Pubblicità

Qualità del sonno correlata al rischio di Alzheimer

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 360 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Un nuovo studio mostra che gli adulti più anziani che riferiscono di essere molto assonnati durante il giorno avevano quasi tre volte più probabilità di avere depositi cerebrali di beta amiloide, una proteina che è un segno per la malattia di Alzheimer, anni dopo.

sonno alzheimer

Lo studio a lungo termine, pubblicato sulla rivista SLEEP, sostiene la tesi che un sonno notturno adeguato potrebbe essere un modo per aiutare a prevenire la malattia di Alzheimer.

"Fattori come la dieta, l'esercizio fisico e l'attività cognitiva sono stati ampiamente riconosciuti come importanti obiettivi potenziali per la prevenzione della malattia di Alzheimer, ma il sonno non è stato ancora riconosciuto come tali, anche se potrebbe esserlo a breve", ha detto Adam P. Spira, Ph. D., professore associato presso il Dipartimento di salute mentale della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health.

"Se il sonno disturbato contribuisce alla malattia di Alzheimer, potremmo essere in grado di trattare i pazienti con problemi di sonno per evitare questi esiti negativi", ha aggiunto Spira, che ha guidato lo studio con i collaboratori del National Institute on Aging (NIA), la Bloomberg School, e Johns Hopkins Medicine.

Lo studio ha utilizzato i dati del Baltimora Longitudinal Study of Aging (BLSA), uno studio a lungo termine iniziato dalla NIA nel 1958 che ha seguito la salute di migliaia di volontari che invecchiano.

Come parte degli esami periodici dello studio, i volontari hanno compilato un questionario tra il 1991 e il 2000 che poneva una semplice domanda: "Ti addormenti spesso o ti addormenti durante il giorno quando desideri essere sveglio?"

Pubblicità

Gli è stato anche chiesto, "Fai un sonnellino?" Con le opzioni di risposta di "ogni giorno", "1-2 volte a settimana", "3-5 volte a settimana" e "raramente o mai".

Un sottogruppo di partecipanti allo studio BLSA ha anche iniziato a ricevere valutazioni di neuroimaging nel 1994. A partire dal 2005, alcuni di questi partecipanti hanno ricevuto la tomografia a emissione di positroni (PET) utilizzando il composto B di Pittsburgh (PiB), un composto radioattivo che può aiutare a identificare la beta-amiloide placche nel tessuto neuronale.

Queste placche sono un segno distintivo del morbo di Alzheimer, così hanno spiegato i ricercatori. I ricercatori hanno identificato 123 volontari che hanno risposto alle domande precedenti e hanno effettuato una scansione PET con PiB in media circa 16 anni dopo. Hanno poi analizzato questi dati per vedere se c'era una correlazione tra i partecipanti che hanno riferito sonnolenza diurna o sonnellino e se hanno ottenuto un punteggio positivo per la deposizione di beta-amiloide nel loro cervello.

Prima di adattarsi ai fattori demografici che potevano influenzare la sonnolenza diurna, come età, sesso, educazione e indice di massa corporea, i loro risultati hanno mostrato che coloro che hanno riportato sonnolenza diurna avevano una probabilità circa tre volte maggiore di deposizione di beta-amiloide rispetto a quelli che non avevano segnalato sonnolenza diurna.

Dopo la correzione di questi fattori, i ricercatori hanno segnalato che il rischio era ancora 2,75 volte più alto in quelli con sonnolenza diurna. Il rischio non aggiustato per la deposizione di beta-amiloide era circa il doppio di quello dei volontari che hanno riferito di averlo fatto, ma questo non ha raggiunto la significatività statistica, hanno osservato i ricercatori.

Secondo Spira, non è chiaro perché la sonnolenza diurna sia correlata alla deposizione di proteina beta-amiloide. Una possibilità è che la stessa sonnolenza diurna possa in qualche modo causare la formazione di questa proteina nel cervello.

Sulla base di ricerche precedenti, una spiegazione più probabile è che il sonno disturbato - a causa dell'apnea ostruttiva del sonno, ad esempio - o il sonno insufficiente a causa di altri fattori causa la formazione di placche beta-amiloide attraverso un meccanismo attualmente sconosciuto, e che anche questi disturbi del sonno causino eccessiva sonnolenza diurna.

"Tuttavia, non possiamo escludere che le placche di amiloide che erano presenti al momento della valutazione del sonno abbiano causato la sonnolenza", ha aggiunto. I ricercatori sanno da tempo che i disturbi del sonno sono comuni nei pazienti con diagnosi di malattia di Alzheimer. Lo stress per il caregiver di stare con i pazienti di notte è una delle ragioni principali per cui i pazienti affetti da malattia di Alzheimer devono essere sottoposti a cure a lungo termine.

Le placche beta-amiloidi in crescita e i relativi cambiamenti cerebrali sono pensati per influenzare negativamente il sonno. Ma questo nuovo studio aggiunge alla crescente evidenza che il sonno povero potrebbe effettivamente contribuire allo sviluppo della malattia di Alzheimer.

Ciò suggerisce che la qualità del sonno potrebbe essere un fattore di rischio condizionato da disturbi di targeting che influenzano il sonno, come apnea ostruttiva del sonno e insonnia, così come fattori di livello sociale e individuale, come la perdita di sonno dovuta al lavoro o l'uso eccessivo della TV.

 

Tratto da Psych Central

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sonno morbo di Alzheimer news di psicologia sonnolenza beta amiloide

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

Egocentrismo

L’egocentrismo è l'atteggiamento e comportamento del soggetto che pone se stesso e la propria problematica al centro di ogni esperienza, trascurando la presenza...

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

News Letters

0
condivisioni