Pubblicità

Misofonia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 6593 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono.

MisofoniaSi ritiene possa essere un disturbo neurologico risultante da un'esperienza negativa riguardo ad uno specifico suono, indipendentemente dal fatto che sia forte o debole.

Si differenzia dall' iperacusia, ovvero l'ipersensibilità e l'intolleranza ai suoni (talvolta ristrette a certe frequenze, più spesso estese a tutti):l’iperacusico pur avendo un udito normale, percepisce i suoni come acuti e più forti. Di conseguenza, anche rumori quotidiani o ambientali causano fastidi e, talvolta, dolori fisici.

La misofonia, invece, è specifica per un determinato suono.
Viene stabilita una connessione tra un suono neutrale e un’avversione anche aggressiva e violenta. I soggetti con questo quadro clinico, infatti,  sono di solito infastiditi, e talvolta infuriati, dall'esposizione a un suono ritenuto ordinario da altre persone, come quelli generati da persone che si tagliano le unghie, si lavano i denti, che masticano, respirano, annusano, tirano su col naso, fanno schioccare le labbra e parlano, oppure da sbadigli, fischi, ticchetii, russamenti o colpi di tosse, a volte da certe consonanti o da alcuni suoni ripetitivi.

La masticazione o il respiro pesante degli altri sono i primi rumori che provocano frustrazione in chi “soffre” di misofonia.

Altri soggetti sono anche influenzati da stimoli visivi, come movimenti ripetitivi del corpo, dei piedi o delle dita e, più in generale, da movimenti che osservano con la coda dell'occhio.

I misofoni possono sviluppare un intenso stato ansioso e un comportamento evitante, che può portare a una riduzione della capacità di socializzare. Alcune persone possono provare compulsione nell'imitare quello che sentono o vedono.

Pubblicità

Questo disturbo si manifesta generalmente nel periodo che va dall’infanzia all’adolescenza (solitamente intorno ai 13 o 14 anni) ed ha un’incidenza a livello familiare, quindi probabilmente è determinato da una componente genetica.

L’Academic Medical Center (AMC) di Amsterdam al momento è l’unico centro in Europa che sta trattando il tema come un vero e proprio disturbo medico, offrendo anche delle cure per chi vuole risolvere il problema, consistenti in una terapia in cui i pazienti imparano a disconnettere i suoni dalle emozioni negative, riprogrammando il cervello.

Tuttavia, secondo una ricerca statunitense, l’accentuata sensibilità ai rumori dei misofoni,  li rende più creativi. Chi è tanto sensibile a determinati suoni mostra la capacità di concentrarsi su una vasta gamma di cose contemporaneamente, possedendo quindi maggiori capacità e potenzialità rispetto alla media.


Per approfondimenti:

  • Wikipedia.org
  • Urbanpost.it

 

(a cura della Dottoressa Sara D'Annibale)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: misofonia suoni avversione masticazione respiro pesante stato ansioso comportamento evitante

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usate nei film e nella letteratura horror,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Autotopoagnosia

L'autotopoagnosia è un disturbo di rappresentazione corporea, clinicamente raro, in cui è presente l'incapacità di indicare le parti del corpo. Nella maggior p...

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

News Letters

0
condivisioni