Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia (134034)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 121 volte

Elisa 19/20

Buongiorno, è ormai da quando ho smesso di praticare tiro con l'arco a livello agonistico che sono caduta in una forma depressiva che manifesto soltanto con me stessa. Dal dicembre 2007 soffro di questa patologia e voglio convincermi che posso farcela da sola ma è proprio il sentirmi sola che non mi permette di trovare la motivazione giusta per "combattere". Sto bene soltanto quando sono fuori casa perchè non ho il pensiero del cibo, non ho mai avuto il coragio di parlarne con nessuno della mia situazione familiare che devo far sembrare perfetta agli occhi degli altri ma nella realtà è tutt'altro che desiderabile. Insomma io avrei bisogno di qualche consiglio per uscire da questo tunnel che sta inghiottendo la mia vita e le mie risorse. Ringrazio anticipatamente per la risposta e sarò contenta di chiarire magari qualche punto poco chiaro. Elisa.

Elisa, non so perché tu non sia contenta di te stessa, e non so nemmeno perché tu abbia smesso di praticare il tiro con l’arco, che probabilmente ti aiutava a gestire l’ansia e le tue insoddisfazioni. Ma certamente qualcosa non va e devi riprendere in mano la tua vita. E’ probabile, come dici, che la situazione familiare stia influenzando il tuo umore, ma probabilmente c’è qualcosa che riguarda più strettamente te stessa che non va o che stai cercando. Di solito il problema col cibo è espressione di insicurezze personali e di difficoltà ad accettare se stessi. Spesso schiacciati da un modello che si è idealizzato eccessivamente nei confronti del quale abbiamo un rapporto ambivalente (mamma?). Comunque stiano le cose, è dentro di te che devi lavorare ed è dentro di te che troverai la soluzione. Il cibo è solo un mezzo. Una delle prime e più importanti cose da fare, Elisa, è cercare di uscire dall’isolamento e parlare. Se non riesci a parlarne dentro casa, inizia a parlare con gli amici e le amiche, o comunque con le persone alle quali sai di poter dare la tua fiducia. Esci fuori dal segreto e dall’isolamento, che non fanno che acuire il problema. Come hai fatto scrivendo qui, cerca di parlare e confrontarti con le altre persone, non c’è nulla di cui vergognarsi. O meglio, la vergogna che hai nel condividere questa tua problematica è più o meno equivalente alla vergogna che hai di esprimere te stessa per quello che sei. Fai uno sforzo, cerca dentro di te i motivi delle tue insoddisfazioni e dei tuoi rifiuti, e inizia a esprimere le tue emozioni. Se hai bisogno di farti aiutare da uno psicoterapeuta, trova il modo di farlo. Un aiuto, solitamente breve, in questo momento potrebbe aiutarti a risolvere velocemente le tue difficoltà. Non le trascurare e non le soffocare perché anche se dolorose, sono un modo per costringerti ad occuparti di te stessa.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi)

Pubblicato in data 20/07/08 Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Disturbi alimentari per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

manie e compulsioni (151195457…

Carolina, 50     Buongiorno, mio marito soffre di depressione per cui prende già dei farmaci ma soffre secondo me anche di ossessioni. ...

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

Area Professionale

Sinergie tra avvocato e psicol…

In molte dispute legali il Giudice nomina un perito esperto della materia (CTU - consulente tecnico d'ufficio), delegato dal Tribunale ad esamniare il caso e a ...

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

Malaxofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata dei giochi amorosi. E’ conosciuta anche come sarmasofobia, usata dai greci. ...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters