Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Isolamento (163183)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 279 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Marta, 19

 

Gentile Dottoressa,
sono una studentessa di 19 anni di Bologna. Da qualche mese sono in contatto via mail con un ragazzo conosciuto su internet. Se inizialmente il nostro rapporto era fondato su un semplice scambio di mail senza particolare interesse, ora, a distanza di tempo, il tutto si è evoluto. Passiamo giornate intere a parlare e allontanarci è diventato ormai impossibile. Dopo vario tempo che ero in contatto con lui ho scoperto di una sua relazione con una ragazza che dura ormai da 3 anni: una storia complicata. Sono venuta anche a conoscenza di un suo passato complicato: un'infanzia e un'adolescenza turbata da fenomeni di bullismo. Molto insicuro riguardo la relazione e l'apparente assenza di sostegni, questa persone tende a chiudersi al mondo nascondendo i suoi sentimenti; io penso di essere l'unica persona su cui può fare affidamento. Nonostante tutto ciò, lui non trova il coraggio per incontrarci; teme di essere ferito, di essere abbandonato dai suoi apparenti amici e poi da me. Nonostante il rapporto burrascoso con la sua ragazza, inoltre, non trova il coraggio di troncare, aspettando che sia lei a farlo: insomma, nella sua vita non riesce a prendere mai in mano la situazione per cambiare le cose. Essendo io ormai molto affezionata a lui vorrei poterlo aiutare, fargli capire che deve aprire gli occhi e che il mondo non è contro di lui. Ho scritto a Lei per questo motivo, vorrei ricevere dei consigli su come poterlo aiutare, fare qualcosa per lui. Grazie

 

Cara Marta,
la conoscenza tramite email è piuttosto limitata anche se può essere molto coinvolgente. Tu dovresti chiederti come mai hai questo bisogno di affezionarti a una persona che non hai conosciuto di persona e capire quali sono le tue motivazione e/o eventuali problematiche piuttosto che occuparti di quelle degli altri



(Risponde il Dott.ssa Laura Del Citerna)

Pubblicato in data 07/10/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Cotard

E’ una sindrome delirante che porta la persona a credere di essere morta, di non esistere più oppure di aver perso tutti gli organi interni. Jules Cotard, un n...

Volontà

In psicologia, il concetto di volontà viene concepito, a seconda della scuola di riferimento, come: • Una funzione autonoma, non riconducibile ad altri process...

Sindrome dell’arto fantasma

 "Se togli a un uomo la gamba destra, anche a distanza di anni, ci saranno giorni in cui ti dirà che sente la gamba stanca, sì, la destra, gli farà male, p...

News Letters

0
condivisioni