Pubblicità

Confusione (165375)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 537 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Carlotta, 19 (165375)

La mia Storia: Ultimamente mi sento parecchio confusa riguardo alla realtà che mi circonda.
A volte sono davvero spaesata e non riesco a recepire subito quello che succede.
Ho sentimenti confusi, mi sento vuota come se nulla mi appartenesse più. Non riesco ad essere spensierata o allegra (sinceramente capita rare volte ed è quando andiamo alle feste e si beve) e spesso, in qualunque posto mi trovi, mi sale l'ansia.
Ho parecchia paura e sto diventando parecchio paranoica.

Mi rendo conto di essere circondata da situazioni favorevoli, sono circondata da amici magnifici e genitori amorevoli, ma purtroppo non riesco ad accettare tutto questo per poter essere felice... Ho paura di accontentarmi della vita e ho paura che il futuro non possa soddisfare le mie aspettative, aspettative che non ho più o almeno quelle che avevo non sembrano più appartenermi.
Ho appena iniziato l'università, ma questa situazione di spaesamento la sento da parecchi mesi, so che potrebbe essere paura di crescere e l'ambiente nuovo non credo mi aiuti.
Ultimamente ho anche il terrore di fidarmi della gente, ho solo un'amica a cui riesco a raccontare QUASI tutto, ma certe cose non riesco proprio a dirle.
Mi sento a disagio con il mio corpo sin dall'età di 10/11 anni (periodo in cui ero davvero ingrassata) e sto affrontando una dieta e perdere peso è forse l'unica cosa che mi soddisfa.
Faccio sport e frequento una scuola di danza da quando ero piccola e ci sono sempre andata contenta, ma ultimamente non riesco a fare neanche lo sforzo fisico che più mi piace.
Mi sento sempre stanca e ho sempre sonno e spesso la mattina preferisco rimanere sotto le coperte che uscire dalla stanza, figuriamoci se ho voglia di andare a lezione...
Vorrei solo capire se questo stato di confusione, di ansia perenne e di sentimenti confusi sia normale o meno per la mia età.
Grazie.

 

Cara Carlotta, alla tua età la matrice dei problemi è il percorso di definizione dell'identità e spesso questo corrisponde a disagio, confusione e confusività.
Non saprei dirti se è solo una crisi del momento prima di spiccare il volo e lasciare il nido, ma potrebbe starci.
Diventare grandi e vivere senza i punti di riferimento consolidati per anni, non è facilissimo.
Si cresce nel dolore e nella frantumazione e non si ha mai qualcosa di veramente importante senza una quanto meno ragionevole fatica.
Tu prova a vivere le cose e vedrai piano piano lo spavento si smorza e lascerà posto a maggiori sicurezze e tranquillità.

 

(Risponde la dott.ssa Lucia Daniela Bosa)

 

Pubblicato in data 15/12/2014

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni