Pubblicità

Rapporti familiari (163270)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 606 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
A., 16

Gentile Dottoressa,
è difficile per me rivolgermi a qualcuno, perché non mi sono mai sfogata con qualcuno riguardo a questo. Ho quasi sedici anni e i miei genitori sono separati da sette. Io superai il trauma della separazione, quello non fu un problema. La cosa che comunque mi ha portato a scrivere questo "sfogo" qui, è che ho sempre avuto un cattivo rapporto con mio padre. Più che cattivo lo definirei assente, o invisibile. Lui non si è mai preoccupato più di tanto di me e mio fratello, nemmeno prima della separazione. Ma io ho sempre pensato che quello fosse solo il suo modo di essere, un po' distante con tutti e quindi forse era difficile per lui relazionarsi con i propri figli. Entrambi i miei genitori hanno un/a compagno/a e la donna che sta con mio padre non mi è mai andata a genio più di tanto. Non perché fosse la compagna di mio padre, ma è il suo carattere chr non io, ma nessuno della mia famiglia sopporta. Qualche sera fa c'è stata una cena con mio padre, la sua compagna, me, mio fratello con la sua ragazza, e la madre e il fratello di lei. Inizia una lita tra mio fratello e la compagna di mio padre, lei inizia ad alzare la voce e a comportarsi in modo inadeguato e piuttosto imbarazzante. Finché non prende un bicchiere con del vino che schizza addosso a mio fratello. Mio padre non le dce nemmeno una parola. Tralasciando il fatto di aver fatto una cattiva figura con i presenti (era la prima vota chr mio padre incontrava la madre della ragazza di mio fratello) e tralascianfo anche la stupidità e l'infantilità della compagna di mio padre, la cosa che non ho sopportato è stata ce mio padre no hadifeso mio fratello, nonostante preso a parole da lei (che a mio parere non aveva alcun diritto di comportarsi in quel modo).Durante il viaggio di ritorno, ho litigato con mio padre dicendogli tutte le cose che mi sono teuta dentro in questi anni, sperando disperatamente di fargli capire chr come padre non è stato proprio il massimo. Ma lui continuava a cambiare diecorso e agiustificarsi come se non fosse tutta colpa mia. Il giorno dopo a pranzo dai miei nonni non gli abbiamo rivolto la parola, e dopo una settimana ancora non lo sento. Non ho intenzionei far pace, questo è solo uno sfogo personale, visto che non ho altri con cui parlare. Perché io ho un padre così? Mi fa stare male questa cosa, perché io gli voglio bene comunque ma lui sembra non rendersene conto.Per favore, ho bisogno di qualcuno che mi ascolti. Grazie.




Salve,
penso che suo padre sia in difficoltà e non sappia cosa fare..per non sbagliare sembra preferisca non fare niente.Questo non vuol dire che non soffra per la situazione che si è venuta a creare.Un chiarimento è necessario.


(Risponde il Dott.ssa Laura Del Citerna)

Pubblicato in data 05/11/2013

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Avere una relazione con una pe…

Carpazia, 30 anni     Buonasera, il più delle volte, giustamente direi, ci si concentra sulla persona che soffre di questa patologia, ma c'è b...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Sessualità

La sessualità può essere intesa come l’espressione fondamentale dell’essere umano che coinvolge tutti gli aspetti della sua personalità: razionalità, affettivit...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Acalculia

L'acalculia è un deficit di calcolo mentale e scritto. Il termine acalculia è apparso per la prima volta nel 1925, proposto da Henschen, il quale la definì c...

News Letters

0
condivisioni