Pubblicità

Blesità

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 11390 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente sostituzione , deformazione o soppressione di una o più consonanti (in genere, r, l, s). 

blesità immagine

Esistono blesità di origine sensoriale, cioè dovute a sordità parziale della prima infanzia, per cui non vengono uditi suoni di frequenza alta, blesità organiche, dovute a malformazioni degli organi della fonazione, funzionali, da deficit dell’attenzione, da impostazione errata o semplicemente da abitudine tramandata per generazioni.

L’esempio più comune è il rotacismo, meglio conosciuto come erre moscia o alla francese, ossia la mancata o difettosa pronuncia della lettera "r". Esso può essere di origine funzionale, ma solitamente è di origine organica o meccanica periferica, e precisamente dovuto ad alterazioni anatomiche particolari, congenite o acquisite, delle labbra, della lingua, delle arcate dentarie o del palato, che ostacolano la corretta esecuzione dei movimenti fisiologici dell'articolazione.
Il rotacismo può essere considerata blesità in italiano, mentre è normale in francese e altre lingue.

Tipi di blesità sono inoltre:

  • sigmacismo, popolarmente chiamato zeppola o S moscia, ovvero la pronuncia errata della lettera “s”.

    Il sigmatismo si distingue in:

    - interdentale: se si interpone la lingua tra gli incisivi superiori ed inferiori e si produce un fono simile a [θ] (o a [ð] se sonoro);

    - addentale: se si appoggia la punta della lingua contro la superficie posteriore degli incisivi superiori;

    - laterale: se si solleva la punta della lingua verso un lato del palato duro facendo fuoriuscire l'aria dal lato opposto, nel caso di soggetti che mancano dei premolari; il risultato è un fono simile a [ɫ] (o a [ɮ] se sonoro).

  • lambdacismo, ovvero la difettosa pronuncia o mancata articolazione della lettera “l”

  • tetacismo, cappacismo, gammacismo, consistenti nella mancata o alterata pronuncia dei fonemi “ta”, “ca”, “ga”)

Pubblicità

Avere un difetto di pronuncia, di qualunque tipo esso sia, può essere antipatico, specialmente se te lo fanno notare o, peggio ancora, se ti deridono.
La blesità è molto comune e può essere o non essere corretta. Avere un difetto di pronuncia non significa essere condannati all'insuccesso: basti pensare a tutte le figure passate alla storia nonostante questa caratteristica.

Nel caso in cui la blesità non derivi da gravi anomalie sensoriali e/o organiche e si voglia correggere i propri difetti di pronuncia, è bene sapere che esistono diversi esercizi da mettere in pratica per riuscire a pronunciare i suoni in modo corretto. E’ possibile rivolgersi ad un logopedista, il quale sarà in grado di programmare degli esercizi personalizzati per il tuo problema di pronuncia e aiutarti ad emettere il suono che desideri.

In ogni caso, che tu decida di correggerlo o meno, non lasciare che il tuo difetto di pronuncia ti impedisca di parlare o di essere sicuro di te.


Per approfondimenti

  • Dizionario medico - corriere.it
  • Sapere.it
  • wikihow.com

 

(a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: blesità bleso rotacismo sigmacismo tetacismo cappacismo gammacismo lamdacismo logopedista

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni