Pubblicità

La propensione a sentire le "voci" nella schizofrenia può essere stabilita dall'infanzia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 498 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Alcune persone che soffrono di gravi malattie mentali, in particolare la schizofrenia, sentono "voci", note come allucinazioni uditive. Questo sintomo, che colpisce oltre l'80% dei pazienti, è tra i sintomi più prevalenti e angoscianti della schizofrenia. I pazienti "sentono le voci" parlare con loro o su di loro senza che nessuno sia effettivamente lì.

voci schizofrenia

Le allucinazioni uditive, che di solito iniziano nell'adolescenza e nella giovane età adulta, "suonano" molto reali per i pazienti e possono avere un impatto devastante sulla loro qualità della vita perché le "voci" sono in genere angoscianti e distraenti, a volte costringendo il malato a compiere azioni suicide o violente . Scoprire le origini biologiche delle allucinazioni uditive è essenziale per ridurre il loro contributo alla schizofrenia.


Per studiare le origini biologiche del "sentire le voci" in pazienti con schizofrenia, un team guidato dai ricercatori della Icahn School of Medicine del Mount Sinai Hospital, ha utilizzato l'imaging ad altissimo campo per confrontare la corteccia uditiva dei pazienti schizofrenici con individui sani. Hanno scoperto che i pazienti schizofrenici che avevano sperimentato allucinazioni uditive avevano un'organizzazione tonotopica anomala della corteccia uditiva.

La tonotopia è la rappresentazione ordinata della frequenza del suono nella corteccia uditiva, che è stabilita nell'utero e nell'infanzia e che non si basa su operazioni cognitive di ordine superiore. I risultati dello studio, che appaiono su Nature Partner Journal NPJ Schizophrenia, suggeriscono che la vulnerabilità allo sviluppo di queste "voci" è probabilmente stabilita molti anni prima che iniziano i sintomi.

"Poiché le allucinazioni uditive sembrano voci reali, volevamo verificare se i pazienti con tali esperienze presentavano anomalie nella corteccia uditiva, che è la parte del cervello che elabora i suoni reali dall'ambiente esterno", afferma Sophia Frangou, MD, PhD, Professoressa di Psichiatria presso l'Icahn School of Medicine del Mount Sinai Hospital".

In particolare, il team di ricerca ha utilizzato uno scanner ad altissimo campo con un potente magnete 7 Tesla per ottenere immagini ad alta risoluzione dell'attività cerebrale mentre i partecipanti allo studio hanno ascoltato passivamente i toni attraverso una gamma di frequenze da molto basse a molto alte. In cervelli sani, questi suoni vengono elaborati in modo molto organizzato; ogni frequenza attiva una parte specifica della corteccia uditiva formando una mappa tonotopica.

Pubblicità

Il team ha ottenuto mappe tonotopiche da 16 pazienti con schizofrenia con una storia di allucinazioni uditive ricorrenti e 22 partecipanti allo studio sani. Hanno scoperto che i pazienti hanno mostrato una maggiore attivazione in risposta alla maggior parte delle frequenze sonore. Inoltre, la mappatura della maggior parte delle frequenze sonore su parti della corteccia uditiva è apparsa "confusa" nei pazienti con schizofrenia, suggerendo che i processi normali per la rappresentazione organizzata del suono nel cervello degli schizofrenici sono interrotti.

"Poiché la mappa tonotopica è stabilita quando le persone sono ancora neonate e rimane stabile per tutta la vita, i nostri risultati dello studio suggeriscono che la vulnerabilità allo sviluppo delle "voci" è collegata a una deviazione nell'organizzazione del sistema uditivo che si verifica durante l'infanzia e precede lo sviluppo del linguaggio e l'insorgenza di sintomi psicotici da molti anni. Ciò è particolarmente eccitante perché significa che potrebbe essere possibile identificare molto presto potenziali individui vulnerabili, come la progenie di pazienti affetti da schizofrenia."

Secondo gli autori, oltre ad aiutare i medici a individuare le persone che potrebbero sperimentare allucinazioni prima che i sintomi compaiano o diventino gravi, la corteccia uditiva può essere un'area di considerazione per i nuovi metodi di neuromodulazione per aiutare i pazienti che hanno già sintomi.

Guardando al futuro, il team di ricerca della Dottoressa Frangou replicherà ed espanderà le attuali osservazioni in campioni più grandi per determinare la loro rilevanza per le allucinazioni attraverso le diagnosi e per quantificare l'associazione tra l'interruzione tonotopica all'attivazione corticale uditiva e la connettività durante esperienze allucinatorie reali.


Fonte:

  • Gaelle E. Doucet, Maxwell J. Luber, Priti Balchandani, Iris E. Sommer, Sophia Frangou. Abnormal auditory tonotopy in patients with schizophrenia. npj Schizophrenia, 2019; 5 (1) DOI: 10.1038/s41537-019-0084-x



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: schizofrenia news di psicologia voci

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

News Letters

0
condivisioni