Pubblicità

L'attenzione

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 18121 volte

4.25 1 1 1 1 1 Votazione 4.25 (4 Voti)

attenzioneL'attenzione è un processo cognitivo che permette di selezionare stimoli ambientali, ignorandone altri.

È quel meccanismo in grado di selezionare le informazioni in ingresso in base allo loro rilevanza biologica e/o psicologica per l’individuo.

L’attenzione è la capacità di convogliare le risorse mentali su specifici aspetti della realtà in determinati momenti.

Essa è attivata da stimoli intensi, nuovi e/o significativi. Quindi, i cambiamenti nel campo degli stimoli che sono in grado di suscitare l’attivazione di processi attentivi sono:
• variazione dell’intensità delle stimolazioni (per esempio, un forte rumore improvviso);
• comparsa di stimoli significativi (per esempio udire il proprio nome ad una conferenza).


La definizione di attenzione comprende aspetti diversi. I ricercatori, parlano di attenzione selettiva e attenzione divisa. Un classico esempio di attenzione selettiva è rappresentato dall’effetto del “cocktail party”, dove in una situazione in cui arrivano emissioni sonore da tutte le parti, siamo in grado di selezionare solo quelle provenienti dalla persona con cui stiamo parlando. Si parla di attenzione divisa quando al soggetto è chiesto di controllare contemporaneamente due o più fonti di informazione.
Il primo grande studioso che si è occupato di questo argomento è stato Broadbent. Secondo questo autore, che propone una selezione precoce dell’informazione, l’attenzione funziona come un filtro, secondo cui esisterebbe una fase iniziale di elaborazione dell’informazione durante la quale tutti gli stimoli vengono analizzati simultaneamente sulla base delle loro caratteristiche fisiche elementari e immagazzinati per un breve periodo. In questa fase, quindi, non si ha alcuna selezione dell’informazione. A questo stadio di elaborazione, che Broadbent attribuisce al sistema sensoriale, segue una fase di elaborazione più avanzata da attribuire al sistema percettivo, il quale opera serialmente, elaborando cioè uno stimolo dopo l’altro. Un filtro, posto tra il sistema sensoriale e il sistema percettivo, seleziona gli stimoli che possono avere accesso ai livelli di elaborazione più sofisticati.

Broadbent asserì che i soggetti hanno la capacità di prestare attenzione ad una sola voce alla volta. La Treisman, successivamente modificò la teoria originale di Broadbent formulando la teoria del filtro attenuato, detta anche della selezione tardiva. Questa teoria sostiene che il filtro attentivo si limita a ridurre, e non a cancellare, l’informazione disponibile nel canale non attentivo. Secondo la Treisman, è più economico parlare di attenuazione, poichè non è possibile che un individuo funzioni attraverso un filtro, impiegando così un continuo di energie legate alla selezione. Quindi, tutte le informazioni giungono all’individuo, poi alcune si attenuano e altre rimangono forti e persistono.
In generale si può constatare che i processi attentivi non sempre sono coscienti: ad alcuni elementi si presta attenzione consciamente, mentre altri vengono registrati in modo non cosciente, vengono percepiti anche se non vi si presta attenzione in modo diretto.

Da un punto di vista metodologico, è stato usato l’osservazione dei tempi di reazione. È un metodo psicofisico che ha come presupposto il fatto che tanto più lungo è il tempo di reazione, tanto più complessa è l’elaborazione dell’informazione.

Un fenomeno osservato sperimentalmente è l’Effetto Stroop. Si scrive una parola relativa a un colore. Per esempio, si può scrivere la parola rosso su uno sfondo dello stesso colore, oppure si può scrivere usando un altro colore (per esempio verde) su uno sfondo rosso, o in verde su uno sfondo blu. Si è notato che i tempi di reazione sono tanto più brevi quanto più c’è congruenza tra i colori (per esempio la parola rosso scritta in rosso su uno sfondo rosso).

Pubblicità

Questa sarebbe una prova a favore della teoria dell’attenuazione della Treisman, poiché l’incongruità di informazione rallenta il tempo di reazione.

In campo clinico vi sono vari disturbi dell’attenzione. Alcuni disturbi hanno cause organiche, altri psichiche. Si è osservato soprattutto nei bambini, che i soggetti stressati sviluppano inibizione alla capacità di prestare attenzione all’ambiente. Questo avviene in quanto si sviluppa una chiusura alla stimolazione esterna, la persona ostacola l’ingresso delle informazioni. Nei disturbi d’ansia e dell’umore possono essere presenti difficoltà di concentrazione.

Nei disturbi clinici evolutivi, come l’ADHD, l’attenzione gioca un ruolo cruciale. I bambini con un disturbo ADHD hanno infatti dei deficit che riguardano la sfera dell’attenzione che si manifesta con difficoltà di concentrazione, ad iniziare o sospendere un compito o un gioco, difficoltà a prestare ascolto all’insegnante e nell’organizzare il lavoro. È pertanto opportuno pianificare un tipo di intervento che tenga conto della centralità del fattore attentivo e sviluppi un training specifico per la riabilitazione delle funzioni attentive e della concentrazione.

 

Per approfondimenti:

  • wikipedia.org
  • ABC della psicologia generale, edizioni Magi

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: attenzione parole della psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Carla (1564835062431)

  carla, 30 Buongiorno, vi scrivo perché sto veramente male, sono fidanzata da 3 anni col il mio compagno con cui ho avuto una bambina pochi mesi fa ...

Area Professionale

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Articolo 29 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.29 (uso presidi), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana spi...

Articolo 28 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.28 (vita privata e vita professionale) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

Le parole della Psicologia

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è identif...

News Letters

0
condivisioni