Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Disturbo dell'alimentazione (132024)

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 125 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Stella 22

Studio all'estero, mia madre è morta quando avevo 7 anni, ho avuto problemi di depressione in passato, non ho una relazione sentimentale ne sessuale da quasi 2 anni. Da alcune settimane la notte mangio in modo incontrollato, questo sta andando ad incidere sul mio aspetto fisico e sulla mia autostima, ma non riesco a non mangiare. Può essere un disturbo alimentare come posso farvi fronte non potendo in questo momento intraprendere una terapia in studio? Grazie.

Stella, può essere che la tua “mancanza” (di una mamma, dell’amore e del sesso) si stia traducendo in un’assunzione esagerata di cibo; può trattarsi di una tua compensazione passeggera, o potrebbe anche essere il tuo modo per sfogare i tuoi vuoti interiori. Comunque stiano le cose, ricordati che non perdi l’autostima perché mangiando troppo ti piaci di meno, ma che una scarsa autostima induce all’introduzione eccessiva di cibo in modo da potersi squalificare ancora di più. Alla base dell’assunzione eccessiva di cibo c’è già un problema di autostima, non ne è una semplice conseguenza. Credo quindi che tu sia in un momento di particolare disistima di te stessa ed è su questo che devi cercare di lavorare. Avendo perso la mamma così presto tra l’altro, è molto probabile che tu possa aver fatto fatica a crearti un’immagine positiva di te stessa, forse hai sempre dovuto combattere con problematiche relative all’autostima, all’identità e all’insicurezza. Comunque stiano le cose, e considerando che non puoi intraprendere un percorso psicoterapeutico, cerca di lavorare su di te e sull’immagine che hai di te stessa. E se per caso dentro di te tua madre è una figura molto potente o molto idealizzata, potrebbe aiutarti farti qualche domanda su di lei, anche sulle sue debolezze e insicurezze. Prova a ritrovare la tua madre vera, e a confrontarti con lei, oltre che quella idealizzata. Questo potrebbe aiutarti a trovare anche la tua di verità.

(risponde la Dott.ssa Elisabetta Corberi )

Pubblicato in data 18/03/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Anoressia per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ho paura di non trovare mai il…

Kikhi, 26     Salve... ho paura di non trovare mai il mio posto. ...

Infedeltà (1528369634858)

Lap84, 34     Sono sposata con mio marito da 5 anni, e nell'ultimo periodo è nato in me il dubbio che possa essermi infedele... ...

Difficoltà nella gestione dell…

Chiara111, 20     Salve. Richiedo l’aiuto di un esperto, di qualcuno che possa prendersi carico del mio problema. ...

Area Professionale

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Le parole della Psicologia

Imprinting

L'imprinting è una forma di apprendimento precoce secondo la quale i neonati, nel periodo immediatamente successivo alla nascita, vengono condizionati dal primo...

Pregoressia

È un disturbo alimentare, noto anche come mammoressia, legato all’ossessione di tornare subito in forma dopo il parto Non si tratta di un deficit contemplato n...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni