Pubblicità

Una "Svolta" nella mia vita... (148984)

0
condivisioni

on . Postato in Adolescenza | Letto 335 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lorenzo 15

Salve, mi chiamo Lorenzo, ho 15 anni, vivo con mia mamma divorziata. A scuola non vado molto bene, frequento il liceo classico, ritengo di avere pochi amici anche se buoni. E' leggermente imbarazzante parlarne ma vorrei tanto che qualcuno potesse darmi un risposta, un consiglio. Il mio problema sono i videogiochi. Infatti, conosco tutta la storia di tutti i videogame, ho passato molti bei momenti da solo ed in compagnia con loro, ma ultimamente sono arrivato a farmi una domanda (non so se riuscirete a seguirmi a ciò che sto per scrivere, cercherò  perciò di farlo nel modo più semplice possibile). Mentre stavo accumulando dei "Crediti" sul gioco Halo:Reach, per sbloccarmi un casco d'oro, per poi vantarmi con i miei amici online (c'è una bellissima comunity online su Xbox, la conosle di videogame, dove ho conosciuto in un anno molte persone con le quali ho da sempre parlato del più e del meno on line con le cuffie). Mi sono chiesto: ma perchè sto facendo questo? Non ha senso sprecare ore ed ore davanti al pc per una cosa che non esiste e non esisterà mai. Allora ultimamente  ho deciso che a Gennaio del 2011, insieme ad un mio carissimo amico conosciuto online, abbandoneremo per sempre questo mondo virtuale ed ogni genere di videogioco (questo perchè non riesco a dosare il tempo, o tutto o niente). Il punto è questo: una volta che abbandonerò questo mio piccolo mondo, ho paura, nel vero senso della parola, di annoiarmi. In fondo, so che abbandonando i videogame potrò dedicare più tempo ai miei amici e, magari, anche a corteggiare qualhe ragazza (anche se la scuola mi ruba veramente troppo tempo: incomincio sempre alle 3:00 e finisco verso le 19:00, se tutto va bene). Non so come spiegarmi, devo essere sincero, ed è molto imbarazzante per me scrivere ciò, ma sarei veramente felice se qualcuno riuscisse a rispondermi, nonostante l'argomento ridicolo. Aspetto ansiosamente, grazie tante.

Ciao Lorenzo, l'argomento non è affatto ridicolo, anzi è molto serio ed interessante, e tu ti sei spiegato benissimo. Credo che la sensazione che hai sia in gran parte dovuta al fatto che i videogame in questo momento occupano molto del tuo tempo e sai che sono capaci di divertirti molto (non ti annoiano mai?). Del resto questo mondo virtuale ti ha dato tante cose, amici, divertimento, abilità. Tutto questo è tuo per sempre, e sei stato tu, se ci pensi bene, a riuscire a creartelo. Queste cose ci saranno anche nel mondo là fuori, in modi diversi. Soltanto tu potrai scoprire, fuori da quel mondo virtuale, quali percorsi la vita ha da offrirti, a volte interessanti ed a volte noiosi (ma la noia è la culla della creatività, no?); e quali percorsi seguire per scoprire che cosa hai da offrire tu. Il fatto che ci siano altre sfide che vuoi accettare, altri interessi che ti piacerebbe coltivare significa che hai un modo vitale e acuto di affrontare le cose intorno a te. Credo che il tuo progetto insieme al tuo amico sia davvero una bella trovata, e che la paura di fare qualcosa di nuovo che si desidera è un grande atto di coraggio. In bocca al lupo!

(Risponde la Dott.ssa Lucia Banchelli)

Pubblicato in data 5/11/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Cattivo rapporto con i genitor…

Fatina, 17     Da 4 mesi a questa parte non riesco più a stare bene, sia mentalmente che fisicamente. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Alloplastica

tendenza mentale a trasformare l'ambiente ed il prossimo. È un effetto della condotta che consiste in modificazioni esterne al soggetto, in opposizione a mod...

Intelligenze Multiple

“Scrivendo questo libro, mi proposi di minare la nozione comune di intelligenza come capacità o potenziale generale che ogni essere umano possiederebbe in misur...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni