Pubblicità

Disturbi alimentari (140359)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 164 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anonimo 35

Salve, ho 35 anni e da tempo mi faccio veramente schifo, sono ad un punto morto, dal quale non riesco più ad uscire. Nella mia vita è tutto ok, ho una bella famiglia, ma io più mi vedo grassa e più mangio di nascosto dicendo sempre che sarà l'ultima volta. Non ho mai vomitato, ma mangio una quantità di cibo esagerata e nel giro di poco tempo ho messo su tantissimi chili. Non ho voglia nè coraggio per andare da uno psicologo, ma sento di non potercela fare assolutamente. Potete darmi un consiglio? Vi ringrazio di cuore.

Carissima, la tua solitudine è davvero profonda, ma sappi che non sei sola, molte donne vivono o hanno vissuto situazioni simili. E' un problema frequente e si può risolvere attraverso un aiuto adeguato. L'immagine che hai di te è lo specchio della stima che nutri per te stessa, se c'è poca autostima c'è anche poco rispetto per se stessi e per il proprio corpo. Più ti vedi grassa più pensi non ne valga la pena tenersi col cibo, tanto. Invece ciò che ti può aiutare è lavorare sulle tue caratteristiche interiori e su quanto vali come persona, al di là dell'aspetto fisico. Se hai una bella famiglia vuol dire che sei una persona dolce ed amabile, disponibile e rispettosa. Prima di continuare il cammino verso una meta autodistruttiva ti consiglio di farti accompagnare da un professionista che ti possa guidare verso una meta costruttiva e significativa. Ci sono professionisti esperti in queste tematiche che saprebbero lavorare con te su queste emozioni e pensieri negativi per tramutarle in energia positiva per farti rinascere e ritrovare la felicità di goderti la vita. Un forte abbraccio.

(Risponde la Dott.ssa Baggieri Diana)

Pubblicato in data 02/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia/Bulimia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia, depressione (1539200804…

Marco, 30     Salve, volevo sapere cosa pensa della mia situazione e cosa sia meglio fare. A fine luglio ho fatto una prima donazione di sangue n...

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Lapsus

Il lapsus (in latino "caduta/scivolone") è un errore involontario consistente nel sostituire un suono o scrivere una lettera invece di un’altra, nella fusione d...

Castrazione (complesso di)

Insieme di emozioni, sentimenti e immagini inconsce fissate nell’adulto che non ha superato l’angoscia di castrazione. La riattivazione di questa paura repres...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

News Letters

0
condivisioni