Pubblicità

Ragazzino malato che mi fissa (165203)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 238 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La cosa che mi dà più fastidio è che i prof dicono di non essersi accorti di nulla ma è impossibile non notarlo perché sta tutto il tempo girato e se cerco di nascondermi lui allunga il collo per guardarmi.
Io faccio finta che non sia poi così grave ma ci sto malissimo.
Avevo anche pensato di cambiare scuola, ma ormai ho tutti gli amici lì e non voglio ricominciare tutto da capo.
Può sembrare una cosa stupida e sicuramente mi risponderete che è normale perché è malato ecc, io non ho niente contro i malati ma voglio solo che mi lasci in paceee.

 

 

Ciao Kikka. Mi dispiace per il disagio che provi. Si legge tanto nel modo in cui racconti la tua storia.
Il punto è che per risolvere le difficoltà che ci troviamo davanti, la prima cosa da fare è guardarle in faccia ed essere più forti di loro. 
Poi c'è un problema: non dici di che malattia soffre questo ragazzo. Credo di intuire che si tratti di ritardo mentale o qualcosa del genere.
Se così fosse, pur comprendendo bene il fastidio che provi, credo che l'unica cosa che tu possa davvero fare è stargli vicina ed essergli amica.
Non dici se parlate o se lui sia una presenza silenziosa in classe. Non ti rispondo che è normale perché è malato: quando una persona ci causa disagio, sana o malata che sia, quello che conta davvero è ciò che proviamo noi.
Purtroppo, però (o per fortuna), noi persone sane siamo più forti fisicamente e psicologicamente. Forse questo ragazzo ti guarda perché semplicemente ha molta stima di te e ti ha preso come suo punto di riferimento. Probabilmente non sa spiegartelo, non è in grado di farlo.
Ti ripeto che non conoscendo bene tutti i dettagli, l'unica cosa che mi sento di suggerirti è quella di fare tu un passo verso lui, dal momento che lui non ne fa verso te.
Potresti avere una piacevole sorpresa, scoprendo che hai pensato male di un comportamento ingenuo.

(Risponde la dott. ssa Agnese Tiziana Magno)

 

Pubblicato in data 22/12/2014

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Psicosomatica

La psicosomatica è una branca della psicologia che ha  lo scopo di identificare  la connessione tra un disturbo somatico e la sua natura psicologica. ...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni