Pubblicità

Il mio ragazzo non raggiunge l'erezione con me (158094)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 51 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marcy8, 23

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 23 anni e da 3 anni e mezzo sto con un ragazzo della mia stessa età. Siamo entrambi alla prima esperienza. Non viviamo assieme. Io studio all'università e lui ha un lavoro stabile e siamo soddisfatti della nostra carriera. La situazione famigliare è buona.
Il nostro rapporto affettivo va a meraviglia, ci vogliamo molto bene e siamo in sintonia su molte delle cose della vita quotidiana. Il problema sta nell'intimità: siamo contenti e ci desideriamo tanto... il problema è che in seguito a qualsiasi tipo di stimolazione da parte mia nei suoi confronti, anche durante rapporti completi, il mio ragazzo sente solo "qualcosina"; mi dice addirittura che non riesce nemmeno a raggiungere la piena erezione. Con me riesce a raggiungere l'orgasmo solo dopo una lunga ed estenuante autostimolazione, ma comunque dice che non è paragonabile a quello che sente quando pratica autoerotismo.
Lui si masturba regolarmente e frequentemente, guardando porno, e non ha alcun problema in quei momenti quindi pensiamo sia da escludere una patologia "fisica". Siccome è così sin dalle prime volte in cui abbiamo iniziato a fare petting, abbiamo inizialmente attribuito il tutto alla nostra scarsa esperienza; poi abbiamo provato varie "strategie" per cercare di risolvere questo problema: cercando di diminuire/aumentare i preliminari, creando situazioni per lui più eccitanti, cambiando luoghi e orari... ma la situazione non cambia: la situazione non migliora nemmeno in vacanza, quando si ha più tempo a disposizione e si è più tranquilli. Abbiamo anche sperato che iniziando ad avere rapporti completi, abbiamo iniziato da pochi mesi, ci saremmo sentiti più complici e tutto sarebbe andato meglio.
Questo in parte è vero: dal punto di vista della complicità molto è migliorato, sopratutto da parte mia perchè ho sempre avuto difficoltà a lasciarmi andare. Ma c'è sempre questo macigno che ci piomba addosso "prima della fine"... non ci pensiamo durante, perchè pensiamo l'un l'altra, alle cose belle che stiamo facendo e a quanto stiamo bene... ma poi c'è sempre un brusco ritorno alla realtà.
Per questo volevamo chiederle: cosa possiamo fare per risolvere al meglio la situazione, per godere appieno del nostro rapporto?

Cara Marcy8
dal racconto esposto emergono alcuni fattori, il primo è l'uso di film porno che è sempre deleterio poichè immedesimarsi in quei filmati, non reali, crea dipendenza e quindi difficilmente poi viene vissuta la realtà sessuale che vive su emozioni, romanticismo.
Qindi per risolvere il problema due sono le strade da seguire, la prima e che il ragazzo consulti uno psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS per poter iniziare una psicoterapia individuale e rimuovere le sue attenzioni per la pornografia.
La seconda se non è stato risolto, in coppia sempre dal sessuologo iniziare un percorso psicoterapeutico che vi aiuterà a raggiungere gli obbiettivi prefissati.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 12/03/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Affetto

L'affetto (dal latino adfectus, da adficere, cioè ad e facere, che significa "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega una persona...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Atassia

L’atassia è un disturbo della coordinazione dei movimenti che deriva da un deficit del controllo sensitivo. ...

News Letters

0
condivisioni