Pubblicità

Problemi nel relazionarsi (163033)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 649 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simona, 18

 

Gentile Dottoressa,
mi chiamo Simona e ho 18 anni. La farò breve, ho problemi nel relazionarmi con le persone. No, non sono asociale, ma semplicemente odio stare con persone che non conosco. Mi spiego, pochi giorni fa ho avuto una discussione con il mio ragazzo perchè mi aveva invitato al bar con i suoi amici, io all'inizio ho detto si ed ero anche euforica rispetto all'idea, ma poi più si avvicinava il momento dell' "incontro" più non volevo andarci. Insomma, nella mia testa sono apparse varie immagini di me seduta ad ascoltare e non dire una parola, limitandomi a qualche sorrisino di compiacenza e pensavo agli amici del mio ragazzo che fantasticavano su di me come un'asociale emarginata. Ho notato inoltre che l'idea di dover stare con molte persone che non conosco mi porta agitazione, paranoia, esagerata palpitazione, attacchi di panico insomma. Ho anche fatto caso che spesso quando delle persone mi invitano ad uscire con loro, io, se so di non conoscere nessuno tranne chi mi ha invitato, se non rifiuto spesso chiedo a qualcuno di venire con me. Il mio ragazzo mi ha chiesto com'è possibile che io con lui non mi sia fatta problemi nel conoscerlo. Beh, non lo so. Non so nemmeno io com'è possibile. Ho pensato più volte di andare da uno psicologo per parlare di questi problemi, ma ho vergogna di dirlo a mia madre. Spero in una pronta risposta, grazie mille.

Cara Simona,
questa potrebbe essere una reazione di ansia da prestazione; probabilmente deriva dalla paura di non essere all'altezza e si manifesta in situazioni di gruppo(per questo non l'hai avuto con il tuo ragazzo) Una psicoterapia breve mirata alla soluzione dle problema ti sarebbe di aiuto. Dott.Laura del Citerna

 

(Risponde la Dott.ssa del Citerna Laura)

Pubblicato in data 08/07/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

Borderline

“una malinconia terribile aveva invaso tutto il mio essere; tutto destava in me sorpresa e mi rendeva inquieto. mi opprimeva la sensazione che tutto era, ai mie...

Affetto

L'affetto (dal latino "adfectus", da "adficere", cioè "ad" e "facere", che significano "fare qualcosa per") è un sentimento di particolare intensità, che lega u...

News Letters

0
condivisioni