Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Anoressia/Bulimia (144189)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 210 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania 24

Salve, non so se ho bisogno di un aiuto o è solo una voglia di parlarne con qualcuno. Anticipo che ho disturbi alimentari dall'adolescenza e un passato un po' travagliato, c'è di peggio al mondo, lo so, ma la separazione dei miei genitori a 12 anni, l'arrivo di un nuovo fratellino a 16 anni e la morte del compagno di mia madre (per me, un pilastro) a 18, mi hanno portato prima a non mangiare poi a vomitare e poi a tentare il suicidio. Sono stata seguita da uno psicologo, ovviamente, solo dopo il fattaccio. Andava tutto bene e ho smesso. Il problema è che i disturbi alimentari vanno e vengono ma non mi hanno mai lasciata per un anno intero circa e ora vivo da sola. Ogni tanto, (praticamente sempre) viene a dormire il mio fidanzato e vivendo in 40 mq con un bagno senza porta, la sera non posso vomitare davanti a lui quindi, spesso non mangio quando sono con lui e a pranzo mangio e dopo vomito. Se volessi potrei smettere quando voglio ma il punto è che non lo voglio sono ingrassata tanto e non mi piaccio più . A volte, piango quando mi guardo allo specchio. Mi vergogno ad uscire e mi copro il più possibile. Poi, adesso che arriva l'estate per me è bruttissimo perkè dovrò stare a maniche corte ecc. Grazie. ps.: Che cosa comporta al fisico il vomito indotto quotidianamente? Un saluto.


Cara Stefania, hai vissuto e stai tutt'ora vivendo una situazione difficilissima, non è da sottovalutare. Il vomito indotto causa tremende conseguenze sul tuo corpo, può portare gravi conseguenze all'esofago e alle altre cavità orali perchè l'acido dello stomaco li corrode. E' importante che tu possa chiedere aiuto a un professionista psicologo o psichiatra che ti possa aiutare ad affrontare questa tremenda situazione. E' davvero pericoloso fare ciò che fai tutti i giorni e il tuo fisico si debilita ogni giorno di più, ti sentirai sempre più affaticata e depressa. Ti consiglio con tutto il cuore di cercare aiuto il prima possibile da parte di uno psicologo o psichiatra e di un dietista specializzato che si prenda cura del tuo stato fisico. Ti auguro di trovare il coraggio e la forza di aiutarti, come già hai iniziato a fare chiedendo aiuto a noi! Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 18/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Acting out

Il termine Acting out , letteralmente “passaggio all’atto”, indica l’insieme di azioni aggressive e impulsive utilizzate dall’individuo per esprimere vissuti co...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni