Pubblicità

Autostima(162547 )

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 311 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lara, 18

Gentile Dottoressa,
Buonasera, volevo chiedere se può essere possibile che la presenza o no di una persona mi possa condizionare in negativo l'autostima. Ormai quando nel gruppo lei è presente io non riesco a parlare, mi sembra che quando parlo in sua presenza gli altri mi si rivoltano contro..non so se accade perchè divento io più insicura o proprio perchè lei trasmette agli altri l'odio che prova verso di me.. da quando ci conosciamo abbiamo sempre avuto un un pò di conflitti..ma a lei non le condizionano il rapporto con gli altri invece a me si : mi viene il panico e mi chiudo a riccio..questo mi condiziona molto i rapporti con gli altri..quello che non capisco è perchè in sua assenza è mi sento sollevata..Sento il bisogno di sappare da qualunque posto ci sia lei../font>

Caro Lara,
certo che è possibile, dovresti imparare a gestire la tua ansia quando sei in sua presenza attraverso un'analisi dei motivi che ti portano ad avere queste emozioni negative nei suoi confronti. Dott.Laura Del Citerna

 

(Risponde la Dott.ssa Laura del Citerna)

Pubblicato in data 02/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotat...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Io

"Nella sua veste di elemento di confine l'Io vorrebbe farsi mediatore fra il mondo e l'Es, rendendo l'Es docile nei confronti del mondo e facendo, con la propri...

News Letters

0
condivisioni