Pubblicità

Autolesionismo (074970)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 223 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara, 16 anni

Ho una vita totalmente normale, i miei genitori non saranno i migliori ma di sicuro non i peggiori. Solo che è da quando ero piccola che non ho mai fatto affidamento su di loro. Mia madre ha ricominciato a lavorare a tempo pieno dopo la mia nascita quando avevo appena due anni e infatti sono stata mandata all'asilo un anno prima. Solitamente la vedevo la mattina quando mi accompagnava all'asilo e basta, almeno mi sembra di ricordare fosse così perchè onestamente della mia infanzia mi ricordo ben poco. D'estate invece mi mandavano a casa di mia zia. Alla fine, all'età di 4/5 anni mia madre ha dovuto smettere di lavorare perchè ero sempre malata, avevo una febbre cronica, non mangiavo quasi nulla mi dovevo chiudere il naso per farmi ingerire qualcosa. Con mio padre le cose non sono mai andate molto bene, ho sempre pensato che mi volesse bene solo quando ero brava a scuola e in effetti lo sono sempre stata benchè studiare non mi avesse mai appassionato. Gli scontri con lui c
i sono sempre stati (mi sono sempre sentita annullata come persona da lui) e sono sempre stata il motivo principale di litigio dei miei genitori; ho portato mia madre a un passo dal divorziare. In realtà non so dire molto sulla mia personalità, penso a me ed è come se non vedessi nulla. Ho cominciato con l'autolesionismo da aprile, inizialmente lo facevo per attirare l'attenzione così forse qualcuno avrebbe capito qualcosa di me che neppure io so cos'è. Poi ho realizzato che questo non sarebbe mai successo anche perchè nessuno sa nulla sull'autolesionismo e di conseguenza penso che mi prenderebbero per pazza se vedessero le cicatrici che ho sempre nascosto. Per un certo periodo mi procuravo tagli ogni giorno, adesso lo faccio ogni volta che sono nervosa che magari ho litigato con mia madre (che ha ricominciato a lavorare da 3 anni circa a tempo pieno, esce di casa alle 7 e torna alle 21) e questo succede ogni volta che siamo vicine. Solo che ora che lo faccio diciamo "più raramente" (se
mpre comunque con una media di 3/4 volte alla settimana) cerco di farmi male sul serio e mi taglio sempre qualche vena e se non ci riesco mi innervosisco anche di più. L'ultima volta che l'ho fatto devo essermi lesionata sul serio perchè nonostante le ferite si siano rimarginate già da un pò di giorni ogni volta che faccio peso sul polso sento un dolore terribile che non accenna a sparire. Ho pensato diverse volte al suicidio ma non ho il coraggio perchè ho una paura inaudita della morte e non vorrei causare dolore a mia madre. Non capita che ricorra all'autolesionismo quando sono triste anche perchè a parte ieri sera non sono mai triste mi sento solamente vuota, più che altro quando sono nervosa. In preda a questi attacchi ho anche assunto medicinali a casaccio (una volta ho preso tutte assieme 3 pastiglie di aspirina e 3 di tachipirina e un'altra volta 30 pastiglie di sedivitax un prodotto di erboristeria) perchè la paura di essere in qualche modo scoperta o di farmi male sul serio mi
calma. Non sono una ragazza solitaria anzi le amiche mi vedono come una sempre pronta a divertirsi e qualche volta un pò troppo nervosa; magari strana perchè non desidero avere un ragazzo ed evito il contatto fisico come se fosse letale (e in effetti lo vedo come tale, il solo pensiero di baciare un ragazzo che magari mi piace mi da un senso di soffocamento). Soffro però terribilmente di solitudine e vorrei trovare un amico vero a cui raccontare la parte di me che tengo sempre nascosta, ma io stessa alla fine non saprei che dire, sono sicura che nessuno potrebbe aiutarmi. Grazie per un'aventuale risposta, ci spero.

Cara Sara, in giro ci sono molte persone che potrebbero aiutarti se tu ti confidassi un pò con loro.
Aprire un dialogo con qualcuno ti farebbe bene veramente, ti aiuterebbe a capirti, a conoscere più in profondità l'origine del tuo autolesinismo permettendoti di elaborare e superare questo comportamento che non ti apre la strada della vera relazionalità e della crescita ma ti ostacola soltanto, oltre ad avere conseguenze molto negative.
Con i tuoi amici puoi mostrare come sei veramente, non c'è nulla da perdere, dovresti però avere una dose maggiore di fiducia. Supereresti anche la sofferenza che ti procura la solitudine e forse vivresti con minore ostilità la vicinanza di un ragazzo.
Alla tua giovane età i rapporti di amicizia sono decisivi per la crescita, per sviluppare la conoscenza di se stessi e degli altri, anche per mettersi alla prova e ritrovare maggiore autostima e fiducia nelle persone.
Soltanto sforzandoti di uscire dal tuo guscio puoi avere la possibilità di sentirti meglio: rischia, mettici sincerità e apertura. Tanti auguri.. ma sono sicuro che puoi riuscirci.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Facies

Il termine latino Facies si riferisce all’espressività ed alla mimica facciali, nonché alla mobilità dei muscoli pellicciai. In semeiotica medica, il termine s...

News Letters

0
condivisioni