Pubblicità

Depressione e masturbazione (010952)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 424 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Giulia, 15 anni

Salve, sono Giulia una ragazza di 15 anni, non so quanto potrà servire scrivere via computer, però ormai sono a un punto tale di disperazione che non so più a chi rivolgermi. Fino a 1 anno fa ero una ragazza modello, non davo problemi a nessuno, ora invece sono totalente cambiata, non vado benissimo a scuola e faccio disperare i miei genitori in tutto e per tutto, dalle cose più inutili come una bolleta del telefono alle cose più gravi come aver fatto l'amore senza precauzioni.
Non ne ho mai parlato a loro ma mi masturbo tutti i giorni per 10 volte al giorno circa ( non mento ), quando smetto piango, mangio e vomito, i miei non lo sanno perchè gli ho già dato troppi problemi e questo sarebbe l'ennesimo colpo al cuore. Proprio oggi mia madre mi ha sgridato perchè sono stata troppo al telefono e perchè ho chimato un telefonino. Tante volte provo a parlargli, ma ogni volta mi blocco dice che sono una lagna che mi faccio una marea di problemi e che è solo l'adolescenza e nulla di più, ma lei che ne sa di come mi sento della voglia che ho di farla finita? Perchè non capisce che sto davvero male e magari il fatto di farla arrabbiare è perchè cerco il suo sguardo? Ma ogni volta che lo incontro mi sfugge e dice sempre che sono una bugiarda perchè non dico la verità. La sto pregando sono stanca di sentirmi sporca, rifiutata ma soprattutto incompresa , si perchè i miei genitori non capirebbero mai. Non chiedo di guarire subito , ma almeno di non dovermi nascondere dietro ai problemi masturbandomi o vomitando.Almeno lei non faccia come i miei genitori non dica che è l'adolescenza , perchè a 15 anni non si vuole morire ma vivere. Fin da ora la ringrazio per la risposta, se ci sarà.

Gentile Giulia, Tu dici delle cose molto importanti: "chiedo di non dovermi nascondere dietro ai problemi masturbandomi o vomitando", e questo è importante perchè tu stessa hai capito che questi comportamenti ti servono per nasconderti, potrei dire un modo "autoconsolatorio" di fermare la tua angoscia con la masturbazione o mangiando cibo e poi vomitandolo.Dici di essere stanca di "sentirti incompresa", che i tuoi genitori non capirebbero mai.Ora una domanda che ti faccio è questa: dici che fino ad un anno fa eri una ragazza modello, ma cosa è successo un anno fa che ti ha fatto cambiare? Mi sembri una ragazza intelligente, quindi voglio cercare di darti una risposta intelligente. Non ti dirò che è l'adolescenza, anche perchè non lo penso. Io penso che tu abbia buone capacità di elaborazione, di comprensione delle cose. Potrebbe essere molto importante che in questo momento tu ti rivolgessi ad un esperto, per elaborare con lui/lei questi vissuti, la tua angoscia, il non sentirti incompresa. Perchè a 15 anni come tu dici, non si vuole morire ma vivere. E allora ascolta questa parte che scrive e che vuole vivere, perchè magari i tuoi genitori in questa fase della loro vita (e della tua) hanno difficoltà a comprenderti, ma questo non significa che non ci sia nessuno che possa comprenderti o ascoltarti. E soprattutto che se gli altri non ti capiscono non puoi tu riuscire a fare una cosa importante, che è quella che hai iniziato a fare scrivendo questa lettera: capire te stessa.
Cordiali Saluti

 

( risponde il dott.re Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

News Letters

0
condivisioni