Pubblicità

Ragazzino malato che mi fissa (165203)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 583 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La cosa che mi dà più fastidio è che i prof dicono di non essersi accorti di nulla ma è impossibile non notarlo perché sta tutto il tempo girato e se cerco di nascondermi lui allunga il collo per guardarmi.
Io faccio finta che non sia poi così grave ma ci sto malissimo.
Avevo anche pensato di cambiare scuola, ma ormai ho tutti gli amici lì e non voglio ricominciare tutto da capo.
Può sembrare una cosa stupida e sicuramente mi risponderete che è normale perché è malato ecc, io non ho niente contro i malati ma voglio solo che mi lasci in paceee.

 

 

Ciao Kikka. Mi dispiace per il disagio che provi. Si legge tanto nel modo in cui racconti la tua storia.
Il punto è che per risolvere le difficoltà che ci troviamo davanti, la prima cosa da fare è guardarle in faccia ed essere più forti di loro. 
Poi c'è un problema: non dici di che malattia soffre questo ragazzo. Credo di intuire che si tratti di ritardo mentale o qualcosa del genere.
Se così fosse, pur comprendendo bene il fastidio che provi, credo che l'unica cosa che tu possa davvero fare è stargli vicina ed essergli amica.
Non dici se parlate o se lui sia una presenza silenziosa in classe. Non ti rispondo che è normale perché è malato: quando una persona ci causa disagio, sana o malata che sia, quello che conta davvero è ciò che proviamo noi.
Purtroppo, però (o per fortuna), noi persone sane siamo più forti fisicamente e psicologicamente. Forse questo ragazzo ti guarda perché semplicemente ha molta stima di te e ti ha preso come suo punto di riferimento. Probabilmente non sa spiegartelo, non è in grado di farlo.
Ti ripeto che non conoscendo bene tutti i dettagli, l'unica cosa che mi sento di suggerirti è quella di fare tu un passo verso lui, dal momento che lui non ne fa verso te.
Potresti avere una piacevole sorpresa, scoprendo che hai pensato male di un comportamento ingenuo.

(Risponde la dott. ssa Agnese Tiziana Magno)

 

Pubblicato in data 22/12/2014

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Abulia

abulia deriva Dal greco a-bule (non – volontà) indica uno stato soggettivo di mancanza o perdita della volontà. L'abulia si riferisce sia ad un disturbo dell...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

News Letters

0
condivisioni