Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Violenza e aggressività in aumento tra i giovani?

on . Postato in Editoriale | Letto 1314 volte

Dott. Alessandro Costantini
Pedagogista, psicologo psicoterapeuta

Agli occhi di molti adulti, l’attuale è una generazione di giovani e di adolescenti che sembra non avere né punti di riferimento nè valori positivi forti, che mette in luce l’assenza di progettualità per il futuro, di regole e di limiti precostituiti, che sembra perdersi nella ricerca di situazioni e comportamenti irrazionali, confrontandosi con il limite estremo, il rischio non calcolato, l’esagerazione.

Facendo aumentare anche comportamenti di intolleranza, aggressività, microcriminalità.

Questi atteggiamenti, a detta di molti, travalicano la naturale confusione comportamentale tipica dell’adolescenza, e si tramutano in un vero e proprio disagio generazionale, un disorientamento dei giovani, incapaci di costruire nuovi valori positivi per la società di fronte a cambiamenti sociali molto importanti. Ovviamente è una lettura parziale, che non rappresenta la complessità della realtà.

I comportamenti dei giovani e degli adolescenti in particolare, sono da sempre comunque difficili da interpretare. La tendenza all’egocentrismo e al protagonismo giovanile, la difficoltà di rapporti con il mondo adulto, l’incoscienza e l’atteggiamento di sfida riguardo alle regole sociali, hanno sempre contraddistinto i loro comportamenti. Un difficile conflitto tra generazioni si ripropone ogni volta che avvengono importanti modificazioni sociali, che influenzano gli atteggiamenti individuali e di gruppo e che diversificano le risposte che vengono date per adattarsi questi cambiamenti. Appartenere al mondo adulto o a quello giovanile può fare la differenza.

Come sempre.
L’opinione pubblica è comunque in allarme perché registra l’aumento della violenza e della aggressività giovanile e si interroga perplessa su come potrà mai essere il futuro della società. Questa tendenza a ricercare un capo espiatorio, è tipica di una difficoltà a sapersi mettere in discussione, e impedisce la ricerca di un’analisi prima di tutto all’interno della società stessa per comprenderne le cause più profonde.

Alcune considerazioni aiutano meglio definire il problema se poniamo una riflessione sull’aggressività.

1. L’aggressività è costitutiva dell’essere umano. L’aggressività è un istinto di base dell’essere umano, una componente fondamentale dell’inconscio insieme agli altri impulsi primordiali (presenti fin dalla nascita) che spingono l’uomo ad agire per soddisfare i propri immediati bisogni (istinto di sopravvivenza). L’aggressività ha una componente positiva laddove, alla sua origine, ci consente di difenderci e preservarci nel momento in cui avvertiamo un pericolo e non possiamo fuggire.
La paura attiva l’aggressività come difesa, che si esprime attraverso azioni di ostilità, violenza, distruzione, dominio. I comportamenti aggressivi umani fanno parte della natura umana. L’uomo è sopravvissuto ad una natura più forte di lui grazie alla sua capacità di ragionamento di fronte ai problemi e alla sua aggressività per riuscire ad imporsi.

2. Frenare l’aggressività favorisce la società. Lo sviluppo della società e della convivenza civile hanno però portato l’uomo a controllare le parti più estreme ed impulsive della propria aggressività, che è servita d’altro canto a conquistare e a difendere quelle finalità che gli sono connaturate e delle quali non può fare a meno.
Il vivere sociale, di fatto, permette una convivenza meno pericolosa e problematica per tutti, favorisce l’emergere di una etica di specie alla quale si ispira il genere umano (i sentimenti di umanità, di universalità, di appartenenza..), l’elaborazione di alcuni valori generali condivisi (i diritti umani, la cooperazione e solidarietà internazionale..), lo sviluppo delle scienze del pensiero e della creatività scientifica ed artistica come massime espressione della propria specificità. ( v. come riferimenti il contratto sociale di Hobbs o la piramide dei bisogni di Maslow )

3. Permane un’aggressività diffusa a diversi livelli. Ma l’aggressività visibile ed eclatante ovviamente non è scomparsa. Ci sono Stati, popoli, organizzazioni, gruppi, che impongono attraverso la violenza e il dominio, le guerre e il potere economico, i propri interessi ed obiettivi, il proprio particolare modo di vedere, la difesa della propria sopravvivenza. Innescando, da parte di chi si ritiene sopraffatto, reazioni a catena di ugual segno. Aggressività di chi attacca e aggressività di chi si difende.
Anche la quotidianità è ricca di comportamenti aggressivi. Ci sono persone che faticano a domare questo impulso o non lo vogliono controllare. Si pongono verso l’altro con ostilità, arroganza, urlando e usando la parte più aggressiva di se stessi. Altri che usano l’aggressività in positivo per perseguire con determinazioni progetti ed idee, per affermarsi nel mondo del lavoro, nelle relazioni sociali, in quelle famigliari o per difendere la loro dignità da persone prepotenti ed aggressive.

4. Aggressività positiva e negativa. L’aggressività può avere dunque un segno costruttivo ed uno distruttivo. Da una parte ci permette di soddisfare l’istinto di conservazione cercando di affermare noi stessi nel mondo.
Cercando di favorire e preservare le nostre esigenze e il benessere individuale e sociale, dandoci le energie necessarie per superare gli ostacoli e utilizzando l’assertività per farci valere. Dall’altra viene attivata, in maniera a volte improvvisa ed impulsiva, a volte predeterminata, un’aggressività distruttiva, foriera di conseguenze negative per sé o per gli altri, che si attiva di fronte a paure più o meno consapevoli, che innescano il primordiale meccanismo difensivo di aggressione, violenza, dominio.

5. Come dosare l’aggressività? L’aggressività non è un impulso incontrollabile. Lo sviluppo di alcune parti e funzioni cerebrali (lobi frontali, amigdala..) e l’allenamento comportamentale possono aiutare ad incanalarla. In maniera semplicistica dipende da quanto la lasciamo fuoriuscire da quel contenitore immaginario nel quale è riposta.
E’ una questione che dipende molto dalla nostra capacità di autocontrollo e dalla valutazione, quasi in termini percentuali, di quanto sia necessaria per affrontare le diverse situazioni di vita. In termini ipotetici, tanto per dimensionare il discorso : se devo affermare una mia opinione con un amico ne userò il 5% , se devo difendere la mia dignità sul lavoro il 40% se devo sopravvivere ad una aggressione fisica il 100%. Sta a noi dosarla in maniera adeguata, per favorire i nostri bisogni senza metterli troppo in conflitto con la necessità di adattamento, e quindi di rinuncia dall’essere aggressivi o assertivi, alla situazione stessa.

La capacità di autocontrollo e i limiti sociali aiutano quindi a guidare in maniera costruttiva la nostra naturale aggressività. Se non c’è l’uno e non ci sono gli altri l’aggressività è destinata a scatenarsi nelle sue forme più distruttive e violente. Probabilmente una parte di aggressività violenta ma latente è presente a livello individuale in ognuno di noi. Non si spiegherebbero certi eclatanti episodi come durante la guerra in Bosnia e Croazia, dove si è assistito all’assassinio gratuito di pacifici vicini di casa e addirittura di parenti, solo perché appartenenti ad etnie diverse.

Oppure l’aggressione fisica da parte di cosiddetti rispettabili cittadini che, per ripristinare le cose secondo il loro modo di vedere, tendono a farsi giustizia da sé, nei confronti dei comportamenti a dir loro poco civili di chi è diverso, in particolare extracomunitari e barboni, e che per razza, cultura o stato economico non hanno la loro stessa sensibilità civile.

Frequenti anche lo scatenarsi di raptus improvvisi e di omicidi in famiglia da parte di persone apparentemente tranquille e adeguate al vivere sociale. Infine basti pensare a ciò che è successo nella civilissima America a New Orleans, dove, dopo la recente inondazione, assente e impotente la polizia, la popolazione è stata preda della la violenza e della legge del più forte instaurata da gruppi di criminali violenti ma anche di persone comuni, che in un clima di totale impunità hanno rapinato, ucciso, violentato, tenendo sotto scacco migliaia di persone impaurite.

Ci sono poi azioni aggressive tra le più distruttrici come le guerre, pensiamo alla ex Jugoslavia, all’Afganistan, all’Iraq, alla Palestina, al corno d’Africa, che vengono legittimate e giustificate da interessi difensivi, da mire espansionistiche, o da rivendicazioni territoriali antiche e secolari, che dimostrano che anche le ragioni di strategia economica e di geo-politica hanno come substrato le radici di profonde paure (il nemico etnico, il terrorismo, la carenza di petrolio, la perdita territoriale, la sopraffazione tribale) e delle conseguenti esigenze di controllo e di dominio.

L’aggressività e dunque dentro di noi ed è fuori di noi. Influenza comportamenti e modi di pensare. Autocontrollo e regole sociali hanno il compito di arginarla ed eventualmente guidarla verso usi più costruttivi.

Ma quando si impara l’autocontrollo e i limiti sociali?

Proviamo a semplificare. Il momento di maggior apprendimento nella dinamica evolutiva dell’uomo è senza dubbio l’età infantile e quella adolescenziale. Quando cioè c’è più ricettività nell’apprendere ed eventualmente conformarsi a ciò che viene trasmesso dal mondo adulto. Quindi le domande conseguenti sono : che cosa trasmette il mondo adulto ai giovani? E come lo trasmette? Quanta capacità di autocontrollo hanno i giovani? E quanto fanno propri i limiti sociali?

Brevi e sintetiche risposte:

1. Il cosa si trasmette.
I giovani fanno parte di questo mondo e di questa natura umana quindi hanno la loro quota di aggressività negativa che va controllata. E’ così da sempre e sempre sarà. Vanno dunque educati per inserirsi positivamente nella vita sociale. Una delle prime forme di apprendimento avviene per modellamento. Che è una necessità psicologica del bambino e dell’adolescente di avere modelli di riferimento per strutturare la propria personalità ed imitare comportamenti che si pensano adeguati. Questo è il percorso di crescita di cui hanno bisogno e che in qualche misura richiedono.

E’ chiaro che gli adulti cercheranno di trasmettere regole sociali e valori da rispettare che favoriscano l’adattamento al mondo in cui si vive. Ma se il mondo, la società, gli adulti, a volte la famiglia e la scuola nel come vengono percepiti, danno di sé un’ immagine aggressiva o di eccessiva tolleranza e indifferenza di fronte all’aggressività, non potranno non trasmettere questo contenuto e questo modello negativo ai giovani, aumentando le loro difficoltà di adattamento e quelle chi deve educarli alle regole sociali e all’autocontrollo.

2. Come si trasmette.
Alcuni autori individuano l’origine dei problemi dei giovani di oggi (e dei loro genitori) in un’azione educativa troppo blanda, permissiva, che ha prodotto effetti negativi sui ragazzi sia sul piano della chiusura relazionale che di quello della trasgressione.
L’incapacità giovanile di frenare gli impulsi, di negoziare i conflitti, di esprimere in maniera chiara un contrasto, di sentirsi responsabili delle proprie azioni, di riflettere sulle conseguenze dei propri atti, ha come causa generale l’incapacità di molti adulti (nella società, nella scuola, nella famiglia) di trasmettere queste competenze evolutive, in quanto carenti loro stessi di queste abilità basilari nella vita di ogni persona (life skills).

Carenze che hanno una loro spiegazione nella difficoltà degli educatori nel modo di comunicare, di essere presenti, di dire dei no, di proporre dei modelli positivi, di assumere un ruolo di guida e di riferimento forti. E’ la diffusione di una cultura e di una società adulta in cui tutto sembra essere permesso, che cerca di evitare le responsabilità individuali anche tra i giovani.

Per gli adolescenti si tratta di sperimentare una libertà senza confini che porta a riconoscere, quando va bene alcune regole, ma non le norme morali ad esse correlate.

E sono proprio i punti di vista etici e politici, nella loro accezione più alta, che sarebbero utili per riaprire con i giovani una comunicazione interrotta proprio sul valore e sul significato dell’esistenza, degli ideali e dei valori di una società e della fiducia nel proprio futuro.

3. La capacità di autocontrollo.
In età adolescenziale il giovane ha già acquisito alcune competenze di autocontrollo che però, nella ricerca confusa di una propria identità e di una sperimentazione di esperienze di vita che vuole agire in prima persona e non sentirsele raccontare dagli adulti, può mettere in discussione. Caduta dei freni inibitori e sfida al mondo adulto, ricerca del rischio e della trasgressione, del divertimento e dello sballo, possono diventare un viatico per vivere in maniera apparentemente libera ma sregolata.

Libera da regole e da principi morali generali. Fino a qui nulla di nuovo sotto il sole.

L’adolescente segue questi processi naturali che lo portano a sperimentare. Il problema è che di fronte a contesti sociali non in grado di contenerlo, sorreggerlo, guidarlo, che anzi gli rimandano un’immagine altrettanto confusa di quanto ha lui la propria, ed in più gli veicolano messaggi di indifferenza o debolezza, l’adolescente può con più facilità intraprendere strade che lo portano ad uno scarso autocontrollo e ad una libera espressione della propria aggressività.

La critica implicita è rivolta agli eccessi del permessivismo educativo, alla scarsa guida etica (non moralistica) della società e al disinteresse che essa ha nei loro confronti. Ma è anche la mancanza della presenza, attenta e autorevole, di un adulto buono e positivo che è nell’immaginario degli adolescenti, ma è difficilmente presente nella loro realtà.

La capacità di autocontrollo dell’adolescente è dunque commisurata a quanto e in che maniera gli adulti di riferimento, fin dall’infanzia, hanno saputo agire su di lui in termini di insegnamento al controllo dell’emotività, a tollerare le frustrazioni, a posticipare le gratificazioni, a frenare l’aggressività, a sanzionare i comportamenti trasgressivi.

4. Quanto fanno propri i limiti sociali
L’aggressività degli adolescenti, la loro irrequietezza e impulsività, è legata quindi alla individuale capacità di autocontrollo che hanno sviluppato e al freno che i genitori e la famiglia sanno mettere ai loro comportamenti.

In mancanza di questo freno è importante che anche la società nel suo insieme sia capace di far rispettare le proprie regole ponendosi come modello.

Se questo non avviene, se i modelli spesso non ci sono o sono negativi, se non scattano sanzioni certe rispetto alle azioni trasgressive, se gli adulti non intervengono a stigmatizzare le azioni di prepotenza e di delinquenza, allora è facile che i giovani tengano poco in considerazione questi limiti, non preoccupandosi delle conseguenze che potrebbero subire.

Se la scuola ad esempio sottovaluta il fenomeno del bullismo, delle prepotenze continuate in classe, non prendendosi carico di quelle azioni che potrebbero contrastarlo, è facile che in quella scuola si sviluppi una cultura della sopraffazione e della impunibilità.

Se per strada di fronte anche a piccole trasgressioni, a molestie, o a vere e proprie azioni delinquenziali, il cittadino comune non fa sentire la sua voce o ancora meglio non prova ad intervenire assieme ad altri per contrastare tali azioni, è chiaro che il messaggio di indifferenza, paura, condizionamento, può diventare un modello per alcuni giovani mentre l’impunità diventa un modello per altri.

In conclusione non è solo perché l’aggressività è qualitativamente e quantitativamente diversa che si può pensare che i giovani di oggi siano aggressivi, violenti e pericolosi. Anche perché i giovani che si incontrano nella quotidianità non appaiano certamente tutti come dei pericolosi delinquenti o come dei trasgressivi a tempo pieno .

Il disagio giovanile non è, e non va confuso, con il naturale ed evolutivo disagio adolescenziale che è meglio definire come difficoltà tipiche dell’adolescenza.

Osservando i giovani possiamo dire che sono in parte il prodotto di questa società, del suo grado di complessità, delle incertezze che vive, di un futuro che oggi ha pochi punti di riferimento stabili. La rispecchiano.

Non si può pertanto stigmatizzare l’attuale generazione come una generazione che vive un disagio sociale particolare, diverso da quelle che l’hanno preceduta. Ogni generazione ha il suo disagio caratterizzata dalla società nella quale vive.

L’aggressività dei giovani, il loro vivere senza limiti, la loro impulsività, è il prodotto di una società in trasformazione, che in parte non ha saputo trasmettere, nella famiglia e nella convivenza civile, autocontrollo, autorevolezza e rispetto delle regole, che non ha saputo proporre modelli costruttivi, che non ha saputo dare loro l’attenzione necessaria ed evitare quelle modalità educative che hanno invece rinforzato gli atteggiamenti trasgressivi.

Bisogna dire che la maggioranza della popolazione giovanile vive solo in parte gli aspetti di una maggiore aggressività e violenza.

Aspetti che vengono a volte solo sfiorati da alcuni e che per altri costituiscono un momento di difficoltà temporanea. Sono più frequenti i momenti dove prevale la ricchezza di esperienze positive, il piacere della socializzazione con il gruppo dei pari, il riuscire a dimostrare di valere a scuola, nel lavoro e nella vita, la voglia di conoscere il mondo, la capacità di produrre azioni di solidarietà e di attenzione al prossimo.

Il disagio giovanile non è dunque una caratteristica dei giovani d’oggi, ma forse si può intendere come l’espressione di una vita problematica di una piccola parte di loro (abuso e dipendenza da droghe, anoressia, bulimia, comportamenti antisociali, forti difficoltà relazionali e famigliari) che si innesca in quelle difficoltà adolescenziali tipiche di ogni epoca e in quelle specifiche della società in cui vivono.

Le difficoltà adolescenziali hanno una necessità evolutiva ed esistenziale, senza le quali il percorso di crescita non si svilupperebbe appieno, ma verso la quale la collettività e la famiglia devono saper rispondere con attenzione per adempiere appieno al loro ruolo e alla necessaria omeostasi sociale.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

L'attenzione

L'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri. È quel meccanismo in grado di selezionare le informazio...

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

News Letters