Pubblicità

problemi relazionali con i colleghi di lavoro (165783)

0
condivisioni

on . Postato in Lavoro | Letto 1296 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Marco, 42 (165783)

La mia Storia: Buongiorno

Le scrivo perché vorrei porre alla Sua attenzione il mio caso

Io vengo da una famiglia normale ma i miei genitori purtroppo non hanno sviluppato una grande capacità di relazione con gli altri e non hanno saputo inculcarmela (infatti non hanno mai fatto vita sociale, è come se questi avessero dovuto sempre difendersi da qualcuno o qualcosa)

Io sono una persona ansiosa e spesso non riesco a contenere la mia ansia e ad essere sereno, quindi a sviluppare delle relazioni sociali durature e la cosa mi crea molta frustrazione e sovente divento anche aggressivo

Fatto sta che recentemente a settembre dell'anno scorso ho cambiato lavoro e sono andato a lavorare e a vivere in un'altra città.
Subito ho cominciato a entrare in sintonia con i nuovo colleghi, ho cominciato a ad avere delle confidenze, ridere scherzare e a uscire con loro in pausa pranzo a mangiare insieme.
Fatto sta che a un certo punto ho manifestato delle mie paure e le ho fatte vedere a loro: mi spiego, ad un certo punto ho pensato che questi ce l'avevano con me, che parlassero male di me, a volte andavo a origliare alla porta delle stanze dove stavano perché temevo sparlassero d me

Ora, non so se è dovuto a questo ma da quando loro si sono accorti di questo mio atteggiamento mi hanno subito tagliato fuori: non mi fanno più uscire a pranzo con loro (inventano scuse oppure escono uno alla volta per non far vedere che escono insieme) e non scambiano più volentieri battute con me. Mi sento escluso: la cosa mi crea tristezza, frustrazione,

Vuole gentilmente spiegarmi perché è accaduto questo?

Confido in una sua sincera risposta e cordialmente saluto

Marco

 

 


consulenza psicologica

Vuoi richiedere una consulenza gratuita online ai nostri Esperti?
Clicca qui e segui le istruzioni. Ti risponderemo al piu' presto!

 

Pubblicità

 


 


Gentile Marco,
come lei stesso scrive lei non ha imparato a creare e mantenere rapporti interpersonali soddisfacenti. è molto probabile che questa modalità l'accompagni fin dall'infanzia. Nell'occasione che descrive si era illuso che, cambiando ambiente, avrebbe potuto cambiare tutto. Ma non è stato così: non è possibile "fuggire dai problemi per risolverli". Sembra arrivato il momento di affrontare le ragioni profonde di queste "incapacità relazionali". Direi che la via maestra sia quella di farsi aiutare da un professionista esperto (scegliendo fra gli psicoterapeuti iscritti all'ordine degli psicologi della regione in cui risiede, magari preferendo quanti offrono il primo colloquio gratuito), ed iniziare un percorso teso ad individuare le cause remote che incidono sul suo comportamento e soprattutto ciò che la porta a vivere in una dimensione di solitudine che talvolta, probabilmente, la induce ad atteggiamenti aggressivi. Nonostante che le informazioni a mia disposizione siano assolutamente, insufficienti ritengo che, con un po' d'aiuto, lei sarà in grado di trovare il modo di condurre una vita serena e ricca di soddisfazioni. Per ora, augurandole ogni bene, la saluto.
S. Bertini

(Risponde la Dott.ssa Susanna Bertini)

Pubblicato in data 02/04/2015

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia adatta alle tue esigenze? O quella più vicina al tuo luogo di residenza? Cercala su logo.png




 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

L’intervento psicologico clini…

Il periodo di emergenza e di pandemia che stiamo affrontando ha imposto una rivisitazione, da parte degli operatori, dei criteri di gestione dell'approccio clin...

E' esplosa la psicologia onlin…

In piena crisi mondiale da Coronavirus è improvvisamente esplosa la psicologia online. Su consiglio del CNOP e obbligati dalle circostanze, molti psicologi e ps...

Gli psicologi nell'emergenza. …

Monica Isabella Ventura, Presidente di Psicologi Emergenza Abruzzo (PEA), ripercorre in poche righe l'esperienza diretta degli psicologi abruzzesi di fronte all...

Le parole della Psicologia

Anancasmo

Con i termine “anancasmo”, dal greco ἀναγκασμός ossia "costrizione, violenza", ci si riferisce al sintomo delle nevrosi ossessive o compulsive, consistente nell...

Gruppi self-help

Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate all’aiuto reciproco e al raggiungimento di scopi particolari I gruppi di self-help (definiti anche ...

Negativismo

Con il termine Negativismo si può indicare, in linea generale, un comportamento contrario o opposto, di tipo sia psichico che motorio. ...

News Letters

0
condivisioni