Pubblicità

Articolo 1 - Codice Deontologico degli Psicologi Italiani

0
condivisioni

on . Postato in Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo | Letto 679 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (6 Voti)

Iniziamo il lungo viaggio fra gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani con il commento all'articolo 1, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini

il codice deontologico degli psicologi italiani commentato articolo1Articolo 1

Le regole del presente Codice Deontologico sono vincolanti per tutti gli iscritti all’Albo degli psicologi.
Lo psicologo è tenuto alla loro conoscenza e l’ignoranza delle medesime non esime dalla responsabilità disciplinare.
Le stesse regole si applicano anche nei casi in cui le prestazioni, o parti di esse, vengano effettuate a distanza, via Internet o con qualunque altro mezzo elettronico e/o telematico.

Si tratta proprio di un ‘primo’ articolo.

E, come primo articolo, ci dice alcune cose ‘in premessa’ molto importanti.

  1. Le regole del Codice Deontologico sono vincolanti: tale loro forza discende dall’approvazione referendaria, in virtù della quale gli iscritti, o comunque la maggioranza di essi, hanno accettato di sottostare ai canoni stabiliti nelle norme deontologiche e si tramanda ai nuovi iscritti.

In ciò si sostanzia la differenza tra il Codice e le Linee Guida o le Raccomandazioni, che, pur godendo di tanta autorevolezza quanto più accreditati presso la comunità professionale sono gli enti o i singoli professionisti che le hanno redatte, non hanno di per sé natura coercitiva.

  1. Le regole del Codice Deontologico sono vincolanti per gli iscritti all’Albo degli psicologi: un Codice deontologico perimetra la sua giurisdizione a una specifica comunità professionale, non è una legge generale.

Potrebbe sembrare ovvio, ma non lo è affatto: basti pensare a quante segnalazioni di esercizio abusivo della professione da parte di altre figure professionali vengono inviate agli Ordini regionali degli psicologi.

Tuttavia, tali Ordini sono del tutto incompetenti a riguardo poiché le altre figure professionali, non essendo iscritte all’Albo degli psicologi, non sono soggette al controllo diretto da parte dell’Ordine.

Pubblicità

In ogni caso, tali segnalazioni non vengono lasciate cadere; anzi, l’Ordine, in quanto Ente pubblico nonché organo preposto alla tutela della professione, è tenuto a rimettere ogni eventuale notizia di esercizio abusivo alle Autorità competenti, cioè alla Procura della Repubblica.

Inoltre, in caso di rinvio a giudizio della persona incolpata di tale reato, l’Ordine può costituirsi parte civile nel processo.

Rientra pienamente nella competenza dell’Ordine, invece, la valutazione in termini deontologici di ogni condotta adottata dagli psicologi iscritti all’Albo che sia direttamente riconducibile all’esercizio della professione o comunque suscettibile di ripercuotersi negativamente sui generali principi del decoro e della dignità professionale.

  1. Costituirebbe quindi una forma di tutela la conoscenza degli articoli del Codice, al netto dell’obbligo deontologico sancito dal secondo comma di questo primo articolo.

Purtroppo, il Codice è vissuto nei suoi molti termini suggestivi e anche molto in termini di conoscenza culturale. Ma è vissuto molto meno nei suoi termini tecnici e come riferimento concreto a quello che praticamente dice riguardo al quotidiano esercizio professionale.

Molte delle domande che lo psicologo si pone a riguardo, a ben vedere trovano molto spesso già direttamente le risposte dentro l’articolato del Codice.

  1. L’ultimo comma di questo primo articolo, relativo alle forme on line della professione, ha costituito l’approdo più economico e funzionale di un lungo dibattito.

C’era chi proponeva di aggiungere una sezione apposita per la professione on line, chi proponeva di aggiungere ad ogni articolo un comma finale che lo declinasse in una sua eventuale dimensione on line.

Tale declinazione forse investe più direttamente gli aspetti tecnici e tecnologici di un eventuale esercizio professionale on line ma, forse, dal punto di vista deontologico, cambia poco.

Considerare che il Codice vale, allo stesso modo, per ogni esercizio professionale dello psicologo, già risolve un obbligo di vigilanza su tutto lo spettro degli esercizi professionali prefigurabili.

E, risolverla in un solo comma di un solo articolo, forse rende più ovvio considerare l’esercizio professionale on line come, a tutto titolo parte dell’esercizio professionale dello psicologo.

 

Settimana dopo settimana commenteremo tutti gli articoli del Codice Deontologico degli Psicologi Italiani. L'appuntamento con il commento all'Articolo 2 è per la prossima settimana. Non mancate.

In questa pagina trovate tutti i commenti finora pubblicati!

 

(a cura del Dottor Catello Parmentola e dell'Avvocato Elena Leardini)

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

 

Tags: psicologia codice deontologico catello parmentola elena leardini commenti

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Disturbo di conversione

Consiste nella perdita o nell’alterazione del funzionamento fisico, all’origine del quale vi sarebbe un conflitto o un bisogno psicologico I sintomi fisici non...

News Letters

0
condivisioni