Pubblicità

Amaxofobia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 5209 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (4 Voti)

guidare amaxofobiaL'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto.

Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di persone care in incidenti stradali o altri eventi connessi all'utilizzo di un mezzo e si concretizza spesso in veri e propri attacchi di panico e diversi individui colpiti da amaxofobia lamentano stati di ansia e agitazione nelle ore o nei giorni precedenti a quando dovranno condurre un veicolo.

Le persone che soffrono di amaxofobia sviluppano una risposta di paura intensa e irrazionale quando devono condurre un veicolo o addirittura quando pensano di farlo. La paura di guidare può compromettere la mobilità e la vita sociale.

Può avere intensità variabile e nei casi limite può compromettere la vita sociale di un individuo, che può trovarsi a dovere modificare le sue abitudini ed a evitare di effettuare spostamenti se non ha alternative di trasporto. È particolarmente disabilitante, inoltre, anche per la vita professionale e lavorativa visto che ostacola gli spostamenti.

Gli "amaxofobici", percepiscono il traffico, le auto e il resto degli automobilisti come una minaccia alla loro sicurezza. Il timore che provano mette in moto una serie di pensieri negativi del tipo: “non sarò capace”, “perderò il controllo…”, “non potrò sopportarlo…” e, come conseguenza, rimangono bloccati al volante, con la necessità di fuggire dalla situazione e quindi alimentando questo disturbo.

Clinicamente è catalogata come fobia specifica, ovvero un disordine da ansia provocato da una paura irrazionale connessa all'esposizione a specifici oggetti o situazioni, e nei casi più gravi, anche da loro rappresentazioni.

Pubblicità

La paura non genera solo pensieri distorti della realtà ma provoca anche una reazione fisica sgradevole: sudorazione eccessiva, respirazione agitata, tachicardia, mal di pancia e tremori, sono le reazioni più comuni derivanti dall’ansia e dalla paura di guidare.

Nonostante la paura di guidare sia una fobia meno conosciuta rispetto ad altre- come la paura di volare- è un disturbo che colpisce un gran numero di persone.
Esistono persone che guidano solo su determinati percorsi (quelle a cui sono più abituate o che considerano come più sicure) evitando a tutti i costi di circolare su strade principali o autostrade.
Possono esserci molteplici cause che spiegano questo disturbo, essendo le più abituali quelle che fanno riferimento all’apparizione di attacchi di panico e incidenti d’auto rilevanti.

Alcuni tratti della personalità sono responsabili della vulnerabilità di queste persone. Un modo di pensare rigido, perfezionista e controllatore, bassa autostima, e convivenza con altri disturbi fobici sono i più abituali.

Gran parte del timore amaxofobico si presenta di fronte all’idea di non potere controllare né il veicolo né il traffico. Tuttavia, è importante rendersi conto che ci si deve concentrare non tanto su come controllare la macchina ma di controllare i pensieri ansiogeni. Lì si trova il nocciolo del problema.

È fondamentale imparare a ribattere e a razionalizzare continuamente i pensieri disfunzionali che appaiono legati alla situazione temuta “non ne sarò capace”.

Iniziare a lavorare verso una guida normalizzata, è un obiettivo possibile. Perciò è imprescindibile affrontare la paura, non solo modificando le proprie idee ma anche esponendosi alle situazioni temute in maniera graduale (iniziando con quelle che generano meno ansia) e all’inizio con la compagnia di un’altra persona. Ogni piccolo passo sarà un piccolo successo, aumenterà la fiducia e la sicurezza per il passo successivo.

Come succede nella maggior parte dei disturbi d’ansia, i consigli pratici possono aiutare ad aprire il cammino del volenteroso compito di confrontarsi e vincere una paura. Tuttavia, in funzione delle caratteristiche e della gravità del disturbo è molto utile l’aiuto di un professionista.

 

Per approfondimenti:

  • guidapsicologi.it
  • wikipedia.org

 

(A cura della Dottoressa Daniela Scipione)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: fobia paura di guidare amaxofobia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

Articolo 26 - il Codice Deonto…

Con il commento all'articolo 26 (utenza e conflitti personali) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settiman...

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Le parole della Psicologia

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Trauma

Forte alterazione dello stato psichico di un soggetto dovuta alla sua incapacità di reagire a fatti o esperienze sconvolgenti, estremamente dolorosi come...

News Letters

0
condivisioni