Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Il mio ragazzo non raggiunge l'erezione con me (158094)

on . Postato in Sessualità | Letto 12 volte


Marcy8, 23

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 23 anni e da 3 anni e mezzo sto con un ragazzo della mia stessa età. Siamo entrambi alla prima esperienza. Non viviamo assieme. Io studio all'università e lui ha un lavoro stabile e siamo soddisfatti della nostra carriera. La situazione famigliare è buona.
Il nostro rapporto affettivo va a meraviglia, ci vogliamo molto bene e siamo in sintonia su molte delle cose della vita quotidiana. Il problema sta nell'intimità: siamo contenti e ci desideriamo tanto... il problema è che in seguito a qualsiasi tipo di stimolazione da parte mia nei suoi confronti, anche durante rapporti completi, il mio ragazzo sente solo "qualcosina"; mi dice addirittura che non riesce nemmeno a raggiungere la piena erezione. Con me riesce a raggiungere l'orgasmo solo dopo una lunga ed estenuante autostimolazione, ma comunque dice che non è paragonabile a quello che sente quando pratica autoerotismo.
Lui si masturba regolarmente e frequentemente, guardando porno, e non ha alcun problema in quei momenti quindi pensiamo sia da escludere una patologia "fisica". Siccome è così sin dalle prime volte in cui abbiamo iniziato a fare petting, abbiamo inizialmente attribuito il tutto alla nostra scarsa esperienza; poi abbiamo provato varie "strategie" per cercare di risolvere questo problema: cercando di diminuire/aumentare i preliminari, creando situazioni per lui più eccitanti, cambiando luoghi e orari... ma la situazione non cambia: la situazione non migliora nemmeno in vacanza, quando si ha più tempo a disposizione e si è più tranquilli. Abbiamo anche sperato che iniziando ad avere rapporti completi, abbiamo iniziato da pochi mesi, ci saremmo sentiti più complici e tutto sarebbe andato meglio.
Questo in parte è vero: dal punto di vista della complicità molto è migliorato, sopratutto da parte mia perchè ho sempre avuto difficoltà a lasciarmi andare. Ma c'è sempre questo macigno che ci piomba addosso "prima della fine"... non ci pensiamo durante, perchè pensiamo l'un l'altra, alle cose belle che stiamo facendo e a quanto stiamo bene... ma poi c'è sempre un brusco ritorno alla realtà.
Per questo volevamo chiederle: cosa possiamo fare per risolvere al meglio la situazione, per godere appieno del nostro rapporto?

Cara Marcy8
dal racconto esposto emergono alcuni fattori, il primo è l'uso di film porno che è sempre deleterio poichè immedesimarsi in quei filmati, non reali, crea dipendenza e quindi difficilmente poi viene vissuta la realtà sessuale che vive su emozioni, romanticismo.
Qindi per risolvere il problema due sono le strade da seguire, la prima e che il ragazzo consulti uno psicoterapeuta sessuologo iscritto alla FISS per poter iniziare una psicoterapia individuale e rimuovere le sue attenzioni per la pornografia.
La seconda se non è stato risolto, in coppia sempre dal sessuologo iniziare un percorso psicoterapeutico che vi aiuterà a raggiungere gli obbiettivi prefissati.
Auguri

 

(Risponde il Dott.Puggelli Sergio)

Pubblicato in data 12/03/2013

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

News Letters