Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Abuso (013037)

on . Postato in Adolescenza | Letto 202 volte

Marina, 18 anni

Sono una ragazza di 18 anni. Sono abbastanza brava a scuola; ho alle spalle una buona famiglia anche se spesso i rapporti con mio padre sono molto conflittuali. All'età di 13 anni l'allenatore della squadra che frequantavo ha abusato di me.Io non so perchè non riuscivo a ribbellarmi e pensavo che era una cosa giusta, perchè lui non è mai stato violento con me,ma è sempre stato "dolce". La cosa è durata fino a quando avevo 15 anni.
Ho passato un periodo tra alcool e spinelli. Da circa un anno ho una relazione molto importante con un ragazzo con il quale mi trovo bene. Tuttavia da qualche mese a questa parte sento una voce dentro che vorrebbe urlare e vorrei trovare la forza di denunciare l'abuso...ma non ci riesco.
Riesco solo a deprimermi perchè penso alla vergogna verso i miei genitori (il mio ragazzo sa questa cosa) e alla delusione che potrebbero provare nei miei confronti!non riesco nemmeno a piangere,sento solo un nodo in gola!in più sento che questa persona devo perdonarla, perchè se no non sarò mai libera! come posso fare? grazie per l'attenzione

Gentile Marina L'unica persona che deve vergognarsi dell'abuso è l'allenatore della squadra che frequenatavi. E' pur vero che perdonare, o meglio comprendere quel gesto di violenza può aiutarti, ma denunciare quella persona può voler dire salvare altre bambine dalla tua stessa sorte, quindi salvare metaforicamente anche te stessa.
Probabilmente il periodo che hai passato tra alcool e spinelli è stato un periodo nel quale hai cercato di stordirti dal dolore per l'accaduto, dolore che è stato stordito, ma non eliminato, e che oggi esce fuori, ancora. Una domanda: perchè parli di vergogna verso i tuoi genitori? Dici che ne rimarrebbero delusi, ma questa è una tua fantasia nel momento in cui te ne fai una colpa. Tu puoi denunciare questa persona, e perdonarla al tempo stesso.
Questo di certo è una tua scelta. Ora hai una relazione stabile da un anno. Probabilmente ti senti più sicura ed anche più forte in questa relazione, per questo da qualche mese senti di voler fare "uscire allo scoperto" la tua storia di violenza. Io credo che ciò sia un bene. Se non sei ancora sicura, aspetta fino a quando sarai abbastanza forte da farlo. Mi permetto di darti un consiglio. Vai da uno psicologo che possa aiutarti in questo, penso che per te sia molto importante in questo momento. Vivere il dolore non uccide, cioè che uccide è tenerselo dentro senza viverlo mai. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Munchausen

S'intende un disturbo psichiatrico in cui le persone colpite fingono la malattia od un trauma psicologico per attirare attenzione e simpatia verso di sé. A vol...

Il Problem Solving

Il termine inglese problem solving indica il processo cognitivo messo in atto per analizzare la situazione problemica ed escogitare una soluzione. E’ un'attivit...

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

News Letters