Pubblicità

Adolescenti (1478865276891)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 738 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellespertoMamma preoccupata, 40

 

D

 

Buongiorno!
Vorrei sapere che conseguenze può subire un adolescente che vive un una provincia in cui c'è stato il terremoto il dover andare a scuola al pomeriggio per un tempo indeterminato, e lasciando completamente tutte quelle che erano le attività che venivano fatte prima del terremoto.
grazie

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

rispostaGentile mamma,
mentre leggevo la sua richiesta, mi è venuta in mente l'immagine di un esploratore che mentre sta andando verso la sua meta, si trova dinanzi a diversi sentieri, tutti simili eppure così diversi. Non possiamo trovare una risposta esauriente alla sua domanda, possiamo fare delle ipotesi sulle conseguenze che può causare una crisi improvvisa che porta ad un cambiamento.

Vorrei soffermarmi su una parola chiave: cambiamento.

L'adolescente che ha avuto un percorso evolutivo sano, vive proprio la fase dell'esplorazione, della ricerca del proprio Io, di quali valori interiorizzare e quali lasciar andare per scoprire chi vuole essere, diventare, e quali strumenti portare con se per darsi e ricevere il permesso di Essere se stesso. Se ha fatto un esperienza dove ha acquisito sicurezza, flessibilità, creatività e una buona capacità di trovare più soluzioni dinanzi ad una difficoltà, la crisi prodotta dal cambiamento, sarà un passaggio evolutivo vissuto con naturalezza. (un primo sentiero)

Come esploratore può capitare che egli mentre osserva si ritrovi dinanzi ad un evento imprevisto.  Se avverte ciò come un pericolo,   ha due possibilità: la prima è attivare una strategia di difesa che gli permetterà di reagire e affrontarlo e proseguire in modo sereno oppure se percepisce che  le sue capacità e risorse sono insufficienti dinanzi al pericolo può sentirsi impotente, bloccato, a volte sopraffatto  e in difficoltà. (secondo sentiero). In questo caso ha bisogno di essere aiutato a riscoprire le sue risorse per poter pensare e trovare nuove vie.

Questa modalità di affrontare gli imprevisti avviene per ogni tappa evolutiva, ossia quando si è bambini, adolescenti, giovani, adulti, anziani.
Per rispondere esplicitamente alla sua domanda, se l'adolescente ha sviluppato la capacità di mettere in atto strategie di coping funzionali, non ha subito vissuti traumatici precedenti, rispettando i suoi tempi di adattamento, potrà intraprendere e vivere una nuova organizzazione della sua vita quotidiana.

Se invece un adolescente, ma anche bambini e adulti, hanno avuto esperienza di vissuti traumatici nel corso della loro vita, può accadere che l'evento- terremoto sia vissuto come  un trauma. Per alcuni è possibile si risolva con naturalezza, per altri l'azione interrotta (definizione del trauma di G. Fischer) può causare un disagio. In questo caso è   necessario chiedere aiuto ad un esperto per elaborare il trauma.

 

A cura della Dottoressa Silvia Errico

Pubblicato in data 24/02/2017

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: adolescenza terremoto

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Esibizionismo (1609682059724)

Max, 39 anni     Buonasera, dopo la morte dei miei genitori circa tre anni fa, mi sono chiuso in un mondo immaginario (un lavoro, una casa, la ...

Area Professionale

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Il disturbo pedofilico

Secondo il DSM-5 i criteri per diagnosticare ciò che prende il nome di disturbo pedofilico sono definiti come esperienze ricorrenti di eccitazione sessuale inte...

Le parole della Psicologia

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il termine ...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Il pregiudizio

Similare alla connotazione più negativa di uno stereotipo, in psicologia un pregiudizio (dal latino prae, "prima" e iudicium, "giudizio") è un'opinione preconce...

News Letters

0
condivisioni