Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abuso (013037)

on . Postato in Adolescenza | Letto 207 volte

Marina, 18 anni

Sono una ragazza di 18 anni. Sono abbastanza brava a scuola; ho alle spalle una buona famiglia anche se spesso i rapporti con mio padre sono molto conflittuali. All'età di 13 anni l'allenatore della squadra che frequantavo ha abusato di me.Io non so perchè non riuscivo a ribbellarmi e pensavo che era una cosa giusta, perchè lui non è mai stato violento con me,ma è sempre stato "dolce". La cosa è durata fino a quando avevo 15 anni.
Ho passato un periodo tra alcool e spinelli. Da circa un anno ho una relazione molto importante con un ragazzo con il quale mi trovo bene. Tuttavia da qualche mese a questa parte sento una voce dentro che vorrebbe urlare e vorrei trovare la forza di denunciare l'abuso...ma non ci riesco.
Riesco solo a deprimermi perchè penso alla vergogna verso i miei genitori (il mio ragazzo sa questa cosa) e alla delusione che potrebbero provare nei miei confronti!non riesco nemmeno a piangere,sento solo un nodo in gola!in più sento che questa persona devo perdonarla, perchè se no non sarò mai libera! come posso fare? grazie per l'attenzione

Gentile Marina L'unica persona che deve vergognarsi dell'abuso è l'allenatore della squadra che frequenatavi. E' pur vero che perdonare, o meglio comprendere quel gesto di violenza può aiutarti, ma denunciare quella persona può voler dire salvare altre bambine dalla tua stessa sorte, quindi salvare metaforicamente anche te stessa.
Probabilmente il periodo che hai passato tra alcool e spinelli è stato un periodo nel quale hai cercato di stordirti dal dolore per l'accaduto, dolore che è stato stordito, ma non eliminato, e che oggi esce fuori, ancora. Una domanda: perchè parli di vergogna verso i tuoi genitori? Dici che ne rimarrebbero delusi, ma questa è una tua fantasia nel momento in cui te ne fai una colpa. Tu puoi denunciare questa persona, e perdonarla al tempo stesso.
Questo di certo è una tua scelta. Ora hai una relazione stabile da un anno. Probabilmente ti senti più sicura ed anche più forte in questa relazione, per questo da qualche mese senti di voler fare "uscire allo scoperto" la tua storia di violenza. Io credo che ciò sia un bene. Se non sei ancora sicura, aspetta fino a quando sarai abbastanza forte da farlo. Mi permetto di darti un consiglio. Vai da uno psicologo che possa aiutarti in questo, penso che per te sia molto importante in questo momento. Vivere il dolore non uccide, cioè che uccide è tenerselo dentro senza viverlo mai. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (15124250707…

Sarab, 19     Buonasera,ho 19 anni ed ho da poco iniziato l'università. ...

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

News Letters