Pubblicità

Amaxofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5544 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

guidare amaxofobiaL'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto.

Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di persone care in incidenti stradali o altri eventi connessi all'utilizzo di un mezzo e si concretizza spesso in veri e propri attacchi di panico e diversi individui colpiti da amaxofobia lamentano stati di ansia e agitazione nelle ore o nei giorni precedenti a quando dovranno condurre un veicolo.

Le persone che soffrono di amaxofobia sviluppano una risposta di paura intensa e irrazionale quando devono condurre un veicolo o addirittura quando pensano di farlo. La paura di guidare può compromettere la mobilità e la vita sociale.

Può avere intensità variabile e nei casi limite può compromettere la vita sociale di un individuo, che può trovarsi a dovere modificare le sue abitudini ed a evitare di effettuare spostamenti se non ha alternative di trasporto. È particolarmente disabilitante, inoltre, anche per la vita professionale e lavorativa visto che ostacola gli spostamenti.

Gli "amaxofobici", percepiscono il traffico, le auto e il resto degli automobilisti come una minaccia alla loro sicurezza. Il timore che provano mette in moto una serie di pensieri negativi del tipo: “non sarò capace”, “perderò il controllo…”, “non potrò sopportarlo…” e, come conseguenza, rimangono bloccati al volante, con la necessità di fuggire dalla situazione e quindi alimentando questo disturbo.

Clinicamente è catalogata come fobia specifica, ovvero un disordine da ansia provocato da una paura irrazionale connessa all'esposizione a specifici oggetti o situazioni, e nei casi più gravi, anche da loro rappresentazioni.

Pubblicità

La paura non genera solo pensieri distorti della realtà ma provoca anche una reazione fisica sgradevole: sudorazione eccessiva, respirazione agitata, tachicardia, mal di pancia e tremori, sono le reazioni più comuni derivanti dall’ansia e dalla paura di guidare.

Nonostante la paura di guidare sia una fobia meno conosciuta rispetto ad altre- come la paura di volare- è un disturbo che colpisce un gran numero di persone.
Esistono persone che guidano solo su determinati percorsi (quelle a cui sono più abituate o che considerano come più sicure) evitando a tutti i costi di circolare su strade principali o autostrade.
Possono esserci molteplici cause che spiegano questo disturbo, essendo le più abituali quelle che fanno riferimento all’apparizione di attacchi di panico e incidenti d’auto rilevanti.

Alcuni tratti della personalità sono responsabili della vulnerabilità di queste persone. Un modo di pensare rigido, perfezionista e controllatore, bassa autostima, e convivenza con altri disturbi fobici sono i più abituali.

Gran parte del timore amaxofobico si presenta di fronte all’idea di non potere controllare né il veicolo né il traffico. Tuttavia, è importante rendersi conto che ci si deve concentrare non tanto su come controllare la macchina ma di controllare i pensieri ansiogeni. Lì si trova il nocciolo del problema.

È fondamentale imparare a ribattere e a razionalizzare continuamente i pensieri disfunzionali che appaiono legati alla situazione temuta “non ne sarò capace”.

Iniziare a lavorare verso una guida normalizzata, è un obiettivo possibile. Perciò è imprescindibile affrontare la paura, non solo modificando le proprie idee ma anche esponendosi alle situazioni temute in maniera graduale (iniziando con quelle che generano meno ansia) e all’inizio con la compagnia di un’altra persona. Ogni piccolo passo sarà un piccolo successo, aumenterà la fiducia e la sicurezza per il passo successivo.

Come succede nella maggior parte dei disturbi d’ansia, i consigli pratici possono aiutare ad aprire il cammino del volenteroso compito di confrontarsi e vincere una paura. Tuttavia, in funzione delle caratteristiche e della gravità del disturbo è molto utile l’aiuto di un professionista.

 

Per approfondimenti:

  • guidapsicologi.it
  • wikipedia.org

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: fobia paura di guidare amaxofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Angoscia

« Con il termine angoscia non intendiamo quell'ansietà assai frequente che in fondo fa parte di quel senso di paura che insorge fin troppo facilmente. L'angoscia è fondamentalmente diversa dalla...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Frotteurismo

Il Frotteurismo è una parafilia consistente nell’impulso di toccare e strofinarsi contro persone non consenzienti, al fine di conseguire l’eccitazione e il piac...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

News Letters

0
condivisioni