Pubblicità

Isolamento (163183)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 319 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Marta, 19

 

Gentile Dottoressa,
sono una studentessa di 19 anni di Bologna. Da qualche mese sono in contatto via mail con un ragazzo conosciuto su internet. Se inizialmente il nostro rapporto era fondato su un semplice scambio di mail senza particolare interesse, ora, a distanza di tempo, il tutto si è evoluto. Passiamo giornate intere a parlare e allontanarci è diventato ormai impossibile. Dopo vario tempo che ero in contatto con lui ho scoperto di una sua relazione con una ragazza che dura ormai da 3 anni: una storia complicata. Sono venuta anche a conoscenza di un suo passato complicato: un'infanzia e un'adolescenza turbata da fenomeni di bullismo. Molto insicuro riguardo la relazione e l'apparente assenza di sostegni, questa persone tende a chiudersi al mondo nascondendo i suoi sentimenti; io penso di essere l'unica persona su cui può fare affidamento. Nonostante tutto ciò, lui non trova il coraggio per incontrarci; teme di essere ferito, di essere abbandonato dai suoi apparenti amici e poi da me. Nonostante il rapporto burrascoso con la sua ragazza, inoltre, non trova il coraggio di troncare, aspettando che sia lei a farlo: insomma, nella sua vita non riesce a prendere mai in mano la situazione per cambiare le cose. Essendo io ormai molto affezionata a lui vorrei poterlo aiutare, fargli capire che deve aprire gli occhi e che il mondo non è contro di lui. Ho scritto a Lei per questo motivo, vorrei ricevere dei consigli su come poterlo aiutare, fare qualcosa per lui. Grazie

 

Cara Marta,
la conoscenza tramite email è piuttosto limitata anche se può essere molto coinvolgente. Tu dovresti chiederti come mai hai questo bisogno di affezionarti a una persona che non hai conosciuto di persona e capire quali sono le tue motivazione e/o eventuali problematiche piuttosto che occuparti di quelle degli altri



(Risponde il Dott.ssa Laura Del Citerna)

Pubblicato in data 07/10/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Catarsi

Catarsi è un termine greco che deriva da kathàiro, "io pulisco, purifico", quindi significa “purificazione, liberazione, espiazione, redenzione”. Per i pitagor...

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

News Letters

0
condivisioni