Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Nostalgia cronica.. star male (12471)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 317 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Roberta, 16 anni

Soffro di nostalgia da sempre. Una nostalgia che ancora adolescente non mi permette di andare avanti e di vivere le mie giornate in serenità e spensieratezza. Da quando tre anni fa è morto mio nonno passo alcuni momenti di trizzezza infinita, di confusione e tanta nostalgia.. Anche rimorsi. Questo perchè nel periodo in cui potevo stargli vicino ho perso la testa per un mio coetaneo e ancora ora continuo a pensare a tutto ciò.
Nn riesco più ad innamorarmi.. Nn riesco pua far cadere quel muro costruito davanti ai miei sentimenti.. Cosa devo fare? non ce la faccio più a continuare così e il pensiero di questo ragazzo mi lascia passare davanti persone che sicuramente sarebbero migliori di lui. Vorrei superare tutto questo ma.. é difficile. Nn riesco più ad amare. Ho paura.. e.. Maledetta nostalgia..

Gentile Roberta, la nostalgia è un sentimento, un sentimento di affetto per qualcosa che non c'è più. Si ha infatti nostalgia per qualcosa che sappiamo che non può più tornare, ma che vorremo ancora potere vivere.
Hai parlato di due "lutti", cioè quello di tuo nonno, per il quale hai sofferto molto, e la separazione da questo ragazzo che sembra essere stato molto importante nella tua vita, e che tuttora ti "lascia passare davanti persone che sarebbero migliori di lui". Ogni lutto, ogni separazione, necessita di un tempo di elaborazione.
Volersi disfare dei propri "affetti" è impossibile, non si possono sostituire come parti "rotte" da rimpiazzare con parti "nuove". Tu dici "maledetta nostalgia". Probabilmnete seppure vuoi andare avanti, questo ti costa molta sofferenza, perchè senti che nel passato hai preso molto da queste persone, e in parte non vuoi lasciarle andare.
Per questo non riesci ad innamorarti più, hai paura oltretutto di potere subire nuove ferite. Non ti assillare con questi pensieri, lascia che il tempo passi, e sopporta anche questa nostalgia, questo muro davanti ai sentimenti, che per ora ti è in parte necessario.
Quando sarà passato il giusto tempo tornerai ad essere pronta per nuove cose, e questo lo capirai tu, da sola. Se ciò non dovesse accadere, e senti che queste ferite sono troppe profonde per sanarsi da sole, allora consula un esperto, che può aiutarti ad attraversare questo momento della tua vita. Distinti saluti.

( risponde il dott. Luca Saita )

Pubblicita'
Vuoi conoscere i libri che parlano di infanzia/adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fine di un amore senza motivo …

tz86, 31     Buongiorno, è circa un mese che sono stato lasciato dalla mia ragazza. Una relazione breve, circa un anno. Ma molto intensa e bella...

Difficoltà nelle relazioni con…

io, 25     Lavoro in un codominio come portiere, da un po' di tempo ho come la sensazione che si approffitino di me. ...

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Sindrome di Stoccolma

Con l'espressione Sindrome di Stoccolma si intende un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di ep...

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

News Letters

0
condivisioni