Pubblicità

dolore amoroso (1592041695962)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 378 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

matilde05, 18 anni

le risposte dellesperto

domanda

Salve, la storia in questione è abbastanza lunga ma cercherò di sintetizzare.

tre mesi fa conobbi un ragazzo online che in breve tempo, grazie a chiamate e videochiamate, è diventato essenziale per la mia quotidianità.

avevamo il nostro orario di chiamata e stavamo a parlare di tutto fino alle 3 del mattino.

musica, interessi, vita sentimentale, famiglia, tutto. dopo tre mesi ci siamo potuti vedere (fine restrizioni covid) e lui è venuto da me. abbiamo dormito due notti in un hotel e io ho ovviamente mentito ai miei genitori avendo solo 18 anni.
il ricordo che ho di quei giorni passati insieme non riesce a svanire. abbracci, corse sotto la pioggia, io che tremavo quando l’ho visto in stazione, baci che sarebbero diventati in qualcosa di più. è andato tutto bene.
ero felice al 100% e non ho mai riso/sorriso così tanto.
avevo tutto ciò di cui avevo bisogno.
la prima mattina mi sono svegliata con lui che mi abbracciava da dietro e ricordo ancora come sorrisi dicendo “cavolo matilde, non è un sogno, hai tutto ciò che desideravo da mesi accanto a te!”.
non riesco a dimenticare, non posso.
è l’unica cosa che mi lega i ricordi in quella camera d’hotel.
io scrivo canzoni ed è da giorni che ci provo ma ho la mente così bloccata da non riuscire davvero a scrivere e non mi è mai successo.
ad ogni modo, tornato a casa lui mi ha inviato un messaggio dicendo che è stato bene con me, ma non è convinto della relazione e che non potrebbe durare.
il mio cuore sa che lui è stato bene, infatti continuo a chiedermi dove fosse il problema.
ho pensato molto in questi giorni e durante la notte mi svegliavo rileggendo i nostri messaggi e di tutte le cose che mi diceva.
mi diceva che mi amava e me l’ha detto anche guardandomi negli occhi.
non riesco ad accettare che sia finita così.
avrei preferito me l’avesse detto di persona con più tatto, perché sa quanto io sia fragile e vulnerabile e sapeva che fossi davvero innamorata.
sto provando a conoscere persone su qualche app dating per ingannare il tempo e il ricordo di qualcosa che non c’è, ma non serve a molto.
provo a studiare, a uscire con le mie amiche, mangio.. ma poi quel ricordo continua e taglia come lame.
l’unica cosa che mi renderebbe felice sarebbe una sua chiamata, un ritorno.
un “riproviamoci, mi sono pentito della scelta di averti perso”, ma non ci sarà mai.
io lo so.. so anche che non era destino.
so che era sbagliato perché mi ha fatto piangere diverse volte in questi mesi.
so che era instabile, so che un giorno per lui eri tutto e il giorno dopo un fantasma.
io queste cose le so, mi creda, ma so anche che oltre tutti i difetti, lui era la persona che meglio riusciva a far tacere il caos che porto nella mia testa.
io sono una ragazza vulnerabile che aveva solo bisogno di amore e di sincerità.. avevo bisogno di quelle emozioni che sono andate a farsi fottere, mi passi il termine.
ora come ora non mi importa dei mesi di chiamate, ma quei giorni sono valsi più di mille chiamate.
li porto dentro di me e non posso e non riuscirò mai a dimenticarlo.
anche se passerà tempo io so che rimarrò ingabbiata in quell’amore doloroso che non è mai potuto nascere.
è la prima delusione che prendo in amore e non so come si affronti, ecco perché ricorro a un psicologo.
io ho fatto di tutto per tenermelo stretto, per essere la persona che lui avrebbe voluto.
mi sono migliorata esteticamente, caratterialmente e in tutti gli aspetti.
ho passato mesi a mangiare molto meno e ad allenarmi molto per perdere peso, anche se sono nella norma.
solo perché volevo piacergli al 100%.
niente.
tutti gli sforzi sono stati inutili.
spero di ricevere una risposta ! grazie

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 

 


 

 

risposta

Carissima giovane Matilde, è necessario che comprendi bene i tuoi bisogni. Tu parli di volere avere un rapporto sincero, ma bisogna comprendere se veramente lui sia stato sincero. Quando conosci una persona, inizialmente online, dovresti capire se la persona sia realmente così o meno. Necessita il tempo per conoscere una persona, il frequentarla spesso, oltre che per telefono o virtuale . Nel mondo virtuale non sempre si possono conoscere le persone per ciò che sono. Cerca di vivere con gioia, sei ancora molto giovane. Hai fatto un'esperienza bella...nel tempo se lui ti ha mai amato lo ritroverai.

Cordiali saluti.

dott.ssa Iolanda Lo Bue

 

Pubblicato in data 03/06/2020

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Fissazione

Nel linguaggio comune, quando parliamo di fissazioni, ci riferiamo a comportamenti che la persona ha sempre messo in atto, che sono diventati abituali e che la ...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni