Pubblicità

Bulimia (144243)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 195 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stefano 31

Salve, la mia ragazza mi ha confessato da qualche giorno di essere malata di bulimia, pare che sia stata in passato in terapia per un anno, poi ha dovuto sospenderla per motivi economici. Stiamo da poco insieme e la cosa mi ha spaventato molto, ora mi sento molto lontano da lei rispetto a quando ignoravo la cosa. Il problema che altre mie due ex soffrivano di disturbi alimentari riconducibili a bulimia piuttosto che anoressia, cosa che ha minati i miei precedenti rapporti portandoli a finire. Quando ho appreso la notizia subito sono tornati alla mente i miei ricordi passati. Sinteticamente la mia attuale ragazza: ha un forte senso del dovere, troppo forte a parer mio, quando era piccola ha subito più volte la separazione dei suoi, ha un bisogno d'amore eccessivo, troppe volte quando la andavo a prendere era esausta. Poi mi ha confessato che è esausta ogni volta che lotta contro la voglia di vomitare. Mi ha chiesto di lasciarla subito o di non farlo in seguito. Io caratterialmente somatizzo sempre gli altrui stati d'animo, soffro da un decennio di colite nervosa ed altri mali psicosomatici che comunque nel bene o nel male riesco a gestire. Come posso aiutarla? Come posso aiutare me? Stiamo da troppo poco insieme e sebbene mi sento innamorato le sue confessioni mi hanno allontanato. Conosco quel mondo e ho paura. Grazie. Ciao.

Caro Stefano, la sua ansia e paura di fronte al disturbo della sua ragazza è comprensibile, il suo desiderio di fuga anche. Tuttavia se ci scrive è perchè in fondo vorrebbe aiutarla. Allora, trattando i disturbi alimentari da molti anni le consiglio assolutamente di invitare la sua ragazza ad entrare in terapia presso un centro ospedaliero dove ci sia un'equipe curante, questo è il modo in assoluto più efficace per uscirne abbastanza in fretta. Per quanto riguarda lei, Stefano, se non se la sente sia franco con lei e gliene parli ora, probabilmente questo costituisce un ulteriore stimolo a curarsi. Se il vostro rapporto deve durare, questa è una bella prova. Un abbraccio. Ciao.

(Risponde la Dott.ssa Ponti Camilla)

Pubblicato in data 07/05/2010
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Che cos'ho? (1539793185617)

Jules, 26     Sono una persona che se le da fastidio qualcosa si toglie dalla situazione senza rompere troppo le scatole ma se vengo tirata in me...

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

Lallazione

Indica quella fase di sviluppo del linguaggio infantile, che comincia all’incirca intorno al quarto-quinto mese di vita, e che consiste nell’emissione di suoni...

News Letters

0
condivisioni