Pubblicità

La prevenzione del maltrattamento all'infanzia. Dalla rilevazione precoce all'intervento appropriato. Con Contenuto digitale (fornito elettronicamente)

0
condivisioni

on . Postato in Libri e riviste | Letto 713 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

PREVENZIONE MALTRATTAMENTO INFANZIAPer prevenire è necessario arrivare prima. Prima che si verifichi un danno: una malattia, un incidente, una disgrazia, un temporale, un crollo...

Sembra banale, ma la prevenzione del maltrattamento familiare all'infanzia ha richiesto decenni di studi in tutto il mondo perché qualcuno riuscisse a porre il problema in questi termini.

Arrivare a danno avvenuto significa rendere lunga e complessa la cura, intervenire ossessionati dall'urgenza compromettendo l'appropriatezza dell'intervento, trovarsi costretti talvolta ad adottare soluzioni drastiche e dolorose.

Per evitare di ridursi a intervenire sul danno è indispensabile concentrare l'attenzione sul rischio. Ciò richiede anzitutto un salto di qualità nel modo di pensare il maltrattamento - risalendo alla natura di particolari condizioni di vita e alle situazioni esistenziali dei genitori che possono far prevedere difficoltà nella gestione della responsabilità genitoriale - e la promozione di un'organizzazione della tutela integrata tra gli ambiti sociali e sanitari, in grado di intervenire con il sostegno adeguato là dove si prospettano le prime difficoltà.

In una parola, è necessario monitorare: conoscere la cultura, le abitudini, le credenze, le storie, gli stili di vita, i tabù presenti nelle popolazioni dei vari territori per ricavarne evidenze che possano indicare situazioni di rischio. L'obiettivo è quello di intercettarlo prima che possa evolvere in danno.

Di questo si parla nel libro, presentando esperienze che possono incoraggiare un'evoluzione in ambito di prevenzione del maltrattamento all'infanzia e, conseguentemente, una riduzione delle situazioni che impongono il ricorso alla divisione dei figli dai genitori, per evitare, agli uni e agli altri, dolorosi vissuti di separazione.

 

L'autrice

Maria Teresa Pedrocco Biancardi, psicologa psicoterapeuta della famiglia e del bambino, ha svolto una lunga e intensa attività di formazione e supervisione presso i servizi tutela di numerosi Comuni e AUSL e di consulenza presso il servizio regionale per le politiche familiari, infanzia e adolescenza dell'Emilia-Romagna.

Dal 2008 al 2016 ha svolto attività di docenza presso l'Università di Ferrara al Master "Tutela, diritti e protezione dei minori". Svolge attività clinica a Bologna. Per i nostri tipi ha pubblicato La violenza assistita intrafamiliare (con Roberta Luberti, 2005); La cicogna miope (con Lucia e Marco Sperase, 2008); La voce dei bambini nel percorso di tutela (con Albarosa Talevi, 2011); Curare senza allontanare (2013).

 

 

M. T. Pedrocco Biancardi (a cura di)
La prevenzione del maltrattamento all'infanzia. Dalla rilevazione precoce all'intervento appropriato. Con Contenuto digitale (fornito elettronicamente)
2017, Collana: Strum. lavoro psico-sociale e educativo
Pagine: 148
EAN: 9788891743923
Prezzo: € 20,00
Editore: Franco Angeli

 

Acquista il libro su Amazon

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: prevenzione maltrattamento infantile

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 9 - il Codice Deontol…

Articolo 9 Nella sua attività di ricerca lo psicologo è tenuto ad informare adeguatamente i soggetti in essa coinvolti al fine di ottenerne il previo consenso ...

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Le parole della Psicologia

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni