Pubblicità

Crisi esistenziale (014541)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 325 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Mary, 17 anni

Salve, ho 17 anni e da poco mi sto riprendendo da una grossa delusione professionale: volevo fare la musicista e per questo ho lavorato senza mai risparmiarmi da molti anni, ma adesso il mio sogno è andato in frantumi. Due anni fa, lasciai il liceo che frequentavo (ero la prima della classe),per iscrivermi ad una scuola privata,dove avrei avuto più tempo da dedicare allo studio della musica. In tutto questo c'entra la mia insegnante che mi aveva messo alle strette:o lasci la scuola,oppure non sarai mai una musicista vera, perchè dedichi troppo poco tempo alla musica. In questi due anni,mi sono isolata dal resto del mondo,non ho avuto più nemmeno un'amica,ho riposto tutta la mia voglia di vivere, tutto il mio mondo nella musica. Ora non suono più, ho abbandonato la musica perchè ho le mani troppo piccole per il pianoforte e mi sentivo menomata. Ho rotto con la mia professoressa che mi ha sbattuta fuori di casa solo perchè le ho detto di non voler suonare più. Ora non so che fare. Non ho più interessi,non studio bene. Chi credevo amica,si è rivelata la mia più accanita nemica. Sono sola, sono innamorata dello stesso ragazzo da 3 anni,ma non ho modo di incontrarlo. Rifuggo il contatto con le persone che mi conoscono perchè non voglio che mi facciano domande. Mi sento svuotata. Vorrei studiare archeologia ma non posso, niente sbocchi professionali. Mia madre vorrebbe che studiassi medicina e forse lo farò per accontentarla...ormai non ho più fiducia in me, una cosa vale l'altra. Ciò che è più triste è che in questo mio sogno artitico,dove esistevo solo io in un fantomatico futuro, ho sacrificato amici, altri sogni,speranze e mi sono solo riempita di solitudine ed illusioni.

Gentile Mary, le tue riflessioni sono riflessioni importanti, perchè tu ti stai rendendo conto di quello che accade nella tua vita: "ho sacrificato amici, altri sogni,speranze e mi sono solo riempita di solitudine ed illusioni". Sembra come che per seguire le aspirazioni della tua professoressa di musica e di tua madre, tu sacrifichi te stessa, come se per crescere tu dovessi accontentare gli altri, mettendo da parte te stessa. Da qui il sacrificio degli amici, dei sogni, delle speranze, la solitudine e le illusioni: insomma, il sacrificio di te stessa. Un sogno sembra che tu lo abbia: studiare archeologia. Ora bisogna vedere se
sei abbastanza forte da fare una scelta per te stessa o invece continuerai ad accontantare gli altri. Da chi hai imparato a fare così? Il mio consiglio è che, se non riesci ad attraversare questa fase cruciale della tua vita da sola, è bene che tu chieda aiuto ad un professionista che possa aiutarti. Per non chiudere gli occhi ed andare avanti non considerando le riflessioni così chiare ed importanti che hai fatto sulla tua vita. Cordiali saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di adolescenza / infanzia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Sentimento

Il sentimento è quella risonanza affettiva, meno intensa della passione e più duratura dell’emozione, con cui il soggetto vive i suoi stati soggettivi e gli asp...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni