Pubblicità

Anoressia/Bulimia (144189)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 235 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefania 24

Salve, non so se ho bisogno di un aiuto o è solo una voglia di parlarne con qualcuno. Anticipo che ho disturbi alimentari dall'adolescenza e un passato un po' travagliato, c'è di peggio al mondo, lo so, ma la separazione dei miei genitori a 12 anni, l'arrivo di un nuovo fratellino a 16 anni e la morte del compagno di mia madre (per me, un pilastro) a 18, mi hanno portato prima a non mangiare poi a vomitare e poi a tentare il suicidio. Sono stata seguita da uno psicologo, ovviamente, solo dopo il fattaccio. Andava tutto bene e ho smesso. Il problema è che i disturbi alimentari vanno e vengono ma non mi hanno mai lasciata per un anno intero circa e ora vivo da sola. Ogni tanto, (praticamente sempre) viene a dormire il mio fidanzato e vivendo in 40 mq con un bagno senza porta, la sera non posso vomitare davanti a lui quindi, spesso non mangio quando sono con lui e a pranzo mangio e dopo vomito. Se volessi potrei smettere quando voglio ma il punto è che non lo voglio sono ingrassata tanto e non mi piaccio più . A volte, piango quando mi guardo allo specchio. Mi vergogno ad uscire e mi copro il più possibile. Poi, adesso che arriva l'estate per me è bruttissimo perkè dovrò stare a maniche corte ecc. Grazie. ps.: Che cosa comporta al fisico il vomito indotto quotidianamente? Un saluto.


Cara Stefania, hai vissuto e stai tutt'ora vivendo una situazione difficilissima, non è da sottovalutare. Il vomito indotto causa tremende conseguenze sul tuo corpo, può portare gravi conseguenze all'esofago e alle altre cavità orali perchè l'acido dello stomaco li corrode. E' importante che tu possa chiedere aiuto a un professionista psicologo o psichiatra che ti possa aiutare ad affrontare questa tremenda situazione. E' davvero pericoloso fare ciò che fai tutti i giorni e il tuo fisico si debilita ogni giorno di più, ti sentirai sempre più affaticata e depressa. Ti consiglio con tutto il cuore di cercare aiuto il prima possibile da parte di uno psicologo o psichiatra e di un dietista specializzato che si prenda cura del tuo stato fisico. Ti auguro di trovare il coraggio e la forza di aiutarti, come già hai iniziato a fare chiedendo aiuto a noi! Un abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 18/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Mild Cognitive Impairment (MCI…

È uno stato di confine o di transizione tra l’invecchiamento normale e la demenza, noto come “lieve compromissione cognitiva”. Il declino cognitivo lieve consi...

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

News Letters

0
condivisioni