Pubblicità

Abuso (013037)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 243 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marina, 18 anni

Sono una ragazza di 18 anni. Sono abbastanza brava a scuola; ho alle spalle una buona famiglia anche se spesso i rapporti con mio padre sono molto conflittuali. All'età di 13 anni l'allenatore della squadra che frequantavo ha abusato di me.Io non so perchè non riuscivo a ribbellarmi e pensavo che era una cosa giusta, perchè lui non è mai stato violento con me,ma è sempre stato "dolce". La cosa è durata fino a quando avevo 15 anni.
Ho passato un periodo tra alcool e spinelli. Da circa un anno ho una relazione molto importante con un ragazzo con il quale mi trovo bene. Tuttavia da qualche mese a questa parte sento una voce dentro che vorrebbe urlare e vorrei trovare la forza di denunciare l'abuso...ma non ci riesco.
Riesco solo a deprimermi perchè penso alla vergogna verso i miei genitori (il mio ragazzo sa questa cosa) e alla delusione che potrebbero provare nei miei confronti!non riesco nemmeno a piangere,sento solo un nodo in gola!in più sento che questa persona devo perdonarla, perchè se no non sarò mai libera! come posso fare? grazie per l'attenzione

Gentile Marina L'unica persona che deve vergognarsi dell'abuso è l'allenatore della squadra che frequenatavi. E' pur vero che perdonare, o meglio comprendere quel gesto di violenza può aiutarti, ma denunciare quella persona può voler dire salvare altre bambine dalla tua stessa sorte, quindi salvare metaforicamente anche te stessa.
Probabilmente il periodo che hai passato tra alcool e spinelli è stato un periodo nel quale hai cercato di stordirti dal dolore per l'accaduto, dolore che è stato stordito, ma non eliminato, e che oggi esce fuori, ancora. Una domanda: perchè parli di vergogna verso i tuoi genitori? Dici che ne rimarrebbero delusi, ma questa è una tua fantasia nel momento in cui te ne fai una colpa. Tu puoi denunciare questa persona, e perdonarla al tempo stesso.
Questo di certo è una tua scelta. Ora hai una relazione stabile da un anno. Probabilmente ti senti più sicura ed anche più forte in questa relazione, per questo da qualche mese senti di voler fare "uscire allo scoperto" la tua storia di violenza. Io credo che ciò sia un bene. Se non sei ancora sicura, aspetta fino a quando sarai abbastanza forte da farlo. Mi permetto di darti un consiglio. Vai da uno psicologo che possa aiutarti in questo, penso che per te sia molto importante in questo momento. Vivere il dolore non uccide, cioè che uccide è tenerselo dentro senza viverlo mai. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia / adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Attaccamento

“Ogni individuo costruisce modelli operativi del mondo e di se stesso in esso, con l’aiuto dei quali percepisce gli avvenimenti, prevede il futuro e costruisce ...

News Letters

0
condivisioni