Pubblicità

Lallazione

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 1981 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

lallazioneIndica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni, sotto forma di sillabe (combinazioni vocale-consonante), ripetute in serie (ad esempio, “ma-ma-ma”).

La lallazione precede il linguaggio articolato e consente al bambino di stabilire una connessione immediata tra le sensazioni tattili, prodotte dai movimenti articolatori della lingua, e le sensazioni uditive prodotte dal suono emesso.

Tale fenomeno, inoltre, è un comportamento motorio di tipo esplorativo, che aiuta il lattante nell’apprendimento automatico del controllo dei muscoli fonatori per l’esecuzione della lingua madre.

La lallazione è un’attività fondamentale ai fini di una buona relazione tra neonato e genitori: sono proprio le variazioni dei suoni che il bambino emette, a fungere da elementi costitutivi della mediazione linguistica (espressione di dolore, disappunto, gioia, ecc.).

In questo processo, inoltre, si può inserire anche l’insieme delle condizioni imitative, attraverso le quali gli adulti imitano i suoni emessi dal bambino stesso e, in questo modo, cercano di stimolarne la produzione di nuovi.

Secondo alcune interpretazioni scientifiche, d’altronde, è possibile che, attorno al periodo di inizio della lallazione, il neonato cominci anche a distinguere il sé dagli altri, avvertendo il bisogno di comunicare verso l’esterno: la genesi della parola “mamma” sarebbe, quindi, da ricercarsi nel tentativo del bambino, pronunciando “ma…ma…ma…”, di rinforzare l’attenzione sul proprio sé in formazione ed in contemporanea interazione con l’ambiente.

La lallazione è anche un’attività fondamentale per lo sviluppo senso-motorio e per la coordinazione dei movimenti articolari. Si tratta, infatti, di una fase nella quale si forma un’attività ritmica associata ad emissione di suoni: per es., è tipico il battere le mani e gli oggetti che vengono tenuti in mano. Gradualmente, in essa il bambino intuisce l’importanza della relazione con gli adulti e, in qualche modo, prova piacere a stimolare le reazioni ambientali, soprattutto quando si generano artificialmente comportamenti di approvazione e divieto.

Pubblicità

Quando, però, questo processo inizia tardivamente, si presentano quadri di sviluppo diversi. I bambini sordi, ad esempio, generalmente hanno grosse difficoltà ad apprendere il linguaggio orale, hanno ritardi nell’inizio del babbling, che può iniziare anche dopo i 10 mesi d’età. Nei bambini con Sindrome di Down, invece, le capacità prelinguistiche non sono molto diverse da quelle dei soggetti con sviluppo normale, anche se presentano:

  •  Ritardo lieve nell’inizio del bubbling canonico.
  •  Frequenza bassa di produzione di sillabe a 16 mesi.
  •  Grave ritardo nello sviluppo di comportamenti motori.
  •  Ritardo lessicale.

La maggiore differenza starebbe, invece, nella comparsa delle prime parole e nello sviluppo linguistico successivi, tanto che l’ampliamento del vocabolario risulta lento, così come l’uso delle parole.

Anche se lo sviluppo del bubbling canonico è ritardato, questo comportamento ha una forza tale da emergere anche in presenza di gravi ostacoli. Ciò dimostra che la capacità di produrre sillabe canoniche è una condizione necessaria, ma non sufficiente per lo sviluppo delle complesse capacità di linguaggio. Esiste, infatti, una correlazione tra acquisizione del lessico e sviluppo linguistico futuri, ma non un rapporto di causalità: sembra, quindi, che la capacità di bubbling, anche quando allenata, non comporti un miglioramento nello sviluppo linguistico.

 

Bibliografia:

  • Enciclopedia Treccani.
  • Maldonato M., Dizionario di Scienze Psicologiche, Edizioni Simone, 2008.

 

(Dott.ssa Alice Fusella)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Empatia

Il termine empatia si riferisce alla capacità di una persona di partecipare ai sentimenti di un'altra, nel “mettersi nei panni dell’altro”, entrando in sintonia...

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

News Letters

0
condivisioni