Pubblicità

Akinetopsia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 544 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento.

akinetopsia

I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in movimento come se fossero fermi in varie posizioni della loro traiettoria.

Un'area importante a livello cerebrale per l'elaborazione visiva del movimento è stata identificata nelle scimmie, nella giunzione temporo-occipitale,
area denominata MT/V5. L'area omologa negli esseri umani è situata nella via dorsale, nello specifico nel lobo medio temporale, a livello della porzione
di corteccia visiva extrastriata V5.

Pazienti con una lesione in questa regione mostrano sensibilità ridotte al movimento in visione periferica, ma assenza di disturbi di campo visivo o di altri disturbi percettivi visivi. E' stato particolarmente studiato il caso della paziente LM che riferiva di non riuscire a versare il tè poichè percepiva il liquido in movimento dalla teiera alla tazza come se fosse una specie di ghiacciolo e quindi riempiva sempre la tazza fino a farla debordare.

Inoltre, nel caso di attraversamento pedonale, i veicoli le apparivano lontani e fermi e poi vicinissimi. I movimenti oculari lenti di inseguimento degli oggetti in movimento erano normali solo con una velocità di 8 gradi al secondo, a velocità maggiori i movimenti normali erano sostituiti da saccadi (rapidi movimenti oculare eseguiti per portare la zona di interesse visivo a coincidere con la fovea - regione della retina di massima accuratezza visiva-, vengono eseguite in media 3 saccadi al secondo).

 

Pubblicità

 

CAUSE

Le possibili cause possono essere rare forme di neurodegenerazione delle regioni posteriori cerebrali:

- Atrofia (riduzione della massa causata dalla diminuzione del numero o delle dimensioni delle cellule) corticale posteriore;

- Degenerazione cortico-basale:

- Lesioni vascolari bilaterali della giunzione temporo-occipitale.

L'ultimo tipo di causa può portare, generalmente, ad una forma di akinetopsia transitoria.

Risulta interessante la patologia opposta alla akinetopsia, ossia il risparmio delle capacità di percezioni del movimento nonostante lesioni uni o bi-laterali della corteccia visiva primaria. Una lesione unilaterale determina l'emianopsia (perdità di metà del campo visivo: la metà destra/sinistra o la metà alta/bassa), mentre una lesione bilaterale causa cecità corticale. Il primo caso è stato descritto nel 1917 dal neurologo George Riddoch e denominato, per l'appunto, Fenomeno di Riddoch.

 

 

Riferimenti Bibliografici:

G. Vallar e C. Papagno (2011) "Manuale di Neuropsicologia". Il Mulino

 

 

(a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: dizionario di psicologia le parole della psicologia akinetopsia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Psicoterapia

La psicoterapia è una forma d’intervento terapeutico nei confronti di disturbi emotivi, comportamentali, ecc., condotto con tecniche psicologiche. La Psicoterapia identifica ogni forma d’intervento...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Psicodramma

Lo Psicodramma è la più antica terapia di gruppo.   Lo psichiatra Jacov Levi Moreno (1889-1974) in un suo lavoro giovanile (1911) e in un suo scritto sul...

Ecoprassia

È l’imitazione dei movimenti di altri, per esempio, di azioni (ecocinesi) e gesti (ecomimia). L'ecoprassia consiste nell' imitazione spontanea dei movimenti ...

News Letters

0
condivisioni