Pubblicità

Blesità

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 13684 volte

3 1 1 1 1 1 Votazione 3.00 (2 Voti)

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente sostituzione , deformazione o soppressione di una o più consonanti (in genere, r, l, s). 

blesità immagine

Esistono blesità di origine sensoriale, cioè dovute a sordità parziale della prima infanzia, per cui non vengono uditi suoni di frequenza alta, blesità organiche, dovute a malformazioni degli organi della fonazione, funzionali, da deficit dell’attenzione, da impostazione errata o semplicemente da abitudine tramandata per generazioni.

L’esempio più comune è il rotacismo, meglio conosciuto come erre moscia o alla francese, ossia la mancata o difettosa pronuncia della lettera "r". Esso può essere di origine funzionale, ma solitamente è di origine organica o meccanica periferica, e precisamente dovuto ad alterazioni anatomiche particolari, congenite o acquisite, delle labbra, della lingua, delle arcate dentarie o del palato, che ostacolano la corretta esecuzione dei movimenti fisiologici dell'articolazione.
Il rotacismo può essere considerata blesità in italiano, mentre è normale in francese e altre lingue.

Tipi di blesità sono inoltre:

  • sigmacismo, popolarmente chiamato zeppola o S moscia, ovvero la pronuncia errata della lettera “s”.

    Il sigmatismo si distingue in:

    - interdentale: se si interpone la lingua tra gli incisivi superiori ed inferiori e si produce un fono simile a [θ] (o a [ð] se sonoro);

    - addentale: se si appoggia la punta della lingua contro la superficie posteriore degli incisivi superiori;

    - laterale: se si solleva la punta della lingua verso un lato del palato duro facendo fuoriuscire l'aria dal lato opposto, nel caso di soggetti che mancano dei premolari; il risultato è un fono simile a [ɫ] (o a [ɮ] se sonoro).

  • lambdacismo, ovvero la difettosa pronuncia o mancata articolazione della lettera “l”

  • tetacismo, cappacismo, gammacismo, consistenti nella mancata o alterata pronuncia dei fonemi “ta”, “ca”, “ga”)

Pubblicità

Avere un difetto di pronuncia, di qualunque tipo esso sia, può essere antipatico, specialmente se te lo fanno notare o, peggio ancora, se ti deridono.
La blesità è molto comune e può essere o non essere corretta. Avere un difetto di pronuncia non significa essere condannati all'insuccesso: basti pensare a tutte le figure passate alla storia nonostante questa caratteristica.

Nel caso in cui la blesità non derivi da gravi anomalie sensoriali e/o organiche e si voglia correggere i propri difetti di pronuncia, è bene sapere che esistono diversi esercizi da mettere in pratica per riuscire a pronunciare i suoni in modo corretto. E’ possibile rivolgersi ad un logopedista, il quale sarà in grado di programmare degli esercizi personalizzati per il tuo problema di pronuncia e aiutarti ad emettere il suono che desideri.

In ogni caso, che tu decida di correggerlo o meno, non lasciare che il tuo difetto di pronuncia ti impedisca di parlare o di essere sicuro di te.


Per approfondimenti

  • Dizionario medico - corriere.it
  • Sapere.it
  • wikihow.com

 

(a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: blesità bleso rotacismo sigmacismo tetacismo cappacismo gammacismo lamdacismo logopedista

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Le parole della Psicologia

Suicidio

Per suicidio (dal latino suicidium, sui occido, uccisione di se stessi) si intende l'atto con il quale un individuo si procura volontariamente e consapevolmente...

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicote...

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

News Letters

0
condivisioni