Pubblicità

amore (163460 )

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 586 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Francesca, 16

Gentile dottoressa,
ho un problema.Direi che durante tutti questi anni non l'avevo nemmeno considerato ma è andato ad aggravarsi sempre di più,fino a diventare il mio pensiero fisso. Sono una ragazza piuttosto timida,non mi apro facilmente e questo ha comportato una serie di problemi durante la mia infanzia segnata dalla separazione dei genitori.Adesso non so se c'entra, ma mi sembra opportuno riferire alcuni dettagli perchè forse sono le radici del mio attuale problema. Sono cresciuta solo con mia madre perchè mio padre non è mai stato presente,lo vedevo una volta in 5-6 anni e di conseguenza non ho mai sentito la figura paterna. Sempre insicura,sempre bisognosa di conferme di affetto.Ed ecco il mio primo ragazzo a 15 anni e mezzo,mi sembrava impossibile.Ho vissuto i momenti più belli,credevo che mi amasse,ma mi ha lasciata.Ho subito un trauma.Mi sono sentita una fallita,mi sembrava che nessuno mi volesse davvero bene,mi ha lasciato un grande buco.L'ho compensato con gli amici,in fondo non sono così sola e piano piano ho dimenticato. Ma non sapevo che ci sarebbero state delle conseguenze.Adesso sto frequentando un ragazzo da 3 mesi e ho paura di lasciarmi andare,ho paura di innamorarmi,non lo cerco perchè ho paura del rifiuto,sono fredda quando vorrei solamente abbracciarlo.Ho bloccato qualcosa dentro di me che mi impedisce di affezionarmi per paura di essere ferita.Di conseguenza la nostra storia è sempre al punto di partenza perchè io scappo quando mi vuole vedere qualche giorno in più oppure quando mi manca cerco di cacciare questo sentimento.Insomma ho paura di lasciarmi andare perchè quando mi affeziono,la persona entra automaticamente nella mia vita e io ho il timore costante di perderla.Come posso fare per lasciarmi andare ai sentimenti così forti ma allo stessp tempo non essere delusa e soprattutto non avere questo "vuoto" quando magari un giorno quella persona non ci sarà più?

Gent.ma Francesca,
questa insicurezza nei rapporti affettivi ha origine infantile e forse sarebbe il caso di fare un percorso che porti ad una maggiore maturità e consapevolezza di se.


(Risponde la Dott.ssa Laura Del Citerna)

 

Pubblicato in data 06/02/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Efefilia

Fa parte delle parafilie, nota anche come "feticismo della stoffa". Si tratta di una perversione che consiste nel provare piacere sessuale nel toccare vari tipi...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni