Pubblicità

Adolescenza (162976)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 245 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)



Viviana, 16

 

Gentile Dottoressa,
sono una ragazza di 16 anni e vorrei chiedere dei consigli riguardanti una questione delicata. La mia migliore amica ,16enne,ultimamente sta attraversando un periodo abbastanza complicato. Negli ultimi mesi è cambiata totalmente,ha cambiato stile,ha cambiato gruppo di amici e frequenta ragazzi con piccole problematiche simili alla sua,ha cambiato anche modo di riflettere e soprattutto ha cambiato orientamento. A causa di un leggero sovrappeso si sente non accettata,non accetta il proprio corpo,proprio per questo ha iniziato a fumare e a fare uso di droghe. Ha anche dichiarato che non riesce più a divertirsi con poco,ma che ha bisogno di alcool e fumo affinché vada tutto alla grande. Inoltre mi ha confidato che le piacciano le ragazze. Io e le mie amiche abbiamo cercato di farla riprendere,di parlarle,ma reagisce male e dice che noi non possiamo comprenderla,proprio per questo si confida con una ragazza che non conosce bene e si fida di lei solo perché è lesbica ed è l'unica che può capirla,ma questa ragazza non è abbastanza affidabile in quanto cerca di inculcarle delle idee sbagliate e la trascina verso il fumo e le droghe. Come posso risolvere la situazione? Le porgo i miei più grandi saluti e i ringraziamenti!

Cara Viniana,
parlare con lei dicendogli il dispiacere che provi rispetto a quest'allontanamento potrebbe aiutarla a capire che può avere vicino persone anche diverse da lei e che proprio per questo la possono aiutare. Lei ha bisogno di aiuto e bisogna che qualcuno gli faccia capire che lo stile di vita che sta svolgendo la porteranno a stare sempre più male e non a risolvere i suoi problemi. Forse tu poresti essere la persona giusta per questo.

 

(Risponde la Dott.ssa Del Citerna Laura)

Pubblicato in data 23/09/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. Deriva dal greco e fa riferimento alla paura per coloro che camminano su trampoli. Giocolier...

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

News Letters

0
condivisioni