittura che non riesce nemmeno a raggiungere la piena erezione. Con me riesce a raggiungere l'orgasmo solo dopo una lunga ed estenuante autostimolazione, ma comunque dice che non è paragonabile a quello che sente quando pratica autoerotismo.
Lui si masturba regolarmente e frequentemente, guardando porno, e non ha alcun problema in quei momenti quindi pensiamo sia da escludere una patologia "fisica". Siccome è così sin dalle prime volte in cui abbiamo iniziato a fare petting, abbiamo inizialmente attribuito il tutto alla nostra scarsa esperienza; poi abbiamo provato varie "strategie" per cercare di risolvere questo problema: cercando di diminuire/aumentare i preliminari, creando situazioni per lui più eccitanti, cambiando luoghi e orari... ma la situazione non cambia: la situazione non migliora nemmeno in vacanza, quando si ha più tempo a disposizione e si è più tranquilli. Abbiamo anche sperato che iniziando ad avere rapporti completi, abbiamo iniziato da pochi mesi, ci saremmo sentiti più complici e tutto sarebbe andato meglio.
Questo in parte è vero: dal punto di vista della complicità molto è migliorato, sopratutto da parte mia perchè ho sempre avuto difficoltà a lasciarmi andare. Ma c'è sempre questo macigno che ci piomba addosso "prima della fine"... non ci pensiamo durante, perchè pensiamo l'un l'altra, alle cose belle che stiamo facendo e a quanto stiamo bene... ma poi c'è sempre un brusco ritorno alla realtà.
Per questo volevamo chiederle: cosa possiamo fare per risolvere al meglio la situazione, per godere appieno del nostro rapporto?

Cara Marcy8
dal racconto esposto emergono alcuni fattori, il primo è l'uso di film porno che è sempre deleterio poichè immedesimarsi in quei filmati, non reali, crea dipendenza e quindi difficilmente poi viene vissuta la realtà sessuale che vive su emozioni, romanticismo.
Qindi per risolvere il problema due sono le strade da seguire, la prima e che il ragazzo consulti uno psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS per poter iniziare una psicoterapia individuale e rimuovere le sue attenzioni per la pornografia.
La seconda se non è stato risolto, in coppia sempre dal sessuologo iniziare un percorso psicoterapeutico che vi aiuterà a raggiungere gli obbiettivi prefissati.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 12/03/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Parafrenia

Sindrome psicotica, caratterizzata da vivaci allucinazioni (per lo più uditive, ma anche visive, tattili, olfattive, ecc.) e da idee deliranti, associate a di...

News Letters

0
condivisioni