Pubblicità

Algofilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 3181 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. 

Algofilia

L’algofilia non consiste in una semplice inversione che si verifica nel colorito affettivo delle sensazioni, ma in fatti più complessi e diversi secondo i casi.

Alcuni soggetti, indifferenti al dolore, sfruttano la loro insensibilità spacciandola per forza d'animo o coraggio, allo scopo di suscitare timore e ammirazione.
I melancolici possono, invece, ricercare il dolore fisico come un diversivo al dolore psichico, per dare uno sfogo alla tensione angosciosa che li tormenta.
C'è infine l'algofilia dei masochisti che, a preludio degli atti sessuali ricercano il dolore fisico e l'umiliazione, al fine di facilitare lo scatenarsi di riflessi sessuali che sono accompagnati da voluttà. Pertanto, in quest’ultimo caso, il masochista prova attrazione e ricerca stimoli dolorifici come fonte di piacere sessuale.

Ogni essere umano è inconsciamente protetto dall'istinto di conservazione. Questo ci permette di affrontare le più diverse difficoltà ambientali e trovare soluzioni che ci permettono di conservare la nostra vita. Tuttavia, alcune persone non funzionano secondo le regole basilari di questo principio e così manifestano un comportamento che attenta alla propria incolumità fisica.

Questo tipo di comportamenti sono disturbi delle necessità vitali per la conservazione: tra i più famosi c’è proprio l’algofilia che suole presentarsi nei casi di agitazione catatonica e nella schizofrenia. Questa alterazione consiste nella diminuzione o perdita della necessità di conservare l’integrità fisica in presenza di un elevato desiderio di procurarsi dolore. In questi casi, la persona perde la capacità di reagire in maniera difensiva di fronte a oggetti o situazioni minacciose o che alterano la conservazione della sua sensibilità di fronte agli stimoli ambientali.

Pubblicità

L’algofilia, intesa come pratica sessuale in cui l’infliggere dolore a se stessi o ad altri aumenta il piacere o lo provoca, si può distinguere in sadismo (anche definito algofilia attiva) o in masochismo (altresì noto come algofilia passiva).  Il primo comporta la ricerca allucinatoria e compulsiva del piacere sessuale attraverso atti di violenza fisica che si spingono fino all’uccisione della vittima e spesso all’amputazione dei suoi organi sessuali. Il secondo, invece, comporta la ricerca compulsiva del piacere sessuale attraverso violenze su se stessi, violenze che vanno dai morsi fino al suicidio per impiccagione.

Ovviamente, le persone che soffrono di questi problemi devono essere sottoposte a vigilanza continua dato che possono arrecarsi danni molto gravi. Si raccomanda in ogni caso di cercare l’aiuto di uno specialista il più presto possibile.

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia Treccani
  • Angolopsicologia.com
  • Manuale di Bioetica: aspetti medico-sociali

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

Tags: dolore algofilia propensione piacere sensazioni fisiche dolorose masochismo sadismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Depressione

Gli aspetti psicologici del dolore

Molte persone riferiscono di avere dolore in assenza di danni ai tessuti o a cause fisiopatologiche e di solito questo accade per motivi psicologici L’obiettivo del presente articolo è quello di...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

Pensiero

I disturbi della forma e i disturbi del contenuto del pensiero Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realt&agra...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Schizofasia

Profonda disgregazione del linguaggio che è sostituito da un’accozzaglia di parole o insalata di parole prive di un qualsiasi significato. Questo disturbo ling...

News Letters

0
condivisioni