Pubblicità

Come si ritrova l'amore di vivere la vita? [1605820183609]

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 165 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

le risposte dellesperto

polppols, 18 anni

domanda

Ciao, ho 18 anni e non so bene come iniziare a scrivere questa richiesta. Non mi sono mai aperta con qualcuno liberamente e sinceramente e per me è molto difficile trovare le parole per esprimere ciò che mi crea dolore.

Credo che sia assai complicato anche capire quale sia il problema effettivo che da tempo non mi fa più vivere serenamente.

Vivo costantemente in bilico fra serenità e turbamento, le passioni che un tempo mi facevano passare le giornate felicemente e velocemente, ora non esistono più, e continuo a ricercare un senso al vivere ovunque, senza mai trovar conforto.

Ecco potrei dire che ormai da un annetto mi sono persa, non sono più la stessa di prima e sento un disperato bisogno di ritrovarmi e riscoprirmi.

Nel corso dei precedenti 17 anni ho sempre fatto tantissime cose, ho suonato la chitarra, disegnato, giocato a tennis, letto, fotografato sempre con piacere e con dedizione. Mi capitava di tornare a casa e avere un immediato impulso di prendere in mano una matita e di mettermi a disegnare o anche solo prendere un libro e perdermi fra le sue parole.

Col tempo, molti di questi hobby sono andati persi, la chitarra non era il mio forte anche se mi piaceva, lo stesso per il tennis e il disegno. Una cosa sola è sempre stata fatta su misura per me, la fotografia.

Non che mi auto compiaccia per le foto che faccio, ma ammetto che è la sola verso la quale potrei provare ambizione. Purtroppo ho perso anch’essa.

Da tempo non ho più un sogno nel cassetto e vivo ogni giorno senza far qualcosa di concreto per il mio futuro, anche se vorrei. È sempre un mescolarsi di “vorrei ma non posso” e non perché non abbia i mezzi per farlo, ma perché ogni qual volta che vorrei far qualcosa seriamente, come leggere un libro o lavorare ad un progetto fotografico, automaticamente mi blocco e la mia mente trova espedienti per non farli.

Quest’estate ho passato un mese a letto, ogni giorno mi alzavo, pensavo a dei buoni propositi e finivo o ad uscire coi miei amici o a stare a letto a guardarmi dei film. Immaginavo di andare a camminare per tenermi in forma, di creare qualche nuovo progetto, ma per qualche motivo a me sconosciuto rimanevo inerme ad aspettare che il giorno finisse, pensando costantemente “sono benissimo in grado di farlo più avanti”.

Anche altri sono i problemi che mi creano disagio, la mia capacità di concentrazione si è abbassata, a scuola, anche se sono sempre andata bene, non riesco a tenere il passo ed è sempre un gran peso continuare. Mi sento sola, completamente sola.

Mi capita spesso di osservare attentamente le persone, i piccoli gesti, le piccole abitudini, anche se con esse non ho un gran legame. Trovo interessante contemplare le piccole cose di ognuno, come si muovono le mani, come si rivolgono a te, i termini che usano di solito e ascolto sempre con piacere le opinioni di tutti. Sono molto positiva con il prossimo, se una persona che non conosco mi viene a parlare la ascolto e non la respingo.

Ma questo è un problema, perché io guardo qualsiasi cosa e chiunque, ma ho costantemente la sensazione che nessuno guardi me. Come se all’improvviso cadessi per strada e nessuno si fermasse ad assistermi. Proprio oggi mi sono emozionata e mi è scesa una lacrima perché la mia migliore amica mi ha chiesto come stavo. Non capita spesso.

Quando sono sola immagino di essere una persona famosa e che qualcuno mi stia facendo un intervista, allora parto con monologhi interminabili su ciò che penso riguardo a tante cose o anche solo raccontando aneddoti della mia vita. Poi mi accorgo di essere sola e che in realtà nessuno ascolta. È deprimente e scoraggiante.

Ora mai ciò che faccio non lo faccio più per me stessa, ma per farmi guardare. Tutto ciò che facevo prima per accontentare i miei bisogni soli, ora è come se lo facessi per qualcun altro. I libri mi capita a volte di iniziarli proprio quando sono in compagnia di qualcun altro, e poi di finirli da sola.

Ora col distanziamento sociale la mia vita non è più equilibrata, prima amavo la solitudine, la cercavo, la pretendevo. Anche ora la cerco e ne ho bisogno, ma sto male quando sto da sola e non riesco mai a raggiungere i miei buoni propositi e i miei obbiettivi.

Ogni volta che non riesco a fare qualcosa mi impunto sul raggiungimento di un qualcosa di concreto e infimo e ripongo in esso speranze di rivoluzione. Una volta è un taglio di capelli, un’altra è un cambio di stile, altro ancora riuscire a prendere la patente. E sempre si ripropone questo circolo vizioso in cui, “grazie a questo andrà meglio, riuscirò a rivoluzionare la mia vita”, come se qualcosa di così infimo come un taglio di capelli potesse veramente risolvere questa situazione.

Ripetutamente mi è capitato anche di cercare aiuto psicologico senza mai portare a termine la faccenda. È un continuo balzo fra “sto male e sto bene”, credendo quando sto bene di non aver bisogno affatto di alcun tipo di cura e che la mia vita vada benissimo così com’è, anche se dentro è sempre presente un sentimento di insoddisfazione.

Pongo tanta fiducia nell’umanità delle persone, ma non ugualmente nel progresso. Odio i telefoni, i social anche se effettivamente ne faccio uso (molto più perché con il ritmo veloce che ora ha la vita e con le necessità sociali stare senza telefono porterebbe ad una rovina sociale).

L’immediatezza, la velocità, la grandissima collettività e la realtà alternativa che internet propone, non è il mondo materiale che viviamo ogni giorno. La solitudine, la pazienza, la fatica, il silenzio sono valori che abbiamo perso, io in primis. E vorrei troppo avere il coraggio di ribellarmi a tutto questo e di riuscire a far affidamento solo sulle mie forze e sulle cose concrete.
Ogni giorno, ogni ora, ogni minuto è una costante lotta fra la voglia di ribellarmi a ciò che odio e la mia anima pigra, nullafacente, che guarda ai miei problemi con sufficienza, credendo la filosofia del “lo faccio domani”.

Avrei tante altre cose da dire ma ho paura di divagarmi troppo.

Quello di cui necessito al più presto è di ritrovare la passione e l’amore di vivere la vita, scovare un sogno nel cassetto e riuscire a capire al meglio chi sono.

Ma non ho la minima idea di come farlo.

 

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Gent.le giovane ragazza,
ho letto attentamente la descrizione della tua sofferenza.

Sicuramente stai vivendo un momento molto delicato con te stessa, probabilmente la tua  insicurezza e la tua bassa stima di te ti impedisce di vedere ciò che di bello possiedi, sia rispetto alle capacità che hai sia rispetto al valore delle persone che magari ti vogliono bene.

"Non ti senti vista!"- da chi? da chi vorresti essere riconosciuta per ciò che sei? I tuoi genitori ti sono serviti per costruire  un'immagine di te o ti hanno lasciato sola? Quanto ti sei confrontata con le tue figure di riferimento? ti hanno vista nei tuoi bisogni o ti hanno trascurato poiché sono concentrati su altro? Cosa pensano loro di te e cosa pensi tu di loro?

Il gusto per la vita passa attraverso ciò che si riceve e si dà agli altri. Se lo hai perso probabilmente hai perso anche il tuo sentirti amata? L'amore è una delle prime energie vitali che ti ricordano il valore della tua esistenza e di coloro che ti sono vicine.

Riappropriati di te stessa, di ciò che sei e di ciò che ti appartiene. Dialoga con te stessa parlando dinanzi ad uno specchio, guarda i lineamenti del tuo volto, i tuoi occhi, il tuo corpo.

Quali parti di te non accetti a tal punto da rivolgerti a guardare più la vita degli altri. Anche la tua vita può essere piena se cominci a valorizzarla.

Se hai perso il senso di ciò che sei e fai probabilmente da qualche parte di sei persa. Dove sei? Dove hai lasciato la parte più intima di te? Quale trauma hai vissuto prima di sperimentare questa perdita di senso.

TI auguro di ritrovarti e di sperimentare la gioia del ritrovare la bambina che è in te delusa e la ragazza piena di sogni. Se hai modo di iniziare un percorso di Psicoterapia ti aiuterà molto, preferibilmente con una donna.
Cordiali saluti

dott.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 26/11/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: adolescenza vita

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

Cataplessia

E’ un disturbo caratterizzato dalla perdita improvvisa del tono muscolare durante la veglia, solitamente causata da forti emozioni. La debolezza muscolare tipi...

News Letters

0
condivisioni