Pubblicità

Amaxofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 7004 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

AmaxofobiaL'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto.

Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di persone care in incidenti stradali o altri eventi connessi all'utilizzo di un mezzo e si concretizza spesso in veri e propri attacchi di panico e diversi individui colpiti da amaxofobia lamentano stati di ansia e agitazione nelle ore o nei giorni precedenti a quando dovranno condurre un veicolo.

Le persone che soffrono di amaxofobia sviluppano una risposta di paura intensa e irrazionale quando devono condurre un veicolo o addirittura quando pensano di farlo. La paura di guidare può compromettere la mobilità e la vita sociale.

Può avere intensità variabile e nei casi limite può compromettere la vita sociale di un individuo, che può trovarsi a dovere modificare le sue abitudini ed a evitare di effettuare spostamenti se non ha alternative di trasporto. È particolarmente disabilitante, inoltre, anche per la vita professionale e lavorativa visto che ostacola gli spostamenti.

Gli "amaxofobici", percepiscono il traffico, le auto e il resto degli automobilisti come una minaccia alla loro sicurezza. Il timore che provano mette in moto una serie di pensieri negativi del tipo: “non sarò capace”, “perderò il controllo…”, “non potrò sopportarlo…” e, come conseguenza, rimangono bloccati al volante, con la necessità di fuggire dalla situazione e quindi alimentando questo disturbo.

Clinicamente è catalogata come fobia specifica, ovvero un disordine da ansia provocato da una paura irrazionale connessa all'esposizione a specifici oggetti o situazioni, e nei casi più gravi, anche da loro rappresentazioni.

Pubblicità

La paura non genera solo pensieri distorti della realtà ma provoca anche una reazione fisica sgradevole: sudorazione eccessiva, respirazione agitata, tachicardia, mal di pancia e tremori, sono le reazioni più comuni derivanti dall’ansia e dalla paura di guidare.

Nonostante la paura di guidare sia una fobia meno conosciuta rispetto ad altre- come la paura di volare- è un disturbo che colpisce un gran numero di persone.
Esistono persone che guidano solo su determinati percorsi (quelle a cui sono più abituate o che considerano come più sicure) evitando a tutti i costi di circolare su strade principali o autostrade.
Possono esserci molteplici cause che spiegano questo disturbo, essendo le più abituali quelle che fanno riferimento all’apparizione di attacchi di panico e incidenti d’auto rilevanti.

Alcuni tratti della personalità sono responsabili della vulnerabilità di queste persone. Un modo di pensare rigido, perfezionista e controllatore, bassa autostima, e convivenza con altri disturbi fobici sono i più abituali.

Gran parte del timore amaxofobico si presenta di fronte all’idea di non potere controllare né il veicolo né il traffico. Tuttavia, è importante rendersi conto che ci si deve concentrare non tanto su come controllare la macchina ma di controllare i pensieri ansiogeni. Lì si trova il nocciolo del problema.

È fondamentale imparare a ribattere e a razionalizzare continuamente i pensieri disfunzionali che appaiono legati alla situazione temuta “non ne sarò capace”.

Iniziare a lavorare verso una guida normalizzata, è un obiettivo possibile. Perciò è imprescindibile affrontare la paura, non solo modificando le proprie idee ma anche esponendosi alle situazioni temute in maniera graduale (iniziando con quelle che generano meno ansia) e all’inizio con la compagnia di un’altra persona. Ogni piccolo passo sarà un piccolo successo, aumenterà la fiducia e la sicurezza per il passo successivo.

Come succede nella maggior parte dei disturbi d’ansia, i consigli pratici possono aiutare ad aprire il cammino del volenteroso compito di confrontarsi e vincere una paura. Tuttavia, in funzione delle caratteristiche e della gravità del disturbo è molto utile l’aiuto di un professionista.

 

Per approfondimenti:

  • guidapsicologi.it
  • wikipedia.org

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: fobia paura di guidare amaxofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famili...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

News Letters

0
condivisioni