Pubblicità

Psicologia infantile (139897)

0
condivisioni

on . Postato in Minori | Letto 358 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ugo 5

Buonasera, il mio bambino, chiamiamolo convenzionalmente Ugo, compira' 5 anni il prossimo Dicembre. E' un bambino molto vivace, curioso, attivo, gran chiaccherone e giocherellone, frequenta molto volentieri l'asilo, dove interagisce senza alcun problema, sia con gli altri bambini, sia con maestre e assistenti. Anche all'esterno non ha alcuna difficolta' a giocare con altri bambini o a dialogare con persone piu' grandi di lui anche sconosciute. Ha una grande passione per gli strumenti musicali e tecnologici sin da quando era piccolissimo, quindi, la sua passione sono i telefonini, macchine fotografiche, telecomandi e apparecchi vari, che maneggia con notevole destrezza per la sua eta'. Invece non e' mai stato attratto dal disegno o dallo "stare seduto a scribacchiare". E' questo il punto : siamo stati chiamati da poco dalla sua maestra d'asilo, la quale ci ha comunicato che Ugo e' notevolmente indietro rispetto ai bambini della sua eta', per quanto riguarda i disegni che compie, anzi trova proprio difficoltoso farlo stare seduto e concentrato per fargli compiere tali lavori di scrittura. Per sopperire questo deficit ci ha consigliato di far vedere il bambino da uno psicologo, pur, invece, confermandoci che in tutte le altre attivita', sia motorie, che intellettive ( ad esempio ascoltare le fiabe e ripeterle o seguire un filo logico di un discorso) non sia assolutamente indietro, anzi forse superiore alla media. Altro particolare da sottolineare, e' che Ugo ha un caratterino molto forte, cioe' molto testardo, dobbiamo imporci con fermezza per fargli accettare le regole. Molto spesso assume un atteggiamento di sfida nel fare il contrario delle cose che gli si ordinano. Per ora abbiamo deciso con mia moglie di farlo seguire alcune sere alla settimana da una maestra privata, che lo coinvolga piu' direttamente nel disegno e nella scrittura, e vedremo così i risultati, ma nel contempo vorremmo anche un consiglio da parte vostra sul come agire o se sia necessario effettivamente farlo vedere da uno specialista . G razie. Saluti. 

Dalla sua descrizione questo bambino non sembrerebbe avere particolari problemi. È abbastanza comune anche tra gli adulti che l’abitudine alla tecnologia (e quindi alla velocità e ad una certa sovra-stimolazione) comporti anche una difficoltà a “stare fermi” e a concentrarsi su disegno e lettura. Ci sarebbero però degli aspetti da approfondire, per esempio sarebbe interessante un colloquio con la maestra per capire esattamente qual è la sua preoccupazione e il suo punto di vista. Potrebbe essere utile anche vedere i disegni del bambino e un colloquio con entrambi i genitori. Fate bene ad assecondare le predisposizioni naturali di vostro figlio, fate però attenzione, soprattutto se trascorre molto tempo al pc o davanti alla tv, che questa “predisposizione” e questo “carattere”, non danneggino le sue capacità di attenzione, che saranno importantissime negli anni a venire. Non sembra una situazione per cui allarmarsi, anche se è molto difficile esprimere un parere sulla condizione di un bambino mai visto. Forse sarebbe utile un colloquio con uno specialista per escludere eventuali problematiche che magari non è sempre facile vedere, dalla difficile posizione di genitore. Mi sembrerebbe indicato, comunque, un colloquio con entrambi i genitori oltre che con il bambino.

(Risponde la Dott.ssa Bongiorno Laura)

Pubblicato in data 14/12/09
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su Psicologi Italiani

Pubblicità
Vuoi conoscere i libri che parlano di Infanzia/Adolescenza per saperne di più?
Cercali su Psiconline® Professional Store

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Angoscia [1593361574931]

alex, 41 anni   Salve, ho bisogno tanto di un supporto psicologico, un mental coach sarebbe l'ideale. Vivo con mia madre da sempre, non ho amici, so...

senso di colpa e dipendenza […

Marco, 30 anni Proverò a essere breve. Mi sono sempre sentito in generale infelice, anche quando le cose mi vanno bene, ho sempre avuto difficoltà nelle r...

Non ce la faccio più [15922277…

Ciao03, 16 anni Voglio finirla qua, non riesco più ad andare avanti. Ho 16 anni e sono sempre stata una persona estroversa e vivace piena di amici. Nonos...

Area Professionale

Usi Facebook come professionis…

Facebook è uno strumento molto potente per il professionista ma, contemporaneamente, ha al suo interno molti pericoli che devono essere assolutamente evitati...

Allarme Coronavirus ed operato…

La pandemia per COVID-19 ha causato reazioni diverse, si è potuto osservare tentativi di minimizzare gli effetti di questa problematica e contemporaneamente com...

Il Test del Villaggio nel post…

Il periodo di pandemia collegata al Covid-19 tende progressivamente a ridursi e diventa utile analizzare le reazioni dei pazienti alla somministrazione del Test...

Le parole della Psicologia

Blesità

Per blesità si intende il difetto di pronuncia provocato da una situazione anomala degli organi della fonazione o dalla loro alterata motilità, con conseguente ...

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Insight

L’insight, a livello letterale, ha come significato vedere dentro. Nel linguaggio psicologico italiano i termini  che  più si avvicinano sono: intuizi...

News Letters

0
condivisioni