Pubblicità

Adolescenti, anziani e le interazioni sociali. Qualcosa in comune.

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1140 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

Una nuova ricerca condotta dall'Università del Kent ha scoperto che gli adolescenti e gli anziani prestano meno attenzione ai segnali sociali nelle interazioni del mondo reale rispetto ai giovani adulti.

Adolecenti anziani e le interazioni socialijpg

I risultati pubblicati da Nature Human Behaviour mostrano che l'attenzione sociale subisce un cambiamento legato all'età, che ha potenziali implicazioni sul modo in cui possiamo interpretare con successo le interazioni sociali nella vita quotidiana e per tutta la durata della vita.

Interpretare l'espressione facciale, il tono di voce e i gesti degli altri è un elemento vitale dell'interazione sociale che ci consente di fare rapide inferenze sugli stati mentali degli altri, come le loro intenzioni, emozioni, desideri e credenze. Un'interazione sociale di successo stimola l'assunzione di prospettiva e l'empatia insieme ad altre abilità sociali essenziali e svolge un ruolo importante nel migliorare il nostro benessere.

La ricerca condotta dalla dottoranda Martina De Lillo, insieme alla professoressa Heather Ferguson e ad altri colleghi della School of Psychology dell'Università del Kent, è la prima del suo genere a esaminare come viene assegnata l'attenzione sociale durante l'adolescenza e se differisce dall'età adulta. Inoltre, nessuna ricerca precedente ha esaminato le differenze di sviluppo nell'arco della vita dell'attenzione sociale mentre le persone partecipano attivamente a situazioni interattive del mondo reale.

I ricercatori hanno registrato i partecipanti in due situazioni di interazione sociale del mondo reale (una conversazione faccia a faccia e il comportamento in un ambiente) utilizzando occhiali mobili per il monitoraggio degli occhi per osservare la loro attenzione alle informazioni sociali e non. In entrambi gli scenari sono stati valutati adolescenti (10-19 anni), giovani (20-40 anni) e adulti più anziani (60-80 anni).

Pubblicità

Nel primo esperimento gli adolescenti e gli anziani hanno trascorso meno tempo a guardare il volto dello sperimentatore durante la conversazione e più tempo a fissare lo sfondo, rispetto ai giovani adulti. Nel secondo esperimento, gli adolescenti e gli anziani hanno trascorso meno tempo a guardare le persone mentre si muovevano in un ambiente universitario frenetico, rispetto ai giovani adulti. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che gli adolescenti e gli anziani hanno trovato la situazione sociale più difficile da mantenere rispetto ai giovani adulti e hanno gestito questa difficoltà evitando le complesse informazioni sociali del volto.

Martina De Lillo ha dichiarato: "L'utilizzo della tecnologia di tracciamento oculare mobile ci ha permesso di acquisire una comprensione unica dell'interazione sociale e dell'uso quotidiano della cognizione sociale in contesti del mondo reale. Può svolgere un ruolo fondamentale nell'ulteriore comprensione di come si sviluppa l'interazione sociale nel corso della vita.'

Il professor Ferguson ha affermato: "Concentrarsi meno sulle persone e sui loro volti significa che gli adolescenti e gli anziani perdono spunti importanti e questo potrebbe portare a maggiori disabilità nell'interazione sociale o a minori opportunità di impegnarsi nell'interazione sociale con gli altri."

"Durante l'adolescenza, i giovani di 10-19 anni stanno ancora imparando e sviluppando relazioni con i coetanei, quindi stanno sperimentando un rapido cambiamento nelle loro esperienze e preferenze sociali. Per gli anziani, un sostanziale declino della partecipazione sociale può portare all'isolamento, alla solitudine e a cattive condizioni di salute. Entrambi i gruppi possono quindi essere significativamente colpiti da una mancanza di impegno sociale."

 

 

 

Riferimento:

  • Martina De Lillo, Rebecca Foley, Matthew C. Fysh, Aimée Stimson, Elisabeth E. F. Bradford, Camilla Woodrow-Hill, Heather J. Ferguson. Tracking developmental differences in real-world social attention across adolescence, young adulthood and older adulthoodNature Human Behaviour, 2021; DOI: 10.1038/s41562-021-01113-9

 

 

 

 

 (traduzione e adattamento a cura della dott.ssa Assunta Giuliano)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

Tags: volto adolescenti anziani interazioni sociali; espressione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angosci...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Manipolazione

La manipolazione psicologica è un tipo di influenza sociale, finalizzata a cambiare la percezione o il comportamento degli altri, usando schemi e metodi subdoli...

News Letters

0
condivisioni