Pubblicità

Misofonia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7021 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono.

MisofoniaSi ritiene possa essere un disturbo neurologico risultante da un'esperienza negativa riguardo ad uno specifico suono, indipendentemente dal fatto che sia forte o debole.

Si differenzia dall' iperacusia, ovvero l'ipersensibilità e l'intolleranza ai suoni (talvolta ristrette a certe frequenze, più spesso estese a tutti):l’iperacusico pur avendo un udito normale, percepisce i suoni come acuti e più forti. Di conseguenza, anche rumori quotidiani o ambientali causano fastidi e, talvolta, dolori fisici.

La misofonia, invece, è specifica per un determinato suono.
Viene stabilita una connessione tra un suono neutrale e un’avversione anche aggressiva e violenta. I soggetti con questo quadro clinico, infatti,  sono di solito infastiditi, e talvolta infuriati, dall'esposizione a un suono ritenuto ordinario da altre persone, come quelli generati da persone che si tagliano le unghie, si lavano i denti, che masticano, respirano, annusano, tirano su col naso, fanno schioccare le labbra e parlano, oppure da sbadigli, fischi, ticchetii, russamenti o colpi di tosse, a volte da certe consonanti o da alcuni suoni ripetitivi.

La masticazione o il respiro pesante degli altri sono i primi rumori che provocano frustrazione in chi “soffre” di misofonia.

Altri soggetti sono anche influenzati da stimoli visivi, come movimenti ripetitivi del corpo, dei piedi o delle dita e, più in generale, da movimenti che osservano con la coda dell'occhio.

I misofoni possono sviluppare un intenso stato ansioso e un comportamento evitante, che può portare a una riduzione della capacità di socializzare. Alcune persone possono provare compulsione nell'imitare quello che sentono o vedono.

Pubblicità

Questo disturbo si manifesta generalmente nel periodo che va dall’infanzia all’adolescenza (solitamente intorno ai 13 o 14 anni) ed ha un’incidenza a livello familiare, quindi probabilmente è determinato da una componente genetica.

L’Academic Medical Center (AMC) di Amsterdam al momento è l’unico centro in Europa che sta trattando il tema come un vero e proprio disturbo medico, offrendo anche delle cure per chi vuole risolvere il problema, consistenti in una terapia in cui i pazienti imparano a disconnettere i suoni dalle emozioni negative, riprogrammando il cervello.

Tuttavia, secondo una ricerca statunitense, l’accentuata sensibilità ai rumori dei misofoni,  li rende più creativi. Chi è tanto sensibile a determinati suoni mostra la capacità di concentrarsi su una vasta gamma di cose contemporaneamente, possedendo quindi maggiori capacità e potenzialità rispetto alla media.


Per approfondimenti:

  • Wikipedia.org
  • Urbanpost.it

 

(a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: misofonia suoni avversione masticazione respiro pesante stato ansioso comportamento evitante

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usate nei film e nella letteratura horror,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Wanderlust

È l’impulso irrefrenabile di viaggiare, esplorare e scoprire posti nuovi per ampliare i propri orizzonti Le persone che hanno una voglia perenne di partire, ch...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Longininfismo

Carattere degli organi sessuali femminili determinato da un grande sviluppo delle piccole labbra (o ninfe), le quali protendono all’esterno delle grandi labbra ...

News Letters

0
condivisioni