Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbi alimentari dopo un tumore (154393)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 159 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Bibi, 22

 

Gentilissimi dottori,
scrivo per avere un consiglio su come comportarmi.
Quando avevo 8 anni mi è stato diagnosticato un tumore al cervello. Dopo mesi (in cui sono rimasta ricoverata) si è scoperto che non era maligno ma la sua presenza mi ha lasciato scompensi al lato destro del corpo (non gravi ma molto fastidiosi, come equilibrio precario, poca forza nella gamba e nel braccio destro e una carenza nella vista di quell'occhio).
Per curarmi mi hanno dato tante medicine (fra cui il cortisone) che mi hanno letteralmente gonfiata. Se prima degli 8 anni ero una bimba esile e magrina dopo sono diventata grassottella e così lo sono stata fino ai 18 anni (perchè come mi hanno detto i dottori al mio fisico serviva tempo per smaltire le medicine che ho preso per anni).
Non avevo problemi col mio corpo, mi piacevo anche se sovrappeso, ma quando il mio primo "Amore" mi ha lasciata ho dato tutta la colpa a me e sono iniziati i disturbi alimentari, bulimia e anoressia, per qualche mese fino a quando mia madre (con cui ho un bellissimo rapporto) mi ha portata da una dietologa che mi ha seguita e ho smesso, sono dimagrita naturalmente (pare che le medicine si siano finalmente smaltite) e ora sono magra.
Ho una vita perfetta, un uomo che mi ama che sposerò a breve, un bel lavoro, ma qualcosa non va. Continuo, da qualche mese a questa parte, a fare incubi. Sogno di tornare come prima, continuo a temere di tornare sovrappeso (anche se sto controllatissima con il cibo) e quindi ogni volta che mi vedo un etto in più sto malissimo e mi privo del cibo, uso dei lassativi e sono letteralmente terrorizzata dall'idea di tornare come prima, tanto che ultimamente collasso spesso e la mia dottoressa dice che sono crisi psicosomatiche.
Tremo all'idea di non essere adeguata (quando da bambina ero malata è stata dura perchè non volevo raccontare agli altri che ero sovrappeso per via delle medicine e del tumore, quindi mi prendevano in giro perchè credevano che mangiassi tanto, anche se non era vero).
Mi vedo sempre i fianchi e la pancia troppo formosi e questo mi sta distruggendo, perchè per quanti sforzi faccia non cambiano anche se ho perso ancora kg nel giro di pochi mesi.
Non voglio rovinare la mia vita per questo. Cosa posso fare?
Grazie

Cara Bibi,
lo stato che mi descrive è assimilabile ad una condizione di paura per un determinato evento, mi scrive che la sua vita adesso è "perfetta", attenta ad usare queste parole superlative, cosa significa perfetta? Vorrebbe che fosse perfetta, potrebbe essere perfetta se... sono tutti pensieri che la mettono in una condizione di mancancanza e di desiderio di qualcosa di migliore quindi la pongono in una condizione di ricerca.
Inoltre adesso che sta per sposarsi le si presenta di fronte un coronamento ad un obiettivo di vita che la renderà più felice e soddisfatta (attenta anche quì non tutto sarà perfetto come lo aspetta ma sarà sicuramente bello) quidni probabilemte ha il timore che qualcosa sia minacciato da un possibile cambiamento sia quello corporeo o la conseguente malattia che ha già sperimentato in passato.
Quello che le consiglio è di affrontare la questione con un terapeuta cognitivo comportamentale che in poco tempo la aiuterà a fare chiarezza e decidere insieme a lei quali cose e come affrontarle.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura che ai miei figli suc…

Giovi, 43     Buongiorno, le scrivo perché la mia vita sta diventando impossibile. La stanchezza si sta impossessando di me e ogni giorno è sempr...

Consiglio (1530794336243)

luciano85, 32     Il motivo principale che mi spinge ad avere un parere è che vorrei capire se determinate sensazioni, pensieri e ansie siano nor...

Marito che pensa solo alla sua…

Namaste, 30     Salve, sono una ragazza di 30 anni sposata da 3 anni con un cittadino marocchino di 23. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Disturbo Schizotipico di Perso…

L'individuo con Disturbo Schizotipico di Personalità presenta tratti di stranezza, eccentricità, così come un marcato e persistente isolamento sociale. Il dist...

Aggressività

In psicologia indica uno stato di tensione emotiva generalmente espresso in comportamenti lesivi e di attacco. Nel corso degli anni l’aggressività...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

News Letters

0
condivisioni