Pubblicità

Mobbing

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2138 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (5 Voti)

mobbingIl termine mobbing deriva dall’inglese “to mob” e significa assalire, soffocare, malmenare. Questo termine fu utilizzato per la prima volta in etologia da Konrad Lorenz per descrivere gli attacchi di piccoli gruppi di animali contro uno più grande e isolato per allontanarlo dal nido o dal gruppo.

Negli anni ’80 lo psicologo svedese Heinz Leymann, diede la definizione attualmente utilizzata di mobbing, ossia: “una comunicazione ostile, non etica, diretta in maniera sistematica da parte di uno o più individui generalmente contro un singolo individuo.”

Pubblicità

Questo fenomeno è molto noto nell'ambito lavorativo, il cui scopo è quello di emarginare un individuo per costringerlo a dare le proprie dimissioni, per fare in modo che richieda il prepensionamento per malattia professionale o per creare le condizioni per il licenziamento, senza riuscire a ricorrere alla tutela sindacale.  

È possibile distinguere diverse tipologie di mobbing, ma le principali sono: il mobbing verticale, quando viene messo in atto da persone che ricoprono una posizione gerarchicamente superiore; e il mobbing orizzontale, quando le vessazioni vengono messe in atto da colleghi di pari livello.

Ege afferma che il mobbing sia un fenomeno esclusivamente e tipicamente attribuibile all’ambito lavorativo, al contrario altri autori affermano che questi comportamenti, anche se con modalità diverse in base al contesto, possono avere caratteristiche simili, stessi significati e un unico scopo. Essi sono tutti finalizzati a:

  • impedire lo svolgimento del ruolo da cui il soggetto mobbizzato deve essere rimosso;
  • svilire ai suoi occhi e a quelli altrui le sue capacità di assolverlo;
  • costringerlo a compiti umilianti o inferiori al suo ruolo;
  • impedirgli di ricevere informazioni utili a svolgere il suo ruolo;
  • impedirgli di prendere decisioni adeguate al suo ruolo;
  • umiliarlo pubblicamente;
  • costruire dicerie e false accuse su di lui;
  • terrorizzarlo e farlo sentire in pericolo.

Queste strategie hanno tutte lo stesso fine: estromettere l’individuo percepito come intruso e costringerlo ad allontanarsi dal contesto facendo in modo che si percepisca come inadeguato e in pericolo rispetto alle regole che ci sono in quel contesto. Queste caratteristiche costituiscono le fondamenta del mobbing, definito come un modello di relazione a transazione mobbizzante.

 

Riferimenti bibliografici:

  • Depolo M. (2003). “Mobbing: quando la prevenzione è intervento: aspetti giuridici e psicosociali del fenomeno” Franco Angeli
  • Ege H.,(1996). “Mobbing. Che cos'è il terrore psicologico sul posto di lavoro”. Ediz. Pitagora.
  • Parrini A.,(2008). “Separazioni distruttive tra conflittualità e alienazione. Aspetti psicologici e giuridici”. ediz. Psiconline.

 

 

(Dott.ssa Susanna Mariagrazia)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: carico di lavoro mobbing

0
condivisioni

Guarda anche...

La psicologia del lavoro

Il mobbing

In questo articolo approfondirò la problematica del mobbing, un fenomeno di cui ancora si parla poco ma che è molto diffuso nei contesti organizzativi e ne Esplorerò le cause sociali e psicologiche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Richiesta di sessione di terap…

Daniele C., 24 anni     Ciao, sono un ragazzo di 24. Ho dei problemi a gestire rabbia e nervosismo e la cosa ha un effetto negativo su di me e ...

Rapporti nonni-nipoti [1619430…

soffice, 42 anni     Gentili dottori, vi chiedo un parere circa l’atteggiamento da tenere verso il padre di mio marito, nonno della nostra bam...

Ho fallito in tutto sono depre…

Alessandro, 62 anni.     Ho 62 anni e sono arrivato ad uno stadio di depressione da cui non vedo possibilità di uscita, sono disperato ormai. ...

Area Professionale

Esame di Stato Psicologi 2021

In questo breve articolo ci soffermeremo sulla modalità di svolgimento dell'Esame di Stato (EDS) per la professione di Psicologo/a, ad un anno dall'esperienza p...

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Le parole della Psicologia

Disturbo Istrionico di Persona…

Disturbo di personalità caratterizzato da intensa emotività e costanti tentativi di ottenere attenzione, approvazione e sostegno altrui, attraverso comportament...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino in- cons...

News Letters

0
condivisioni