Pubblicità

Algofilia

0
condivisioni

on . Postato in Le parole della Psicologia | Letto 2811 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. 

Algofilia

L’algofilia non consiste in una semplice inversione che si verifica nel colorito affettivo delle sensazioni, ma in fatti più complessi e diversi secondo i casi.

Alcuni soggetti, indifferenti al dolore, sfruttano la loro insensibilità spacciandola per forza d'animo o coraggio, allo scopo di suscitare timore e ammirazione.
I melancolici possono, invece, ricercare il dolore fisico come un diversivo al dolore psichico, per dare uno sfogo alla tensione angosciosa che li tormenta.
C'è infine l'algofilia dei masochisti che, a preludio degli atti sessuali ricercano il dolore fisico e l'umiliazione, al fine di facilitare lo scatenarsi di riflessi sessuali che sono accompagnati da voluttà. Pertanto, in quest’ultimo caso, il masochista prova attrazione e ricerca stimoli dolorifici come fonte di piacere sessuale.

Ogni essere umano è inconsciamente protetto dall'istinto di conservazione. Questo ci permette di affrontare le più diverse difficoltà ambientali e trovare soluzioni che ci permettono di conservare la nostra vita. Tuttavia, alcune persone non funzionano secondo le regole basilari di questo principio e così manifestano un comportamento che attenta alla propria incolumità fisica.

Questo tipo di comportamenti sono disturbi delle necessità vitali per la conservazione: tra i più famosi c’è proprio l’algofilia che suole presentarsi nei casi di agitazione catatonica e nella schizofrenia. Questa alterazione consiste nella diminuzione o perdita della necessità di conservare l’integrità fisica in presenza di un elevato desiderio di procurarsi dolore. In questi casi, la persona perde la capacità di reagire in maniera difensiva di fronte a oggetti o situazioni minacciose o che alterano la conservazione della sua sensibilità di fronte agli stimoli ambientali.

Pubblicità

L’algofilia, intesa come pratica sessuale in cui l’infliggere dolore a se stessi o ad altri aumenta il piacere o lo provoca, si può distinguere in sadismo (anche definito algofilia attiva) o in masochismo (altresì noto come algofilia passiva).  Il primo comporta la ricerca allucinatoria e compulsiva del piacere sessuale attraverso atti di violenza fisica che si spingono fino all’uccisione della vittima e spesso all’amputazione dei suoi organi sessuali. Il secondo, invece, comporta la ricerca compulsiva del piacere sessuale attraverso violenze su se stessi, violenze che vanno dai morsi fino al suicidio per impiccagione.

Ovviamente, le persone che soffrono di questi problemi devono essere sottoposte a vigilanza continua dato che possono arrecarsi danni molto gravi. Si raccomanda in ogni caso di cercare l’aiuto di uno specialista il più presto possibile.

 

per approfondimenti:

  • Enciclopedia Treccani
  • Angolopsicologia.com
  • Manuale di Bioetica: aspetti medico-sociali

 

(a cura della Dottoressa Benedetta Marrone)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: dolore algofilia propensione piacere sensazioni fisiche dolorose masochismo sadismo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Misofonia

La misofonia, che letteralmente significa “odio per i suoni”,  è una forma di ridotta tolleranza al suono. Si ritiene possa essere un disturbo neurologico...

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

News Letters

0
condivisioni