Pubblicità

Paranoie di un adolescente

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 681 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Silvio 19

Salve, sono un ragazzo di 19 anni, mi sono diplomato l'anno scorso a pieni voti (100100). E un periodo che mi sento un pò giù, mi capita ogni tanto, è capitato a febbraio e ora anche a maggio. Ho una madre depressa e forse per questo mi faccio paranoie che possa diventarlo anche io. Sono un ragazzo stravagante, vesto in modo bizzarro, mi sento abbastanza simpatico, ho molti "amici". Quest'anno ero iscritto all università a Roma, ho preso casa, ma non ho combinato nulla, ho passato tutto il tempo a fumare canne e ad andare in giro con gli altri stupidi che avevano preso casa con me. Ora mi sono dato una regolata, stò fumando molto ma molto di meno e stò iniziando a frequentare ripetizioni di matematica. Sono dimagrito parecchio, prima avevo difficoltà ad addormentarmi e a svegliarmi, ora più o meno vado a letto ad orari regolari, solo che mi risulta difficile svegliarmi. Appena mi sveglio, doccia e vado a farmi un giro sotto la mia vecchia scuola. Il pomeriggio suono un pò, e poi esco. Il problema che mi pongo spesso è di sentirmi un fallito, mentre gli altri miei coetanei sono tutti avviati nella "vita dei grandi" io sono ancora nel mio mondo da adolescente, ancora a fare cose stupide, a fare festini distruttivi e nulla di veramente cotruttivo. Sono fissato con i capelli, ci tengo tantissimo ho un taglio molto stravagante, metto la matita agli occhi. Sono etero, ma è un pò che non ho desiderio sessuale, e ho paura di averlo troppo piccolo per soddisfare le donne. Guardo ragazze generalmente più piccole, non sò il perchè. Per di più sono un feticista. Perchè ho questa personalità strana?? Perchè non sono normale come gli altri?? Aiutatemi.

Ciao Silvio. Probabilmente, come tu stesso scrivi, alcuni dei tuoi atteggiamenti sono dovuti al problema di tua madre. Credo che tu stia già facendo dei passi in avanti verso il miglioramento di te stesso, ma ritengo opportuno che tu consulti uno psicologo, quanto meno per ricevere ascolto e guida in un momento in cui sembra che tu abbia smarrito le coordinate del tuo percorso verso l'età adulta. Ti faccio i miei migliori auguri e sono certa che la parte migliore di te non tarderà ad arrivare, se avrai pazienza e la forza di chiedere l'aiuto di cui necessiti.

(Risponde il Dott.ssa Agnese Tiziana Magno)

Pubblicato in data 16/06/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia e Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Workaholism

Il workaholism, o dipendenza dal lavoro, può essere definito come “una spinta interna irresistibile a lavorare in maniera eccessivamente intensa”. Esso è consid...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

News Letters

0
condivisioni