Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Problemi di sessualità (071889)

0
condivisioni

on . Postato in Sessualità | Letto 30 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giuseppe 18 anni, 25.04.2004

Salve!Sono un ragazzo di 18 anni, fidanzato da 2 mesi con una ragazza dolcissima, un anno più piccola. Il mio problema, che mi assilla da tre mesi a questa parte, è che non riesco a fare l'amore con la mia ragazza.ci avrò provato circa 4 volte ma ora non mi va più perché ogni qualvolta si verifica la situazione del fallimento,ci sto male,soprattutto le prime volte,ora mi sono quasi rassegnato. Il bello è che io l'erezione c'è l'ho e l'avverte anche lei, ma quando arrivo al punto di....cilecca!
Io voglio farlo con lei, mi sento pronto ma non so che mi viene.Ho pensato alle possibili cause e provo a sintetizzarle in breve anche se non sono in grado di comprendere quali possono essere le significative a svelare la radice del problema.
Ho avuto per un po' di tempo il dubbio d'essere bisex , un dubbio che non è scomparso del tutto ma che dopo il mio fidanzamento con lei avverto molto molto meno.anzi le dirò.le mie fantasie sessuali credo siano,anzi al momento sono,unicamente fe mminili.
All'età di 13-14 anni circa ho avuto esperienze con il mio stesso sesso(con un amico.un vicino di casa e mio cugino) ma non ci ho mai dato molto peso alla cosa perché penso siano del tutto innocue e legate al forte desiderio di sfogo e di " scoperta" in età di pieno sviluppo.
Ora che vorrei farlo con una persona del sesso opposto sono impedito e non so che pagherei per capire almeno la motivazione.
Le devo anche dire che ho un forte desiderio di parlare con uno psicologo MASCHIO(ho molta fiducia in questa categoria professionale, perché sono appassionato diPSICOLOGIA) e probabilmente lo farò al più presto.
Quasi dimenticavo: lei non è vergine,ha avuto un rapporto con un ragazzo(un rapporto che io sto accettando pian piano solo adesso ma che mi ha fatto stare molto male)quando ancora non stavamo insieme.
Un'esperienza che lei sta vivendo con grandi sensi di colpa,perché non del tutto voluta,anzi forse per niente.
Potrebbe essere anche ansia da confronto?oppure che ne so.il non aver accettato quanto accaduto tra lei e questo ragazzo?oppure si tratta di confusione dovuta all'orientamento sessuale e alle precedenti mie esperienze?potrei essere impotente?sarà che non mi sento del tutto attratto da lei o che la vedo ancora come un'amica?
La prego mi dia un suo parere,per me è molto importante. Un'ulteriore curiosità: ho una fissazione,forse si chiama compulsione,quella cioè di lavarmi frequentemente le mani quando tocco qualcosa di "scolastico"..se ho toccato il cell a scuola,di ritorno a casa arrivo anche a bagnarlo più volte(col rischio di fare entrare acqua dai tasti)..poi bagno anche i jeans o la felpa,qualsiasi cosa che è venuta a contatto con materiale scolastico.
Una cosa stranissima,inspiegabile che non riesco a controllare. A cosa è dovuta?potrebbe essere riconducibile con il mio problema che le ho esposto prima? ps=mi conviene chiudere per un po' con lei?però mi dispiace perchè ci tiene tantissimo a me e ci starebbe male.GRAZIE,anche solo x avermi ascoltato.

Caro Giuseppe se la ragazza con cui stai ti interessa veramente per il momento non prendere alcuna decisione. Le incertezze che provi verso di lei forse non sono vere e potrebbero derivare dal disagio personale che sta sperimentando.
Ho focalizzato la mia attenzione su quell'aspetto che tu quasi stavi omettendo e cioè la compulsione.
Questa manifestazione è sintomatica del disturbo ossessivo-compulsivo (D.O.C) che è un disturbo d'ansia e spesso è associato ad altre manifestazioni ansiogene.
Quindi la connessione che ipotizzavi tra le due sintomatologie è l'ansia.
Clinicamente le ossessioni più frequenti riguardano la paura di contaminazione che esprimono qualche impulso sessuale o aggressivo, oppure le paure ipocondriache di disturbi fisici.
Le ossessioni possono presentarsi anche come una forma estrema di dubbio, indecisione e procrastinazione.
Nel tuo caso l'ossessione è legata alla paura di contaminazione dall'ambiente scolastico e il rituale del lavaqggio è un azione mentale che ti senti costretto a fare per ridurre il disagio causato dall'ossessione.
Per evitare che la sintomatologia, come è probabile, diventi più invasiva devi assolutamente intraprendere una psicoterapia che ti servirà anche per affrontare il problema sessuale.
Per questo tipo di problematiche la terapia più appropriata è quella di tipo cognitico-comportamentale. Auguri
0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni