Pubblicità

Disturbi alimentari dopo un tumore (154393)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 385 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Bibi, 22

 

Gentilissimi dottori,
scrivo per avere un consiglio su come comportarmi.
Quando avevo 8 anni mi è stato diagnosticato un tumore al cervello. Dopo mesi (in cui sono rimasta ricoverata) si è scoperto che non era maligno ma la sua presenza mi ha lasciato scompensi al lato destro del corpo (non gravi ma molto fastidiosi, come equilibrio precario, poca forza nella gamba e nel braccio destro e una carenza nella vista di quell'occhio).
Per curarmi mi hanno dato tante medicine (fra cui il cortisone) che mi hanno letteralmente gonfiata. Se prima degli 8 anni ero una bimba esile e magrina dopo sono diventata grassottella e così lo sono stata fino ai 18 anni (perchè come mi hanno detto i dottori al mio fisico serviva tempo per smaltire le medicine che ho preso per anni).
Non avevo problemi col mio corpo, mi piacevo anche se sovrappeso, ma quando il mio primo "Amore" mi ha lasciata ho dato tutta la colpa a me e sono iniziati i disturbi alimentari, bulimia e anoressia, per qualche mese fino a quando mia madre (con cui ho un bellissimo rapporto) mi ha portata da una dietologa che mi ha seguita e ho smesso, sono dimagrita naturalmente (pare che le medicine si siano finalmente smaltite) e ora sono magra.
Ho una vita perfetta, un uomo che mi ama che sposerò a breve, un bel lavoro, ma qualcosa non va. Continuo, da qualche mese a questa parte, a fare incubi. Sogno di tornare come prima, continuo a temere di tornare sovrappeso (anche se sto controllatissima con il cibo) e quindi ogni volta che mi vedo un etto in più sto malissimo e mi privo del cibo, uso dei lassativi e sono letteralmente terrorizzata dall'idea di tornare come prima, tanto che ultimamente collasso spesso e la mia dottoressa dice che sono crisi psicosomatiche.
Tremo all'idea di non essere adeguata (quando da bambina ero malata è stata dura perchè non volevo raccontare agli altri che ero sovrappeso per via delle medicine e del tumore, quindi mi prendevano in giro perchè credevano che mangiassi tanto, anche se non era vero).
Mi vedo sempre i fianchi e la pancia troppo formosi e questo mi sta distruggendo, perchè per quanti sforzi faccia non cambiano anche se ho perso ancora kg nel giro di pochi mesi.
Non voglio rovinare la mia vita per questo. Cosa posso fare?
Grazie

Cara Bibi,
lo stato che mi descrive è assimilabile ad una condizione di paura per un determinato evento, mi scrive che la sua vita adesso è "perfetta", attenta ad usare queste parole superlative, cosa significa perfetta? Vorrebbe che fosse perfetta, potrebbe essere perfetta se... sono tutti pensieri che la mettono in una condizione di mancancanza e di desiderio di qualcosa di migliore quindi la pongono in una condizione di ricerca.
Inoltre adesso che sta per sposarsi le si presenta di fronte un coronamento ad un obiettivo di vita che la renderà più felice e soddisfatta (attenta anche quì non tutto sarà perfetto come lo aspetta ma sarà sicuramente bello) quidni probabilemte ha il timore che qualcosa sia minacciato da un possibile cambiamento sia quello corporeo o la conseguente malattia che ha già sperimentato in passato.
Quello che le consiglio è di affrontare la questione con un terapeuta cognitivo comportamentale che in poco tempo la aiuterà a fare chiarezza e decidere insieme a lei quali cose e come affrontarle.
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 14/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

Musofobia

Il termine musofobia, che deriva del greco μῦς (mys) che significa "topo", è la paura persistente ed ingiustificata per i topi, più in generale per i roditori. ...

La Sindrome di Stendhal

Patologia  psicosomatica, caratterizzata  da un senso di malessere diffuso provato di fronte alla visione di opere d’arte di straordinaria bellezza. ...

News Letters

0
condivisioni