Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Bulimia o fissazione (131601)

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 90 volte

Sofia 23

Salve, mi rivolgo a voi perchè ho pura di soffrire di bulimia e non me ne rendo conto. Ho 23 anni e vivo con i miei fratelli i miei genitori vivono in un'altra casa, ma visto che studio fuori sono quasi sempre da sola. Sin dall'adolescenza non ho fatto altro che dimagrire e ingrassare continuamente perchè purtroppo sono molto golosa, mi piace mangiare ma ho il terrore di ingrassare. L'anno scorso ho perso 7 chili ma oggi li ho quasi tutti ripresi e da circa 3 mesi non faccio altro che fare dieta durante la settimana che sono fuori all'università dove spesso mangio con amici (sono sempre stata abbastanza attenta a cibi sani e poveri du grassi) ma quando ritorno a casa da sola mi abbuffo mangiando di tutto in tempi rapidissimi per paura che torni qualcuno. Questo mi fa sentire terribilmente in colpa la settimana scorsa ho vomitato per la prima volta ma non l'ho fatto più mi sono spaventata dopo che l'avevo fatto anche se nei giorni seguenti ho continuato a mangiare tanto e pensavo sempre a vomitare o ad andare in farmacia a comprare lassativi ma non ne ho avuto il coraggio di farlo davvero. Ora cerco di mangiare bene durante i pasti ma poi nel pomeriggio o la sera mi strafogo di cibo. Vi prego ditemi questi sono sintomi di bulimia o mi sto solo fissando non riesco ad uscirne ma non voglio ingrassare e neanche ammalarmi come faccio ad avere un rapporto equilibrato con il cibo senza eccessi? Aspetto vivamente vostre risposte, vi ringrazio.

Cara Sofia, io non credo che si tratti di bulimia, ma che tu hai una fame nervosa che non sai gestire è invece un dato di fatto. Per avere un equilibrio, potresti rivolgerti ad un dietista che potrebbe stilare per te una dieta equilibrata ed attenerti a quella scrupolosamente, senza uscirne mai. In questo modo puoi imparare a riconoscere i giusti segnali di fame e sazietà ed a gestirli. Dalla tua lettera però, appare chiaro come la tua “fame” potrebbe non essere solo di cibo…come mai ti capita solo quando torni a casa? Allora per questo ti consiglierei, qualora non riesca a capirlo ed uscirne da sola, di rivolgerti ad uno psicologo in carne ed ossa, niente terapie di 10 anni, solo un po’ di counseling per imparare a controllare questa sensazione e gestirla al meglio.

(risponde la Dott.ssa Sara Ginanneschi )

Pubblicato in data 03/03/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto consiglio (1512841413383…

Francesco, 30     Salve. Non questa estate appena passata ma la scorsa sono stato ricoverato in psichiatria con la forza senza il mio consenso. ...

Ansia e derealizzazione (1511…

LukasV, 25     Salve, sto passando un periodo difficile in cui c'è di mezzo una sentenza (tra pochi giorni) per il futuro dell'affidamento di mio...

matrimonio, figli, amante (151…

tosca, 35     Sono una donna sposata da solo un anno, ma la relazione dura da circa 10 anni. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Ansia da separazione

La causa alla base di questa esperienza nel successivo sviluppo di un disturbo mentale non ha più significato senza l’interazione di altri fattori ...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Belonefobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters