Pubblicità

Peso (154569 )

0
condivisioni

on . Postato in Disturbi alimentari | Letto 456 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sara , 24

 

Gentile Dottore,
sono una ragazza di 24 anni, vi sto scrivendo per chiedervi gentilmente quanto segue: vorrei tanto sapere come si può fare a perdere l'abitudine di pesarsi ogni mattina sulla bilancia!!!
Nel momento in cui si deve andare in ferie, sopraggiunge un pò la paura di non avere la bilancia con sè per potersi controllare...
Peso 41 kg per 1,63 di altezza.... Ma è da un anno a questa parte che mi è venuto il 'patema bilancia'. Già di mia costituzione sono sottile,ma da Maggio dell'anno scorso ho perso ben 6 kg (anche per gli studi universitari) rispetto a come sono sempre stata di solito, fin da adolescente(mai + di 47).
C'è un metodo per eliminare tutto ciò??
Vi ringrazio.

Cara Sara,
quanto mi racconta sembra simile ad un'ossessione più che ad un problema specifico nell'alimentazione, bisogna capire poi qual è lo scopo del suo comportamento.
Mi spiego meglio il pesarsi serve a gestire l'ansia nel momento in cui si trova dubbiosa rispetto al suo peso eccessivo? Non si pesa subito dopo mangiato o prima ma solo la mattina quindi non credo sia legata a valutare dei comportamenti singoli come l'abbuffata o il digiuno.
Può essere un metodo per verificare se il peso è sempre uguale e guidare i comportamenti della giornata che sta per iniziare?
Valuti bene questi aspetti perchè nel caso in cui il pesarsi è la conseguenza di un dubbio può trattarsi di un'ossessione e i metodi sarebbero per esempio quello dell'esposizione con soppressionde della risposta, nel caso risponda ad un'esigenza di controllare i comportamenti alimentari si tratta di un disturbo alimentare agli inizi e qui l'intervento è più articolato.
Comunque le consiglio di avvalersi dei consigli di un esperto. Per maggiori informazioni visiti il mio sito mirkodaipra.altervista.org
Saluti, Mirko

 

(Risponde il Dott. Dai Prà Mirko)

Pubblicato in data 23/11/2012

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Genitore inadeguato [15992344…

DEDDA, 47 anni   Buongiorno, mia figlia 15enne soffre di blocchi emotivi a scuola. Quando deve fare un'interrogazione si chiude in se stessa, terror...

Come imparare ad andare [1599…

mar, 29 anni Ho avuto una relazione di 5 anni finita per motivi banali, incomprensioni, caratteri opposti e contrastanti. La storia é finita quasi tre anni...

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Area Professionale

Funzionamento cognitivo in sog…

Recenti ricerche suggeriscono che le persone che presentano esperienze psicotiche, ma nessuna diagnosi di malattia psicotica, presentano un'alterazione del funz...

Il "potere" nella re…

Nonostante si possa pensare che vi sia uno squilibrio di potere all'interno della relazione terapeutica, in realtà lo psicoterapeuta non esercita un maggiore po...

Disfunzioni sessuali dopo la s…

L'11 giugno 2019 l'European Medicines Agency (EMA) ha formalmente dichiarato di riconoscere la disfunzione sessuale post-SSRI (Post-SSRI Sexual Dysfunction, PSS...

Le parole della Psicologia

La Comunicazione

La comunicazione (dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe) nella sua prima definizione è l...

Eisoptrofobia

L'eisoptrofobia o spettrofobia (da non confondere con la paura degli spettri, phasmofobia) è la paura persistente, irrazionale e ingiustificata degli specchi, o...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

News Letters

0
condivisioni