Pubblicità

Figli (144491)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 374 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Simona, 35

Salve, sono la mamma di uno splendido bambino di 4 anni, avrei bisogno di una mano per aiutarmi a correggere i metodi educativi miei e di mio marito perché evidentemente inefficaci! Nostro figlio è un bimbo molto vivace sia intellettivamente che fisicamente, e questo comporta un eccesso di energia che lui molto spesso non riesce a controllare. Qualche esempio: se va in bicicletta in compagnia di amici non si ferma se richiamato, se sta giocando ed è eccitato passando dà una botta a chiunque capiti oppure una spinta, se gli si dice di non tirare nulla non riesce a frenarsi e lancia,ecc. Questo mi fa rabbia perché nei momenti di calma è invece molto riflessivo, ti spiega le cose, ti fa notare di averle fatte bene ed io lo lodo molto quando fa così. Mi chiedo come aiutarlo, perchè non si può vivere in mezzo agli urli, alle punizioni, e ai genitori degli altri bimbi che ti guardano male. A scuola mi dicono che è bravo e che segue, come quelle 2 ore a settimana con la babysitter, io dal canto mio passo con lui tutti i pomeriggi, lo porto ai giardini a sfogare le sue energie, ma evidentemente non basta. Mi chiedo se dovrei forse farlo stare più in casa.
Grazie anticipate per l'aiuto!

Simona

Cara Simona, il tuo bambino è allegro e vivace e come tutti i bimbi è pieno di energia. L' equilibrio di tuo figlio sta nella possibilità di esperire tutta la gamma di comportamenti che va dal movimento allo stare fermo e dall eccitazione alla quiete. È giusto farlo stare a casa e farlo giocare con le macchinine, puzzle, colori ma anche fargli provare il movimento piu pieno della corsa e dei giochi dove puo provare la sua forza. Ovviamente anche una via di mezzo come le passeggiate sono salutari. Il punto è che quando va nell'eccitazione esagerata va fermato, non urlando perché aumenterebbe l'euforia, ma proprio tenendolo, abbracciandolo con fermezza e senza usare modi bruschi o violenti. Devi essere calma forte e ferma e lui ti ascolterà, vedrai. Lui sicuramente farà un po' di storie, ma tu devi essere davvero ferma nelle tue decisioni e lui potrà finalmente fermarsi e sentire tutta la stanchezza e la possibilità di lasciare e rilassarsi. Le punizioni non servono in questo caso...non è un capriccio...è l'impossibilità di fermarsi quando l'eccitazione raggiunge livelli altissimi! Dal tuo racconto, inoltre, sembra che il tuo bambino stai sempre fermo (a scuola, con la baby sitter) e poi con te può scatenarsi andando ai giardini... beh, fate anche altro.. andate a fare una passeggiata, andare a trovare qualcuno fate la spesa ecc... Sono sicura che ce la farai!!!

(Risponde la Dott.ssa Pagliaro Germana)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

MARITO DEPRESSO DA 3 MESI [159…

blu, 43 anni Buongiorno, non riesco a capire come poter aiutare mio marito che oramai sono 3 mesi che è depresso soprattutto la mattina appena sveglio e l...

Consulenza [1599577765688]

Bice84, 36 anni Salve, volevo chiederle un'informazione riguardo alcuni comportamenti di mio marito. ...

Ansia che causa senso di vomi…

1234, 20 anni Salve, è da qualche mese che certe situazioni come esami orali, uscite con ragazze e in alcuni casi feste/discoteche mi causano, prima di in...

Area Professionale

La relazione gene-ambiente nel…

Fra gli scienziati è in corso un importante dibattito sui nuovi modelli che esaminano il ruolo combinato dei geni e dell'ambiente nell'evoluzione della schizofr...

Marketing e comunicazione nel …

I social media ed internet hanno modificato il modo di comunicare di milioni di persone. Di conseguenza è cambiato anche il modo di fare marketing ed è import...

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

Le parole della Psicologia

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Pornografia

Per definire un materiale o contenuto con il termine di ‘pornografia’ è necessario che “una rappresentazione pubblica sia esplicitament...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

News Letters

0
condivisioni