Pubblicità

La cronicità di una depressione la rende incurabile? (1574465951359)

0
condivisioni

on . Postato in Depressione | Letto 154 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Le risposte dell'esperto

Arianna, 46 anni

domanda

 

 

Buongiorno, ho una lunga storia pregressa di disturbo depressivo (con lieve dissociazione), di cui 16 anni inclusivi di disturbi alimentari. A guardare le cose dall'esterno direi che di base i nodi del problema risalgono alla mia nascita (nata fuori dal matrimonio da una relazione extraconiugale). Famiglia numerosa.

Se dovessi appiccicare dei post-it sulle varie fasi passate userei: infanzia=senso di illegittimità, preadolescenza=progressivo isolamento e distanza dal modello materno, adolescenza=tentativi di morire (inclusa l'inedia), dai 20 ai 28 il caos totale, con entra-ed-esci da vari studi di psicologi, tentativi di integrazione sociale, laurea con i massimi voti, ricerca di un partner... un episodio orribile con un uomo che mi ha fatta finire in ospedale (sorta di violenza fisica), dai 28 ricerca di un lavoro (niente), per anni una relazione con un ragazzo (finita, non voleva sposarsi), dai 35 ad adesso ricerca di un lavoro... una laurea umanistica è un ostacolo, di conseguenza sono costretta a vivere con i miei genitori pur desiderando l'affrancamento e di liberarmi della loro personalità opprimente, con tutti i sensi di colpa annessi ovviamente. Qualche anno fa a mia madre è stato diagnosticato un cancro, dopo le opportune terapie attualmente si trova in remissione, ma ricordo che in quel momento mi è sorta una rabbia immensa. Ho usato quella rabbia e ho trovato un paio di lavori, l'ultimo dei quali "vero" con contratto e tutto, ma ho dovuto lasciarlo sia perchè ero sottopagata, sia per motivi famigliari.

Ora mi ritrovo punto e a capo. Penso sia troppo tardi per trovare una relazione sentimentale, ormai ho perso il treno, sono vecchia, certo non sono brutta, ma a casa mia se non sei alta e formosa non sei una donna, per di più sono completamente paralizzata quando si tratta di interagire con qualcuno che mi piace. Voglio morire di nuovo. Oppure voglio quella bellissima, spietata rabbia che si era impadronita di me qualche anno fa e mi faceva sentire invincibile... si sta affievolendo, perchè? Sta tornando quel velo nero che per anni mi ha tenuta in ostaggio. L'ultima psicologa che ho frequentato in terapia era molto brava ma mi fece capire che oltre una certa età non accettano più i casi cronici. Ne ho guadagnato la guarigione dall'anoressia (e parlo di più di 6 anni fa, senza recidive), ma le voci opprimenti e distruttive della depressione stanno tornando.

Chiedo: 1) Se un caso è dichiarato cronico, è incurabile? 2) socialmente, terapeuticamente (e dal punto di vista di un padre, poichè il mio una volta me l'ha proprio detto) sono ciò che viene definito un fallimento? 3) casi come il mio arrivano vivi all'età che ho raggiunto? Perchè quando ci penso il senso di alienazione aumenta. Ringrazio anticipatamente se vorrete rispondermi.

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 

risposta

 

 

Salve, per prima cosa la Depressione cronica é trattabile, infatti molti studi é emerso che puó essere trattata con un percorso psicoterapeutico (che come ha detto lo ha fatto) in quanto agisce sul modificare alcune convinzioni o atteggiamenti comportamentali, migliorare le relazioni interpersonale e stima di sé, aumentare la consapevolezza e la capacità di gestire le proprie emozioni.

Da come emerge dal suo racconto, per lei ció che sta provando o vivendo é una situazione irrecuperabile, ma ricorda che non é sola, altre persone hanno vissuto quello che sta vivendo e con un buon sostegno e un buon percorso ne puó uscire!

Alcune strategie che potrebbero essere usate:

  • Riconosci e sfida la tua voce interiore critica (voce interna che porta a non vivere serenamente la tua quotidianeità) in questo caso potresti chiedere “questo pensiero é vero” e successivamente “perché”
  • potresti fare dell’attività fisica, meglio se all’aperto a contatto con la natura.. ad esempio una passeggiata (l’attività fisica rilascia endorfine, sostanze chimiche, che migliorano il tono dell’umore)
  • percorsi di Mindfulness che aiuta a prestare attenzione nel qui ed ora in modo non giudicante.

Buona giornata!

 

Dottoressa Ilaria Luciani

 

 

Pubblicato in data 22/01/2020

 

 

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Quello che emerge nell’emergen…

L'emergenza per il Covid-19 ha portato la comunità degli psicologi ad applicare nuove e più attuali forme di sostegno psicologico. Una riflessione sulle implica...

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Le parole della Psicologia

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

Il Cyber-Sex

La Cyber-Sex Addiction: pornografia, sesso in rete e dipendenza. Il termine Cyber-Sex, dall’inglese “sesso (Sex) cibernetico (Cybernetic), si riferisce all’att...

Frigidità

Con il termine frigidità si fa riferimento ad una bassa libido, o assenza di desiderio sessuale nelle donne, caratterizzata da una carenza o incapacità permanen...

News Letters

0
condivisioni