Pubblicità

Melatonina

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 438 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Omone secreto dai pinealociti della ghiandola pineale (o epifisi), derivato dalla serotonina, regolatore dei ritmi circadiani.

melatonina

 

Il ruolo più noto della melatonina consiste nell'aggregare i granuli di melanina al fine di modificare la pigmentazione cutanea. L'epifisi dei mammiferi ha funzione di trasduttore neuroendocrino ed è la struttura che partecipa alla regolazione ormonale legata alla regolazione luce - buio.

Le informazioni luminose giungono, infatti alla retina e vengono trasnesse all'epifisi attraverso il nucleo sopraottico ipotalamico: il neurotrasmettitore deputato all'attivazione del sistema che connette la retina alla ghiandola  pineale è la noradrenalina, prodotta dai fotorecettori retinici in fase di depolarizzazione. Durante il giorno, il sistema retina - ipotalamo - epifisi è quiescente, essendo i fotorecettori iperpolarizzati e quindi non in grado di rilasciare noradrenalina. Ciò comporta una scarsa produzione di melatonina.

Viceversa al buoi vi è un aumento sia di recettori a1 e b1 adrenergici all'nterno della ghiandola, sia della secrezione di noradrenalina. Viene inoltre incrementata la sintesi di arilkilamina, sostanza che partecipa alla sintesi dell'ormone. Non appena la quota di melatonina aumenta, questa passa tramite diffusione passiva nel torrente circolatorio. L'inibizione della secrezione mediata dalla luce segue un rapporto dose - dipendente.

 

Pubblicità

 

E' verosimile che esista un duplice sistema fotorecettivo: uno che media la stimolazione di melatonina, l'altro adetto alla stimolazione cosciente della luce. La modalità e la quantità di melatonina secreta è diversa nelle varie fasi di vita dell'uomo.

Nei soggetti adulti sani vi è un picco plasmatico tra le 2 e le 4 del mattino. Numerose sono le funzioni attribuite alla melatonina: regolatore delle risposte immuni; regolatore del ritmo sonno - veglia; coadiuvante terapeutico nelle neoplasie; modulatore dell'attività riproduttiva e sessuale; scavenger (spazzino) dei radicali liberi. Sono stati ipotizzati vari recettori, ad alta e bassa affinità, quelli nucleari, oltre ad i siti di azione contenuti nel citoplasma.

Con gli esami autoradiografici è stata dimostrata la presenza di recettori deputati alla regolazione del ritmo circadiano per la melatonina e disposti in varie regioni del cervello. Per quanto concerne i possibili impieghi terapeutici nell'uono, è stato dimostrato che l'assunzione di melatonina a dosi variabili tra o,1 e 5 mg causa un significativo aumento della propensione al sonno e della durata del sonno REM, in assenza di sonnolenza diurna.

Non è stato, tuttavia, ancora chiarito se il meccanismo che porta all'attivazione del sonno sia legato a modificazione dei livelli di monoamine neurotrasmettritici a livello cerebrale o a modificazioni della termoregolazione.  Una modificazione della secrezione endogena di melatonina si nota in passegggeri che compiono voli attraverso vari fusi orari e nei lavoratori nei turni di notte.

In uno studio condotto su viaggiatori di linee aeree diretti verso Est a lunga distanza, la somministrazione di 5 mg di melatonina, sia la sera prima della partenza sia dopo l'arrivo ha alleviato i sintomi del Jet - lag. Analoghi risultati sono stati ottenuti in membri di equipaggi transoceanici. Le dosi ottimali e gli esatti tempi di somministrazione, tuttavia, non stati ancora stabiliti, così come non è chiaro se attribuire i vantaggi della melatonina al suo effetto ipnotico o alla sua promozione di una resincronizzazione del ritmo circadiano.

Per quanto riguarda il suo effetto anti - invecchiamento, basato sul fatto che diminuisce nel siero con l'età e sulla sua funzione neuroprotettiva come scavenger di radicali liberi, i dati in letteratura non sono convinecenti. Lo stesso si può dire per il suo ipotetico effetto antineoplastico.

 

riferimenti bibliografici

  • A cura di Mauro Maldonato. Dizionario di scienze psicologiche (2008). Edizioni Simone.

 

 

A cura della Dottoressa Giulia Inglese

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: le parole della psicologia melatonina

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia,mentre le altre componenti del linguaggio risultano intatte. Il paziente con anomia è in...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Parafilia

  Con il termine Parafilie si fa riferimento ad un insieme di perversioni sessuali caratterizzate dalla presenza di comportamenti regressivi che prendono ...

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

News Letters

0
condivisioni