Pubblicità

Satiriasi

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 12080 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (9 Voti)

La satiriasi è un termine usato in passato nella storia della medicina, indicante l'aumento in modo morboso dell'istinto sessuale nel maschio umano

satiriasiIl termine deriva dalla figura del satiro (divinità minore maschile) della mitologia greca.
È l’equivalente maschile della ninfomania.

Ad oggi entrambi i termini non vengono più utilizzati a livello scientifico: medicina e psicologia preferiscono parlare di ipersessualità maschile o femminile o sex addiction, quando si trovano di fronte a persone che hanno pulsioni sessuali molto spiccate e talvolta incontrollabili.

Questo disturbo consiste, dunque, nella smania patologica di attività sessuale, caratterizzata da insaziabilità, insoddisfazione e impersonalità del partner (considerato mero oggetto di sfogo sessuale).

La satiriasi e la ninfomania, volendo usare usando i termini gergali, non sono elencate come malattie nel DSM (Manuale diagnostico e statistico dei disordini mentali) in quanto nella comunità scientifica e specialistica non si è raggiunto il consenso sul fatto che la dipendenza sessuale esista effettivamente e su come descrivere il fenomeno.

Gli esperti, infatti, sono divisi nel considerare l'ipersessualità come:

- un'effettiva dipendenza, come quella per la droga o l'alcol. L'atto, in questo caso quello sessuale, verrebbe utilizzato per gestire lo stress, l’ansia o i disturbi della personalità e dell'umore;
- un disturbo appartenente alla sfera dei disturbi ossessivo- compulsivi,  riferendosi ad essa come compulsione sessuale;
- una conseguenza di malattie mentali o dell'uso di droghe (satiriasi tossica);
- un prodotto di contesti ed influenze culturali e di altro tipo.

Come si manifesta

Gli uomini che soffrono di sex addiction hanno un bisogno compulsivo e continuo di avere rapporti sessuali o, in alternativa, devono sfogarsi con la masturbazione compulsiva. C'è anche chi manifesta la satiriasi con esibizionismo e voyeurismo.

Oltre che da alterazioni nervose o ormonali, questo grave disturbo della personalità origina spesso dei conflitti psichici (bisogno inconscio di compensazione, esigenza insaziabile di rassicurazione nei confronti di un senso di inferiorità e di impotenza sessuale).

Può capitare che questa dipendenza si sviluppi in modo progressivo fino ad arrivare a una situazione ingestibile in cui, pur di soddisfare la pulsione, l'uomo manifesta atti osceni e perversi.

L'avvento di Internet e la conseguente facilità di accesso alla pornografia, sembrerebbero avere influenza sull'aumento dei casi di dipendenza sessuale.

La causa, secondo alcuni clinici, può essere dovuta a traumi o disturbi di tipo psichico ma, più in generale, è sconosciuta come del resto lo è l'eziologia di molti altri comportamenti sessuali che differiscono dalla norma.


Conseguenze

Le conseguenze di una dipendenza sessuale possono essere molteplici, ma non necessariamente si presentano contemporaneamente in tutti i soggetti, inoltre possono essere più o meno accentuate a seconda del livello, della gravità e del tipo di dipendenza.

Pubblicità

La satiriasi, come è facilmente intuibile, porta a difficoltà relazionali, impossibilità ad avere rapporto sentimentale sano, accompagnati da momenti di ansia e oppressione. Inoltre l'uomo rende sempre meno sia sul piano fisico che mentale, ha disturbi del sonno, una bassa autostima, irrequietezza, depressione e apatia.

Il soggetto affetto da dipendenza sessuale può avere livelli più alti, rispetto alla media della popolazione, di disturbi della personalità e dell'umore quali ansia, depressione, aggressività, ossessività e compulsività.

Più nello specifico le conseguenze indotte dalla dipendenza sessuale possono consistere in:

•  Stress fisico
•  Deterioramento delle relazioni sociali
•  Diminuzione della memoria a breve termine e di sintesi;
•  Opacità cognitiva e diminuzione delle abilità cognitive quali: intuito, astrazione, sintesi, creatività, concentrazione;
•  Diminuzione del rendimento fisico; stanchezza cronica
•  Alterazione del sonno
•  Aumento dell'ansia, senso di frustrazione, apatia
•  Disorientamento progettuale: incapacità di operare scelte importanti o di cambiamento
•  Svalutazione di sé, tristezza, malinconia e depressione; irrequietezza; isolamento sociale.
•  Saturazione attrattiva e affettiva, difficoltà di innamoramento.
•  Variazione delle consuete relazioni sessuali: il soggetto cerca di ricreare con il proprio partner uno schema osceno.


Cosa fare

Quando ci si accorge che la sessualità sta diventando un pensiero fisso e incontrollabile, è importante rivolgersi ad uno psichiatra o ad uno psico-sessuologo.

Questi per capire se ci si trova di fronte a casi di satiriasi, oltre ai colloqui mirati che raccolgono un'anamnesi precisa, utilizzano spesso un test americano SAST- Sexual Addiction Screening Test, costituito da 20 domande mirate a comprendere se il comportamento sessuale della persona va oltre certi limiti considerati “normali”.

Nel caso l'individuo soffra di ipersessualità, si cercherà la terapia più adeguata.

Il disturbo, investendo naturalmente il campo psicologico, viene di norma affrontato con psicoterapia individuale o di gruppo, all'interno della quale viene applicato un metodo leggermente diverso da quello usato nell'astinenza (utilizzato ad es. nelle dipendenze da alcol e droghe), un procedimento che si prefigge l'obiettivo di spingere il soggetto a superare l'ossessiva percezione del bisogno e ritornare ad avere un sano rapporto con la sessualità.

Nei casi più ostinati, accanto alla psicoterapia, possono essere impiegati farmaci di tipo ansiolitico e terapie farmacologiche in grado di attenuare la libido.

Esistono diverse associazioni che utilizzano il metodo della terapia di "auto aiuto" di gruppo per tematiche relative alla dipendenza dal sesso e ipersessualità e molti componenti dichiarano di aver ottenuto buoni risultati con il metodo dei gruppi di sostegno.


Per approfondimenti:

  • wikipedia.org
  • amando.it
  • iltuopsicologo.it
  • “Il Grande Manuale di Sessuologia in 2701 Parole” (Ed.Rizzoli)


(a cura della Dottoressa Sara D’Annibale)



Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 


Tags: psicoterapia disturbo satiriasi ninfomania sex addiction insaziabilità ipersessualità dipendenza sessuale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Sessualità (1560543734926)

Cinzia,56 Buonasera, c’è una cosa che mi assilla. ...

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

News Letters

0
condivisioni